Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Nuova procedura esattoriale

Eliminata la cartella esattoriale

Nuova procedura esattoriale - Eliminata la cartella esattoriale

Al fine di rendere la riscossione dei tributi più semplicel’art. 29 del D.L. 78/2010 ha modificato le regole in materia di riscossione coattiva delle somme dovute. 

 

Le attività di riscossione relative agli atti emessi a partire dal 1 ottobre 2011 e relativi a periodi d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2007 e successivi, divengono esecutivi decorsi 60 gg dalla notifica. Dopo ulteriori 30 giorni (quindi dopo 90 giorni dalla notifica dell’atto impositivo) senza che, nel frattempo, sia intervenuto il pagamento di quanto dovuto dal contribuente – a titolo definitivo (se ha scelto di non impugnare l’atto impositivo) o provvisorio (se ha presentato ricorso) – la riscossione delle somme dovute è affidata in caricoall’agente della riscossione (Equitalia),che può procedere in via coattiva. 

 

L’esecuzione forzata – per espressa previsione normativa – resta sospesa per un periodo di 180 giornidecorrenti dall’affidamento del credito ad Equitalia; fatto salvo il caso in cui l’agente della riscossione – dopo l’affidamento del credito, ma prima dei termini previsti per l’esecuzione forzata – venga a conoscenza di elementi idonei ad integrare un fondato pericolo per il positivo esito della riscossione. 

La predetta sospensione (dell’esecuzione forzata) non opera, però, con riferimento alle misure cautelari e conservative (ad esempio, l’iscrizione ipotecaria, il fermo amministrativo di beni mobili registrati, il sequestro conservativo, l’ azione revocatoria ordinaria), che – dunque – possono essere adottate a decorrere già dal momento dell’affidamento del credito all’agente della riscossione. 

In proposito, va ricordato che l’ esecuzione forzata deve essere avviata, a pena di decadenza , entro il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello in cui l’accertamento è divenuto definitivo; e che, decorso un anno dalla notifica dell’avviso di accertamento, l’agente della riscossione, prima di iniziare il pignoramento, è tenuto a notificare l’intimazione ad adempiere (ex art. 50, D.P.R. 602/1973). 

 

Alla luce della nuova riforma di riscossione, si ricava: 

– che l’Amministrazione finanziaria ha semplificato la procedura di riscossione dei tributi, eliminando il passaggio attraverso il ruolo e la cartella di pagamentocon conseguente economia di tempo e riduzione di rischi

– per il contribuente ha comportato una riduzione delle garanzie patrimoniali nei confronti delle pretese impositive e sanzionatorie del Fisco, dato che: sul piano procedimentale, deve confrontarsi con i tempi nei quali l’agente della riscossione può adottare misure cautelari ed esecutive; sul piano processuale, nel caso in cui non sia venuto a conoscenza dell’avviso di accertamento (per vizio di notifica o per altro motivo) potrebbe trovarsi a affrontare una esecuzione forzata senza disporre di strumenti giudiziari per opporvisi, dato che l’atto di presa a carico delle somme all’ente di riscossione non è un atto impugnabile presso le Commissioni Tributarie e di conseguenza il contribuente si troverebbe ad essere totalmente passivo in attesa dell’esecuzione forzata. 

 

Prendendo, per esempio, l’ipotesi di un contribuente che riceve tale comunicazione, non avendo invece avuto la notifica dell’accertamento, egli viene a trovarsi in un limbo: ha, infatti, avuto conoscenza della pretesa tributaria ma non ha a disposizione un atto tipico, ovvero ricompreso nel novero dell’articolo 19 del Dlgs 546/92, contro cui proporre impugnazione, essendo costretto ad aspettare che l’agente della riscossione ponga in essere le gravose azioni esecutive per poter incardinare la propria azione e adire la Commissione tributaria. La Ctp di Bari, al momento  pone un rimedio a tale situazione, stabilendo “che la comunicazione di affidamento all’esattore delle somme derivanti da avviso di accertamento è un atto contro cui è possibile incardinare il giudizio tributario, per contestare la pretesa e la mancata notificazione del presupposto accertamento”. 

 

Pertanto, prima che si consolidi questa nuova “metodologia” di riscossione – e venga estesa, poi, anche ad altri settori impositivi – sarebbe auspicabile un intervento legislativo, nonché della Corte Costituzionale, come già fatto in precedenza, che ripristinasse l’equilibrio delle parti del rapporto tributario, contemperando l’esigenza di semplificare e, se possibile, anche “velocizzare ” la riscossione, con quella – altrettanto costituzionalmente rilevante – di assicurare al contribuente una adeguata e tempestiva tutela dei propri diritti patrimoniali. 

Dott. Federico Avanzolini

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Separazione e divorzio

Brevi riflessioni sulle recenti riforme

Continua

Negoziazione assistita parere obbligatorio del PM

Prime applicazioni in concreto

Continua

Separazione e divorzio semplificato

Applicabilità in concreto della norma prevista dalla Legge n.162/2014

Continua

Regime patrimoniale dei coniugi e divorzio

Particolari ipotesi di mutamento nel regime patrimoniale dei coniugi

Continua

Debiti con il fisco

Equitalia potrebbe rinunciare ai crediti inesigibili

Continua

Danno da vacanza rovinata

Il danno non patrimoniale non sussiste nel caso di pregiudizio non grave

Continua

Separazione e divorzio

Cosa cambia in concreto con la riforma approvata al Senato

Continua

Separazione e divorzio assistiti dall'Avvocato

Cosa cambia con la riforma in itinere: l’accordo consensuale di separazione o divorzio potrà essere stipulato anche in presenza di figli minori

Continua

Divorzio Breve

Negoziazione assistita ed adempimenti successivi dell'avvocato

Continua

Equitalia non può pignorare la prima casa

Una recente pronunzia della Corte di Cassazione ribadisce il principio della impignorabilità della casa di abitazione

Continua

Divorzio Breve

Nuova disciplina sullo scioglimento del matrimonio

Continua

Vacanza rovinata

Giudice di Pace: responsabilità solidale della compagnia crocierista e di quella aerea

Continua

Vacanza Rovinata

Concrete possibilità risarcitorie

Continua

Vacanza Rovinata

vademecum per rimediare

Continua

Divorzio immediato, legge straniera

Coniugi di nazionalità diversa possono chiedere concordemente al giudice di applicare la legge del paese di uno dei due per divorziare

Continua

Separazione e divorzio

Cassazione: rischia la decadenza dalla potestà genitoriale chi impedisce ai figli di vedere i nonni dopo la morte del coniuge

Continua

Il danno da vacanza rovinata

La prova del danno da vacanza rovinata è intrinseca nella dimostrazione dell’inadempimento

Continua

Divorzio breve

Le novità più interessanti del Ddl sono in corso di approvazione al Senato

Continua

Vacanza rovinata - Pubblicità ingannevole

Quando la tanto agognata vacanza si trasforma in un incubo

Continua

Giudizio di separazione

E` reato esibire nel giudizio di separazione la corrispondenza bancaria del coniuge

Continua

Il Processo Civile Telematico

Breve resoconto a poco più di un mese dalla introduzione dell'obbligo dell'invio telematico degli atti processuali

Continua

Il divorzio breve

Le ultime novità della riforma

Continua

Divorzio e annullamento alla Sacra Rota

Tra le due richieste ci sono importanti differenze di carattere patrimoniale

Continua