Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Revisione della patente per decurtamento dei punti

GIURISDIZIONE - art. 126 bis c.d.s. - termine di comunicazione all'Anagrafe- 30 giorni - violazione - annullamento.

Revisione della patente per decurtamento dei punti - GIURISDIZIONE - art. 126 bis c.d.s. - termine di comunicazione  all'Anagrafe- 30 giorni - violazione - annullamento.

Si segnala una recente sentenza del TAR Piemonte (sentenza n. 936/2014) con cui il Tribunale viene ad aderire al più recente orientamento del Consiglio di Stato che ha affermato la giurisdizione del Giudice ordinario relativamente alle controversie in materia di revisione della patente di guida per decurtazione dei punti. (cfr Consiglio di Stato, Ad. Gen., 13 luglio 2012, n. 3395; Consiglio di Stato, Sez. IV, 25 maggio 2012, n. 3089; TAR Piemonte, Sez. II, 27 marzo 2013, n. 393; TAR Lombardia, Milano, Sez. III, 13 maggio 2013, n. 1260; TAR Veneto, Sez. III, 7 giugno 2011, n. 945). 

 

Secondo il TAR Piemonte "la decurtazione dei punti della patente costituisce una sanzione amministrativa conseguente alla violazione di norme sulla circolazione stradale. In particolare va osservato che il meccanismo di sottrazione dei punti dalla patente di guida per effetto dell'accertamento dell'avvenuta violazione del codice della strada costituisce una misura accessoria alle reletive sanzioni: ne consegue che il contenzioso relativo all'applicazione di tale sanzione accessoria, nell'ambito del quale devono ricomprendersi anche le questioni relative all'errenea decurtazione del punteggio, deve ricondursi alla giurisdizione del giudice competente in materia (Giudice di Pace) ai sensi del d.lgs. n. 285/1992, artt. 204 bis e 205 come confermato dal d. lgs. n. 285 del 1992, art. 216 comma V, relativo alle opposizioni  probonibili  avverso la ulteriore misura accessoria  della sospensione della patente". 

 

Con suddetta sentenza pertanto il TAR ha dichiarato inammissibile per difetto di giurisdizione del giudice amministrativo invitando la parte a riassumere il procedimento avanti il giudice competente. (in realtà era il giudice di pace ad avere pronunciato il proprio difetto di giurisdizione rimettendo la causa avanti il TAR il quale a sua volta ha dichiarato il proprio difetto di giurisdizione). 

Si segnala, altresì, che nel procedimento per riassunzione radicato avanti il Giudice di Pace Territorialmente competente (Giudice di Pace di Torino), in seguito alla sentenza del TAR sopra riportata,  questi ha accolto il ricorso annullando il provvedimento di revisione della patente di guida sulla scorta della considerazione che la comunicazione della detrazione dei punteggi da parte degli organi competenti all'Anagrafe Nazionale è avvenuta oltre il termine di trenta giorni previsto dall'articolo stesso. (sentenza n. 890/2015 del 24/02/2015). 

Il Giudice di Pace  a riguardo ha evidenziato che sebbene il termine di trenta giorni previsto dall'art. 126, II comma, c.d.s non costituisca termine perentorio previsto a pena di nullità, debba pur tuttavia essere fissato un termine affinchè il cittadino non sia esposto a tempo indeterminato all'applicazione di una sanzione amministrativa da parte della P.A. 

 

A parere del Giudice di Pace pertanto, "Per garantire l'equilibrio del sistema previsto dall'art. 126 bis c.d.s. (detrazione del punteggio, eventuale azzeramento, e frequenza dei corsi di recupero) si ritiene che questo termine coincida con  quello di trenta giorni previsto in via generale dall'art. 2 della legge n. 241/1990 per la conclusione dei procedimenti amministrativi da parte delle amministrazioni statali e degli enti pubblici nazionali". 

E quindi:
"nel caso di specie la comunicazione della detrazione, che sarebbe avvenuta tra il luglio e il novembre 2013, in riferimento a verbali elevati cinque anni prima, supera di gran lunga il termine indicato e comporta la illegittimità del consequenziale provvedimento di revisione della patente emesso a seguito della (tardiva) comunicazione di azzeramento del punteggio. Per tali ragioni il ricorso deve essere accolto e pronunciato l'annullamento del provvedimento di revisione della patente di guida".

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Responsabilità civile

Avv. Bruna Puglisi - Torino (TO)

Avv. Bruna Puglisi

Avvocati / Civile

Via Sagliano Micca 3 Cap 10121 Torino (torino)

10121 - Torino (TO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo