Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

La convenzione di negoziazione nella separazione

A tre mesi dall'entrata in vigore della negoziazione assistita, le prime riflessioni sull'utilità della firma della convenzione e sul suo valore

La convenzione di negoziazione nella separazione - A tre mesi dall'entrata in vigore della negoziazione assistita, le prime riflessioni sull'utilità della firma della convenzione e sul suo valore

Per quanto riguarda il diritto di famiglia e la negoziazione assistita, a tre mesi dall'entrata in vigore della norma, ci  si trova a discutere se, anche  nella materia di seprazione e divorzio sia necessaria la firma della convenzione per accedere alla procedura di negoziazione assitita e se la stessa sia un requisito di validità per l'accordo. 

Qualche autorevole commentatore ha sostenuto la tesi che essendo la negoziazione asistita in tema di separazione e divorzio una procedura facoltativa e non obbligatoria, non necessiti dei formalismi propri della negozazione assitita obbligatoria, cioè dell'invito formale e della firma della convenzione di negoziazione, essendo sufficiente solo un accordo scritto e sottoscritto dalla parti  e dai legali. La legge infatti in sede di separazione non parla  nè di invito nè di  convenzione. 

 

Tuttavia  chi   scrive  pensa che  siano ugualmente necessari i formalismi che il legislatore ha previsto per le materie in cui la negoziazione è obbligatoria, prima di tutto perchè cosi come nella materie  obbligatorie, nelle materie  facoltative l'accordo ha la stessa efficacia di una sentenza e, pertanto, se il legislatore ha previsto che condizione necessaria affinchŔ un siffato accordo abbia l'efficacia di una sentenza è,  che sia preceduto dai formalismi quali  l'invito e la convenzione, questi debbono necessariamente esserci anche nella negoziazione in materia familiare nonostante il silenzio del legislatore in questo senso. 

 

Ma c'è anche un'altro motivo per cui a parere di chi scrive la firma sulla convenzione è  essenziale;  la negoziazione assitita infatti trae la sua origine  prima ancora che dal diritto francese  dal diritto anglosassone dove la stragrande maggioranza delle controversie familiari vengono risolte attraverso la pratica collaborativa che è una procedura molto simile alla negoziazione assitita, basata anche essa sulla buona fede, correttezza, lealta e coperta dalla riservatezza. 

 

La firma della convenzione è molto importante perchè le parti  che si accingono ad affrontare questo tipo di procedura devono essere edotte  su cosa stando andando a fare, la negozazione assitita non è la  solita trattativa stragiudiziale  con la quale si arriva  poi alle separazione consensuale,  ma una trattativa ben più complessa, che ha come obiettivo quello di mettere al centro le parti e non gli avvocati, l'obiettivo della negoziazione assitita, dovrebbe essere quello del raggiungimento di un accordo condiviso fatto da e nell'interesse della parti, senza che niente sia demandato ad altre persone, avvocati o giudice che siano. 

Nella convenzione di negoziazione deve essere ben specificato quindi cosa si sta andando a fare: durante la negoziazione  le parti  saranno appunto parti non avversari, la negoziazione deve essere condotta seguendo l'interesse di entrambi, e non  con l'intento di fare "vincere" una parte sull'altra ma di condividere una soluzione che possa essere di beneficio per entrambi  e sopratutto per i minori. 

 

Perchè questo avvenga non bisogna nascondere niente sul tavolo della negoziazione  si devono mettere in partica le nozioni di  buona fede, lealtà, correttezza e soprattutto di  riservatezza del procedimento. 

Tutti questi concetti devono essere ben evidenziati nella convenzione, perchè altrimenti la parti  non sanno che cosa stanno andando a fare e soprattutto  qualora questi concetti  non fossero sufficientemente  specificati nella convenzione le stesse, penserebbero di andare a fare una qualsiasi separazione consensuale che invece è una cosa completamente diversa. 

Un accordo stipualto senza la precedente firma della convenzione di negoziazione, non è che sarà invalido ma necessiterà come è sempre stato fino ad oggi dell'omologa del giudice perchè assumi efficacia ta le parti. 

 

La lettura attenta e la conseguente firma della convenzione devono essere oggetto di un profondo convicimento  della parte e l'avvocato che indirizza la parte verso questo tipo di procedura, dovrebbe dedicare un intero incontro a fare comprendere alla parte stessa tutti  il concetto di lealtà buona fede e correttezza proprie di questo procedimento. 

Nella trattativa riguardanti una comune separazione consensuale le parti in teoria non sono tenute a comportarsi in buona fede; esse il più delle volte si comportano come se fossero davanti al giudice, cercando comunque di ottenere qualcosa a discapito dell'altra, arrivando il più delle volte  non ad un accordo ma ad un compromesso, la separazione consenusale è una trattativa posta in essere dagli avvocati, la negozazione assitita dovrebbe essere invece condaotta dalle parti assistite dagli avvocati.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La morosità incolpevole nella locazione

Guida pratica su cosa fare nei casi della cosiddetta morosità incolpevole per evitare lo sfratto per morosità

Continua

Inquilino moroso? Ecco cosa fare

Gli strumenti a disposizione del proprietario di un immobile locato quando l'inquilino non paga più il canone di locazione .

Continua

Le Unioni civili: un pasticcio tutto italiano

La nuova legge sulle unioni civili se da un parte tutela i diritti delle coppie omosessuali, dall'altra non risolve appieno la discriminazione

Continua

Novità riguardo l' assegno di mantenimento

Al fine di determinare l'assegno di mantenimento dei figli anche maggiorenni ,si deve tenere conto dei debiti dei coniugi.

Continua

La mediazione trasformativa

Il lato umanistico del conflitto giuridico.Distinzione metodologica con l'intervento in mediazione diretto al problem solving.

Continua

Il sovraindebitamento dei privati, uscirne si può

La L n 3/2013 ha introdotto una procedura per facilitare il risanamento dei debiti da parte dei privati, di che cosa si tratta?

Continua

Bambini, privacy e Facebook

Ecco perché è altamente sconsigliato pubblicare foto di bambini piccoli su Facebook

Continua

La pratica collaborativa, che cosa è?

Una serie di domande e risposte per conoscere la Pratica collaborativa. Capire che esiste un altro modo per risolvere le controversie familiari.

Continua

Mantenimento dei figli: cosa dice la legge

Spese ordinarie e spese straordinarie, in mancanza di un preciso riferimento normativo la Suprema Corte tenta di fare un po' di chiarezza

Continua

Come proteggere i figli durante la separazione

Piccoli consigli su come rendere la separazione meno traumatica per i minori, una guida su come i genitori si dovrebbero comportare.

Continua

Mediatore familiare: né avvocato né psicologo

Qual è il ruolo del mediatore familiare nel procedimento di separazione e di divorzio? Una figura professionale che ad oggi ancora non è conosciuta

Continua

La pratica collaborativa: uniti per separarsi

Il paradosso della pratica collaborativa: tutti uniti per separarsi, una procedura che minimizza l'impatto del conflitto sui figli e sulla coppia

Continua

La mediazione familiare reclama il suo spazio

La Mediazione, il migliore strumento per la risoluzione extra giudiziale delle controversie familiari, ancora una volta snobbata dal legislatore

Continua