Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

TFR mensile in busta paga

Ancora una volta viene trasformata la natura di questo istituto contrattuale che diventa una forma di integrazione della retribuzione ordinaria

TFR mensile in busta paga - Ancora una volta viene trasformata la natura di questo istituto contrattuale che diventa una forma di integrazione della retribuzione ordinaria

La Legge di Stabilità 2015 ha introdotto in via sperimentale la liquidazione in busta paga della quota di Tfr maturanda (Qu.i.r), su richiesta del lavoratore, per i periodi paga dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018. La quota di Qu.i.r  da erogare è pari alla quota maturanda di Tfr del mese al netto, se dovuto, del contributo dello 0,5 IVS. 

 

I soggetti interessati sono tutti i lavoratori dipendenti del settore privato, esclusi i lavoratori domestici e i lavoratori del settore agricolo, che abbiano un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso il medesimo datore di lavoro. La richiesta da parte del lavoratore è irrevocabile fino al 30 giugno 2018 e può avvenire anche in caso di scelta di destinazione del Tfr a forme pensionistiche complementari. In tal caso viene sospeso il versamento della quota Tfr al fondo ma proseguono i versamenti di eventuali contribuzioni ditta e dipendente al fondo stesso. 

 

Gli importi erogati come “quota maturanda Tfr” sono soggetti a tassazione ordinaria e concorrono alla formazione del reddito complessivo ai fini del calcolo delle detrazioni d'imposta; non concorrono invece nella determinazione del reddito complessivo ai fini dell'erogazione del credito degli 80 euro. Resta altresì confermata l'esenzione contributiva. 

La norma prevede inoltre a favore dei datori di lavoro, a fronte dello sforzo finanziario che potrebbero essere chiamati a sostenere, delle misure compensative di sostegno fra loro alternative: 

Datori di lavoro fino a 49 dipendenti  

Pacchetto 1 

Possibilità di dedurre un importo pari al 4% dell'ammontare del Tfr annualmente liquidato in busta paga; 

abbattimento del contributo al Fondo di garanzia Tfr nella stessa percentuale di Tfr liquidato in busta paga; 

concessione di un esonero contributivo sui contributi sociali pari allo 0,28%. 

Pacchetto 2 

I datori di lavoro possono accedere al credito bancario allo stesso costo finanziario cui è soggetto il Tfr (75% dell'Istat più coefficiente fisso dell'1,50%); il credito così concesso dalle banche sarà assistito dalla garanzia dello Stato per tramite di un apposito fondo istituito presso l'Inps 

abbattimento del contributo al Fondo di garanzia Tfr nella stessa percentuale di Tfr liquidato in busta paga. 

 

Datori di lavoro oltre 49 dipendenti  

Possibilità di dedurre un importo pari al 6% dell'ammontare del Tfr annualmente liquidato in busta paga; 

abbattimento del contributo al Fondo di garanzia Tfr nella stessa percentuale di Tfr liquidato in busta paga; 

concessione di un esonero contributivo sui contributi sociali pari allo 0,28%.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La nuova disciplina dei licenziamenti individuali

Per i neo assunti eliminata la possibilità della reintegrazione nel posto di lavoro e indennizzo economico crescente con l'anzianità di servizio

Continua

NASPI - i nuovi sussidi per la disoccupazione

Dal 1 maggio 2015 i dipendenti che restano disoccupati riceveranno un nuovo sussidio che unifica e sostituisce quelli attualmente esistenti.

Continua

Panoramica delle assunzioni agevolate

Vediamo una breve sintesi su agevolazioni, benefici e incentivi per le imprese che assumono

Continua

Bonus assunzioni garanzia giovani

Un'iniziativa concreta per promuovere l'inserimento occupazionale dei giovani e agevolare le imprese che assumono

Continua

Fondo di solidarietà residuale

Istituito con la legge n.92/2012, sostituirà gradualmente la cassa integrazione in deroga, ma sarà finanziato integralmente dai datori di lavoro

Continua