Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Appunti per un nuovo Diritto alla Salute

Libertà di indirizzo alla salute e della scelta terapeutica (in collaborazione con il Dottor Franco Verzella)

Appunti per un nuovo Diritto alla Salute - Libertà di indirizzo alla salute e della scelta terapeutica (in collaborazione con il Dottor Franco Verzella)

Nella società moderna la Salute non viene più interpretata come semplice assenza di malattia o di infermità, ma come una condizione di completo benessere fisico, mentale e sociale (WHO, 7 Aprile 1948).
In questi ultimi sessanta anni la definizione formulata dalla Organizzazione Mondiale della Sanità ha ricevuto una straordinaria conferma da parte della Ricerca Scientifica, grazie ai contributi della biologia molecolare e della fisica quantistica, che ci rivelano come la Salute sia il risultato di una rete sterminata di relazioni tra ambiente, comunità e individuo e ne esprima la complessità e l’armonia.

La Domanda di Salute è diventata pressante per il diffondersi del desiderio e della consapevolezza di poter conquistare e fruire nel tempo della nostra esistenza di livelli superiori di libertà fisica e mentale, contraendo il carico di dipendenze ancestrali prodotte dalla fame, dalle malattie, dall’ignoranza, dalle barriere sociali, dallo spazio. Gli interrogativi che noi ci poniamo sulla salute, ogni giorno con maggior insistenza, sono gli stessi che riguardano la nostra individualità e la qualità della nostra esistenza. Questo è il motivo fondamentale per cui la risposta del Medico non ci basta più e sentiamo l’esigenza di interpretare e promuovere il nostro stato di salute all’interno di un contesto che comprenda la nostra storia, la quotidianità e l’ambiente in cui viviamo. Il tema della Salute dell’Individuo nell’esperienza quotidiana si pone così al centro della vita della comunità, come obiettivo primario dell’impegno sociale e avvio di una nuova democrazia biologicamente alfabetizzata, dove l’educazione scolastica da contesto competitivo viene promossa a esperienza collaborativa ed empatica, dove giungiamo a capire che la nostra vita è unica, irripetibile e fragile ed è questa percezione esistenziale della nostra sola e unica vita che ci consente di empatizzare con la medesima esperienza degli altri e di manifestare a loro la nostra solidarietà, dove l’intelligenza non viene intesa come qualcosa che si eredita o una risorsa che si accumula, ma un’esperienza condivisa e distribuita fra le persone.

La nuova democrazia come luogo di Salute e di Rigenerazione, in cui la nostra identità possa essere valutata nelle sue forme sensibili e la nostra vita mentale venga riconosciuta nella sua dimensione reale di antenna di una individualità biologica ed energetica astronomicamente più vasta rappresentata dalla nostra salute, che vive di relazioni molecolari ed energetiche in successioni di milionesimi e miliardesimi di secondo, in simbiosi assoluta e vibrante con l’ambiente e dove il destino esclusivamente temporale della nostra avventura possa nutrirsi di speranza di poter godere nel tempo che ci viene concesso di livelli superiori di libertà, di salute, di felicità, di realizzazione, di cambiamento. La interpretazione di ciò che è “buono e giusto” secondo il Diritto risulta fortemente influenzata da una serie numerosa di fattori, quali la cultura, le tradizioni, la politica, la religione, il momento storico, le condizioni economiche. La estrema complessità e la intensità del cambiamento che caratterizzano la società globalizzata, l’intreccio delle diverse culture, la rapida obsolescenza delle tecnologie e delle mode, la teoria del profitto per il profitto, il controllo esercitato dalle multinazionali nei confronti dei governi centrali, delle istituzioni, della comunità medica e scientifica, la diffusione delle malattie cronico degenerative, la inadeguatezza dell’approccio medico specialistico farmacodipendente, dedicato alla patologia d’organo richiedono una pronuncia solenne e comprensiva della sovranità dell’individuo che garantisca la: LIBERTA’ DI INDIRIZZO ALLA SALUTE E DELLA SCELTA TERAPEUTICA PER SE’ ED I PROPRI FIGLI.

La garanzia di questa libertà, che lo Stato si impegna ad onorare e  difendere, costituisce la premessa per lo sviluppo di una nuova democrazia biologicamente alfabetizzata ed in armonia con le leggi  della Vita sul Pianeta. Alla luce di queste nuove conoscenze il DIRITTO ALLA SALUTE può così essere riletto, secondo una nuova, diversa e più inclusiva comprensione  della nostra partecipazione al bene comune. In un’epoca come la nostra, caratterizzata dalla emergenza e dal degrado a molti e vari livelli, ma anche dalla straordinaria disponibilità di mezzi e di conoscenze, per la prima volta abbiamo l’opportunità di formulare comportamenti di salute come progetti di sviluppo dedicati all’uomo e creare una risposta forte e coerente a quella domanda di benessere che vive in ciascuno di noi!

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il medico, il vaccino e la petizione galeotta...

Francia: più di un milione di persone a sostegno del Professore che denunciava la pericolosità del vaccino esavalente Infanrix Hexa

Continua

Quando il dente duole

Il danno bioneuropsicologico da responsabilità professionale in campo odontoiatrico ed odontoprotesico

Continua

Vaccini all'asilo...

Ovvero, come violare la legge nazionale cercando pure il plauso dei cittadini...

Continua

Corruzione nella Sanità, una ASL su tre coinvolte

Alcuni dei dettagli trapelati dal rapporto di Transparency fanno rabbrividire... e riflettere

Continua

Non (quasi) è mai troppo tardi...

Considerazioni sulla presunta "intempestività" di una domanda amministrativa ex lege 210 del 1992

Continua

In Lombardia la farmacovigilanza è a rischio?

E’ uno dei fiori all’occhiello della sanità lombarda, ma ormai ci lavora solo un borsista con contratto in scadenza a marzo. Invece all’alba del2014...

Continua

Il futuro (?) della Legge 210 del 1992

Il silenzio rigetto: una prognosi infausta dal sapore antisociale che fa riflettere…

Continua

Salute e diritti: un monito alla classe politica

Il fatto che gli uomini non imparino molto dalle lezioni della storia è l'insegnamento più importante che la storia può offrire. (ALDOUS L. HUXLEY)

Continua

I diritti di chi non vuol vaccinare i propri figli

Si fa un gran parlare, e spesso a sproposito, della proposta di riforma della normativa vigente in materia di vaccinazioni obbligatorie...

Continua

Novità per i danneggiati da sangue infetto!

La patologia psichica come doppia patologia nel danno da emotrasfusione infetta

Continua

Mappatura del sistema linfatico. Una rivoluzione?

Scoperti vasi linfatici nel cervello: possibili nuove spiegazioni alle malattie neurologiche con componente immunitaria

Continua

Danno da vaccino: vittoria a favore dei "fuori termine"!

Non è mai troppo tardi per proporre la domanda ai sensi della legge 210 del 1992...

Continua

Una rivoluzione copernicana in tema di Sanità

Appunti per un approccio alla salute di tipo multidisciplinare e finalizzato al perseguimento di una stabile condizione di benessere

Continua

La Sensibilità Chimica Multipla e le malattie rare

Esistono molte malattie rare per le quali è possibile chiedere assistenza allo Stato o promuovere una causa risarcitoria in danno dei responsabili.

Continua

Il “nesso causale” previsto dalla legge 210/92

In materia previdenziale/assistenziale è sufficiente un coefficiente di ragionevole probabilità, se non contraddetto da altre risultanze processuali

Continua