Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Contratto a tutele crescenti, nuovi assunti

Con il Jobs Act il contratto di lavoro a tempo indeterminato, per i nuovi assunti, diventa un contratto di lavoro a c.d. a tutele crescenti

Contratto a tutele crescenti, nuovi assunti - Con il Jobs Act  il contratto di lavoro a tempo indeterminato, per i nuovi assunti, diventa un contratto di lavoro a c.d. a tutele crescenti

A fare data dal 7 marzo 2015 ad ogni nuova assunzione  a tempo indeterminato in forza del  Jobs act verrà applicato nuovo regime di tutela in caso di licenziamento illegittimo.
Per chi è già in forza presso la società con contratto di lavoro a tempo indeterminato  nulla cambia. 


Il nuovo contratto a tutele crescenti si applica  a tutti i nuovi assunti a prescindere dalle dimensioni dell'azienda.
La nuova disciplina non si applica nel pubblico impiego.
 

L'articolo 18, che pur formalmente rimane, è del tutto stravolto e si applica solo nel caso di  licenziamenti nulli o discriminatori.
Il licenziamento discriminatorio riguarda ad esempio i casi in cui avvenga per motivi legati a credo politico o fede religiosa, appartenenza ad un sindacato o partecipazione attività sindacali, partecipazione a uno sciopero, discriminazioni di natura razziale, di lingua o di sesso.
Gli altri casi di nullità del licenziamento si hanno se il licenziamento avviene per matrimonio, gravidanza, diritti legati a maternità e paternità (congedi parentali), mentre il licenziamento per mancanza di giusta causa o giustificato motivo viene sanzionato solo con un risarcimento  economico pari a due mensilità per ogni anno di servizio, con un minimo di quattro e un massimo di 24 mensilità.
 

Nelle piccole imprese, quelle con organico inferiore a 15 unità, l’indennità in caso di licenziamento ingiustificato è dimezzata (quindi è pari a una mensilità per ogni anno di lavoro), e non può comunque superare le sei mensilità.
 

E' prevista per i neo assunti una nuova procedura di conciliazione
Il datore di lavoro può offrire al dipendente un’indennità risarcitoria non assoggettata a contribuzione ne rilevante ai fini dell’imponibile IRPEF pari a una mensilità per ogni anni di servizio, in misura comunque non inferiore a due mensilità e non superiore a 18.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

JOBS ACT, le nuove assunzioni

Tutto cambia con l'entrata in vigore del contratto a tutele crescenti operativo dal 7 marzo. Il nuovo regime si applica a tutti i nuovi assunti

Continua

Jobs act: le novità

Con il Jobs act viene mutata la normativa lavoristica semplificando la costituzione del rapporto di lavoro

Continua

Associazione in partecipazione

Contratto associativo con il quale si ricompensa una attività lavorativa con gli utili che possono derivare dalla partecipazione in associazione

Continua

Licenziamento disciplinare

La tempistica nel licenziamento disciplinare è essenziale per un valido esercizio dello stesso. Come va intesa l'immediatezza della contestazione

Continua

Contratto a termine, nuova formulazione

Il contratto a termine, recentemente, ha subito diverse modifiche. La più rilevante è data dalla possibilità di stipulare contratti privi di causa

Continua

Appalto e interposizione fittizia di manodopera

A quali condizioni può intendersi genuino un appalto con utilizzo di manodopera da parte del committente. Conseguenze e sanzioni per appalto illecito

Continua

Tutela della maternità

La donna lavoratrice gode di particolare tutela in caso di maternità sussistendo per il datore di lavoro diversi divieti.

Continua

Mobbing e dequalificazione

Svuotamento delle mansioni e configurazione del Mobbing

Continua

Obblighi del committente - Decreto Fare

Responsabilità del committente nei confronti del personale dipendente da altre aziende

Continua

Licenziamento e periodo di comporto

Problematica relativa al licenziamento per superamento del comporto e all'obbligo o meno del preventivo tentativo di conciliazione

Continua