Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Condomini morosi

Cosa accade quando un condomino è moroso? Quali sono i poteri dell`amministratore?

Condomini morosi - Cosa accade quando un condomino è moroso? Quali sono i poteri dell`amministratore?

La riforma del condominio ha apportato delle modifiche ad alcune norme civilistiche – introducendo diverse modifiche – riguardanti, tra le altre novità,  il mancato pagamento delle quote condominiali al fine di agevolare il relativo recupero dei crediti

 

Infatti, non sono stati posti in essere nuovi strumenti di “attacco” nei confronti dei condomini morosi, ma è stata offerta una migliore definizione di quelli già esistenti, da utilizzare con maggior forza e celerità. In base alla riforma del condominio, l’amministratore è obbligato, in assenza di esenzione da parte dell’assemblea, a richiedere il decreto ingiuntivo di pagamento entro sei mesi dalla chiusura del bilancio. Pertanto una volta approvata la ripartizione delle spese i condomini sono tenuti al versamento delle somme indicate nel prospetto. 

Se ciò non avviene (e quindi i condomini si rendono morosi) l’amministratore è obbligato al recupero del credito entro 6 mesi

- dalla scadenza del debito 

- dalla chiusura dell’esercizio 

 

Diversamente si rende responsabile nei confronti dell’assemblea che può legittimamente decidere di revocarlo.
 

In questa situazione quindi l’amministratore secondo il novellato articolo 1129 c.c. può agire per la riscossione forzosa delle somme dovute dagli obbligati entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio nel quale il credito esigibile è compreso. Il fatto che l’amministratore sia tenuto ad agire “… anche ai sensi dell’articolo 63 …” non vuole dire, a mio avviso, depositare immediatamente il decreto ingiuntivo. L’atto monitorio potrà essere preceduto da un sollecito, ma, una volta decorso il termine concesso, si dovrà procedere con i passi successivi senza indugi. 

 

Tali oneri sono rafforzati da quanto previsto al comma 12 dell’art. 1129 c.c.: costituisce grave irregolarità l’aver omesso di curare diligentemente l’azione giudiziaria e la conseguente esecuzione coattiva. 

 

Nelle more l’amministratore può intraprendere alcuni accorgimenti: 

- sospendere il condomino moroso dalla fruizione dei servizi comuni suscettibili di utilizzazione separata (riscaldamento, acqua, antenna Tv …) nel caso di morosità che si sia protratta per oltre un semestre. Senza diventare “giustizieri dei proprietari” è opportuno utilizzare questo strumento che può debitamente stimolare anche i soggetti più recalcitranti 

- l’assemblea può costituire (ed aumentare o diminuire nel tempo) un fondo cassa; gli importi relativi a tale fondo devono essere addebitati a tutti i condomini e non solo a quelli in regola con i pagamenti 

- se l’assemblea dovesse decidere di sospendere temporaneamente le azioni esecutive è importante che tale decisione risulti verbalizzata espressamente. 

 

Infine vorrei sottolineare che nel caso in cui un condomino ceda la propria unità immobiliare, l’acquirente sarà tenuto al pagamento delle spese relative all’anno in corso e a quello precedente, con facoltà di recuperare dal precedente proprietario quanto pagato

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Avv. Daniela Bonta` - Marsala (TP)

Avv. Daniela Bonta`

Avvocati / Civile

Via Roma, 60

91025 - Marsala (TP)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Danno biologico e terminale alla persona

Risarcibilità del danno non patrimoniale a causa di un danno biologico, morale o terminale alla persona

Continua

Responsabilità della compagnia aerea

Responsabilità della compagnia aerea per il ritardo o la cancellazione del volo aereo. Diritto ad essere risarciti

Continua

Truffa assicurativa RC AUTO

Truffa ai danni delle società assicurative, falsi incidenti e falsificazione dei documenti

Continua

Separazione con addebito

Cosa si intende per addebito della separazione e sue conseguenze sul piano patrimoniale

Continua

Successione testamentaria

Successione a mezzo testamento olografo o per atto di notaio

Continua

Successione legittima

La successione legittima regola il trasferimento dell`eredità qualora la persona defunta non lasci alcun testamento

Continua

Equiparazione tra figli naturali e figli illegittimi

Nessuna distinzione tra figli nati in costanza di matrimonio e fuori dal matrimonio, introduzione del concetto "Unicità del principio di FIGLIO"

Continua

Perdita dell`assegno di mantenimento

Convivenza di fatto e perdita dell`assegno di mantenimento alla luce della nuova sentenza della Cassazione n.6855 del 3 aprile 2015

Continua

Divorzio breve

Il divorzio breve è legge: tempi, decorrenza, anticipazione del momento dello scioglimento della comunione dei beni

Continua