Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto del lavoro

Impugnabilità verbale conciliazione

Art. 2113 comma 4, c.c.: inoppugnabilità verbale conciliazione in sede sindacale, illeicità della causa, indeterminatezza dell`oggetto

Impugnabilità verbale conciliazione - Art. 2113 comma 4, c.c.: inoppugnabilità verbale conciliazione in sede sindacale, illeicità della causa, indeterminatezza dell`oggetto

Il verbale di conciliazione è una transazione che viene effettuata tra le parti.
Il nostro ordinamento giuridico lo definisce, ai sensi dell'art. 1965 c.c., come un contratto con cui le parti prevengono o pongono fine ad una lite facendosi reciproche concessioni, con le quali possono costituire, modificare, o estinguere anche rapporti diversi da quello oggetto della pretesa e contestazione.
Elementi fondamentali della transazione sono le reciproche concessioni (o reciproche rinunce) tra le parti: trattasi dunque di un contratto oneroso a prestazioni corrispettive, non traslativo, sebbene idoneo a produrre effetti traslativi.

La transazione può avvenire o con l'intervento delle sole parti o con l'ausilio di terzi, e in tal caso si parla di conciliazione. La conciliazione e la transazione, pur avendo entrambre la funzione di comporre la lite, differiscono, oltre che per l'attività del terzo conciliatore, anche per la posssibilità che nella conciliazione vi siano concessioni soltanto da una parte. Si può dire, dunque, che la transazione sia uno dei possibili contenuti, se non il più frequente, della conciliazione.
La conciliaziozne svolta in sede sindacale è immediatamente valida e non può essere impugnata nel termine di sei mesi previsto dall'art. 2113 comma 4 c.c..
Tuttavia in alcuni casi, il verbale di conciliazione può essere impugnato perchè mancano i requisiti che rendono valido il contratto (art. 1346 c.c.). Sono fatte salve, quindi, le c.d. ipotesi generali che fanno riferimento al vizio del consenso e all'indeterminabilità dell'oggetto e alla illeicità della causa.
 

La causa è la  funzione cui assolve il contratto e giustifica l'operazione stessa. L'iileicità della causa nella transazione si ravvisa  nel fatto che il compromesso raggiunto dalle parti non risponde alla finalità della legge. La transazione deve realizzare un equo contemperamento degli interessi delle parti, se il compromesso non è equo la funzione viene disattesa.
Le reciproche concessioni delle parti in funzione della definizione di una lite insorta costituiscono la causa del contratto di transazione di cui all'art. 1965 c.c., la cui carenza, integra gli estremi del vizio di nullità assoluta del verbale di conciliazione in sede sindacale ai sensi dell'art. 1418, co. 2, c.c. rilevabile di ufficio (Cass. civ. 24024 del 23/10/2013).

Per quanto attiene alla nullità per indeterminabilità dell'oggetto, l'art. 1966 comma 2 c.c. dispone espressamente che la transazione è nulla se l'oggetto (i diritti oggetto della lite) è sottratto alla disponibilità delle parti.
L'oggetto del contratto deve essere naturalmente determinato o determinabile, non essendo ammessa una transazione generica. Anche in questo caso il verbale di conciliazione sindacale, come nel caso di illeicità della causa,  è impugnabile ai sensi dell'art 1418 comma 2, c.c..
I vizi di nullità dell'atto, ai sensi dell'art. 1418 c.c. possono essere fatti valere sempre in quanto l'azione di nullità è un'azione imprescrittibile.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitą circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirą all'Autoritą Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore č esperto in
Diritto del lavoro

Studio Legale  Avv.tiziana Grieco - Marano di Napoli (NA)

STUDIO LEGALE Avv.Tiziana Grieco

Avvocati / Civile

Via San Rocco, 470

80016 - Marano di Napoli (NA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Gestione del sistema di informazioni creditizie

Violazione del codice deontologico circa le modalità di immissione delle informazioni debitorie in rete

Continua

Mancato superamento del periodo di prova

Illegittimità del licenziamento per mancato superamento del periodo di prova determinato da motivo estraneo al rapporto di lavoro

Continua