Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto commerciale

Mediazione finanziaria, l'operazione “non adeguata

Sentenza della Cassazione del marzo 2015 condanna ancora la banca per bond argentini

Mediazione finanziaria, l'operazione “non adeguata - Sentenza della Cassazione del marzo 2015 condanna ancora la banca per bond argentini

Sono sempre più ridotti gli spazi per le banche allorquando i gestori del credito, contraenti forti, sono chiamati in giudizio dai piccoli risparmiatori a dare conto del proprio operato in tema di intermediazione di prodotti finanziari

 

Anche gli ultimi appigli, poggiati sulla presenza di moduli prestampati i quali, barrati dall’investitore, fornirebbero un quadro completo del profilo del cliente, sembrano cadere nel vuoto. 

La Corte di Cassazione con la recente sentenza numero 6376 del 30 marzo 2015 ha affermato principi semplici ma di assoluta rilevanza. La Corte, analizzando un contratto di mediazione finanziaria diretto all’acquisto delle note obbligazioni argentine e di un fondo comune di investimento, ha valutato se la condotta di una banca di primaria importanza fosse rispondente al dettato delle norme contenute nel Regolamento Consob numero 11522 del 1998. 

 

La banca – afferma la sentenza dello scorso marzo - ove riceva da un investitore disposizioni per un'operazione "non adeguata", ha il dovere di informare il risparmiatore di tale circostanza e delle ragioni per cui non è opportuno procedere alla sua esecuzione. A quel punto, sottolinea la Corte, l’operazione potrà essere eseguita solo se l'investitore insista, a mezzo di un ordine impartito per iscritto, in cui sia fatto esplicito riferimento alle avvertenze ricevute. 

 

In sintesi, l'intermediario bancario deve adeguatamente raccogliere e valutare le informazioni utili a ricostruire il profilo di rischio dell'investitore. Obbligo che non viene soddisfatto solo perché nel contratto la casella al diniego di informazioni da parte del risparmiatore rechi il contrassegno, in quanto il documento – continua la sentenza – era stato stipulato quattro anni prima degli investimenti, esso era quindi privo della necessaria attualità. 

I principi espressi dalla giurisprudenza rafforzano la tutela effettiva dei risparmiatori e riducono i possibili arbitrii delle banche, fonte negli ultimi anni di disfunzioni del sistema finanziario, come hanno dimostrato le vicende Cirio e Parmalat prima, Lehman Brothers, bond argentini e i prodotti derivati in tempi più recenti.  

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto commerciale

Studio Legale Morena, Associato "attis Legal" Barcellona - Salerno (SA)

Studio legale Morena, associato "Attis Legal" Barcellona

Avvocati / Civile

Via Torretta, 4

84122 - Salerno (SA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Come costituire una società in Mozambico

Il paese con maggiori opportunità nella regione sud-orientale dell'Africa

Continua

La costituzione di società in Kazakhstan

La strada dell’Est per gli imprenditori italiani

Continua

Prodotti finanziari spazzatura

Nuova condanna per il MPS per i contratti “4 You” e “My Way”

Continua