Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Agenzie di recupero crediti: scorrettezze

I comportamenti scorretti delle agenzie di recupero crediti

Agenzie di recupero crediti: scorrettezze - I comportamenti scorretti delle agenzie di recupero crediti

Conseguentemente alla crisi economica che ha colpito il nostro paese molte famiglie italiane si sono trovate nell'impossibilità di far fronte al pagamento di prestiti e mutui stipulati con Banche e Società Finanziarie. 

A seguito di quanto sopra molte persone si sono, purtroppo, imbattute nelle scorrettezze che vengono costantemente perpetrate dalle agenzie di recupero crediti

 

Esiste una sorta di elenco di comportamenti che le società di recupero crediti non possono mai porre in essere.  

Non possono chiamare da numeri anonimi poiché il debitore ha diritto di sapere da quale numero telefona l’operatore.  

Non possono negare le proprie identità considerato che il debitore ha diritto di conoscere nome e cognome di chi lo chiama e la società dalla quale questi sta chiamando. 

Non possono telefonare in orari assurdi ora di colazione verso le 06:00 o dopo cena oltre le 21:00. 

Non possono chiamare insistentemente con frequenza di cinque minuti, a volte anche di cinque secondi tra una telefonata e l'altra, per un totale di oltre cinquanta telefonate al giorno. 

In realtà una chiamata a settimana sarebbe già più che sufficiente per ricordare il proprio impegno al debitore. 

Non possono chiamare presso il luogo di lavoro o presso parenti. 

Non possono disturbare i vicini di casa per ottenere il numero del debitore rivelando per di più le ragioni di tale necessità. 

Non possono essere offensivi, ne minacciare l’arrivo dell’ufficiale giudiziario o l’iscrizione di un’ipoteca sulla casa poiché è un fatto che non corrisponde al vero. Per arrivare a ciò devono essere prima avviati gli atti legali tramite un avvocato che comporta anche il trascorrere di notevole tempo affinché il debitore si difenda (solitamente viene notificato un decreto ingiuntivo o una citazione in giudizio e successivamente un atto di precetto). 

Non possono minacciare iniziative legali sproporzionate: a fronte di un residuo debito di pochi euro non si possono paventare conseguenze catastrofiche come una dichiarazione di fallimento o la sottrazione di un immobile piuttosto che di un autoveicolo. 

Non possono richiedere il pagamento di debiti che si sono ormai prescritti. 

Non possono pretendere che venga aperta la porta al loro incaricato che non è neanche un esattore ma un soggetto privato. 

Non possono affiggere sulla porta della abitazione del debitore un avviso di mora visibile a tutti. 

 

Sul punto si è espresso recentemente il Tribunale di Pescara con una sentenza in cui una Banca veniva condannata a versare ad un cliente la somma di euro 10.000,00 a seguito delle angosce da questo patite conseguentemente alle ingerenze dell'agenzia di recupero crediti incaricata proprio dal creditore

Nel caso di specie il debitore riceveva telefonate continue, prima sulla sua utenza, poi anche su quelle del fratello e della nonna anziana. Successivamente l'esattore si era persino recato in Puglia presso l'abitazione della nonna malata del debitore onde insistere nel recupero della somma con molestie e minacce. 

A causa del dimostrato stress psicologico il debitore si vedeva riconoscere dal Tribunale adito la somma di euro 10.000 a titolo di danno psicologico e per la violazione della privacy. 

Pertanto chi dovesse incorrere in tali atteggiamenti scorretti da parte di agenzie di recupero crediti si potrà rivolgere ad un legale che diffiderà immediatamente la Società affinchè tali comportamenti cessino subito.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Federica Battistoni - Ancona (AN)

Avv. Federica Battistoni

Avvocati / Penale

Via Largo San Cosma 3

60121 - Ancona (AN)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Niente tenuità del fatto se c`è continuazione

Nessuna assoluzione per particolare tenuità per chi commette due o più reati di lieve entità

Continua

Esiste lo stalking anche senza legami affettivi

Chi si fa giustizia da sé rischia la condanna per stalking

Continua

Quando un post su facebook è stalking

Attenzione a quello che si scrive nei social network. Più post allusivi riferiti alla stessa persona possono integrare il reato di stalking.

Continua

Lo stalking condominiale

Come tutelarsi quando il vicino di casa è molesto e dispettoso

Continua

Assegno di mantenimento e presunzioni

Come si calcola l'importo dell'assegno quando l'ex coniuge lavora in nero?

Continua

Maltrattamenti in famiglia

L`offesa si dovrà concretizzare in reali vessazioni non essendo sufficienti i semplici litigi

Continua

Maltrattamenti in famiglia

Il reato si configura anche nella convivenza

Continua

Depenalizzazione: come ci si difende dall`ingiuria

“Attenzione. L’offesa ha ancora un costo”

Continua

Violenza sessuale su minorenni via internet

Una prassi, ormai, molto diffusa

Continua

Sfratto per morosità

Una procedura lunga e sfavorevole al proprietario dell`immobile. Consigli pratici

Continua

Maltrattamenti in famiglia. Art. 572 C.P.

Sempre più spesso la violenza è una "faccenda" di famiglia

Continua

Risarcimento al convivente della vittima del reato

Nuove disposizioni dopo l'adeguamento della legislazione interna ai dettami dell’Europa sulla tutela delle vittime dei reati

Continua

Diffamazione tramite Facebook

La diffamazione si configura sia tramite la pubblicazione di un post denigratorio come pure mediante la pubblicazione di un commento offensivo

Continua

L'addebito della separazione. Quando si, quando no

Motivi di addebito della separazione

Continua

Violenza sulle donne e stalking

Violenza sulle donne, l'aumento dei processi per stalking

Continua

Rapporti tra nonni e minori post riforma

Il rinnovato art. 317 bis del Codice civile: "diritto dei nonni ad intrattenere significativi rapporti con i nipoti minori"

Continua

Equitalia: esiste un termine per iscrivere ipoteca

L'ipoteca può essere iscritta senza ulteriori preavvisi anche dopo molto tempo dalla notifica della cartella esattoriale

Continua