Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Esami invasivi e rapporto medico e paziente

L'articolo esamina il tema del diritto all'informazione medica nell'ambito specifico della medicina predittiva relativa a patologie genetiche feto.

Esami invasivi e rapporto medico e paziente - L'articolo esamina il tema del diritto all'informazione medica nell'ambito specifico della medicina predittiva relativa a patologie genetiche feto.

Nel quadro del rapporto tra il medico e il paziente assume particolare rilevanza il diritto a ricevere un'informazione completa e comprensibile, adeguata a comprendere sia il senso di una prescrizione sia le ragioni del suo eventuale rifiuto, da parte del medico il quale, nell'ambito del medesimo rapporto, aziona anche il proprio diritto al corretto esercizio della professione medica.  

 

Queste considerazioni assumono particolare rilevanza nel contesto della c.d. medicina predittiva, ossia quella pratica medica impegnata ad individuare la presenza di patologie sulla base della positività a taluni screening che permettono di identificarne la presenza con elevato grado di probabilità. Nel caso della medicina predittiva prenatale, in modo particolare, la potenziale patologia, oggetto dell'indagine, riguarda un terzo soggetto, ossia il bambino nel corso della gravidanza, la cui patologia genetica, eventualmente manifestatasi al momento della nascita, può costituire il motivo di doglianze da parte dei genitori nei confronti di medici ed aziende ospedaliere con i quali si sia stabilito un rapporto avente ad oggetto prestazioni sanitarie nel contesto descritto, specialmente laddove la prescrizione degli esami previsti per “predire” la patologia del feto non abbia seguito pedissequamente ed acriticamente la richiesta del o dei genitori, ma abbia formato oggetto di una relazione medica all'esito della quale vi sia stata l'astensione dalla pratica dell'indagine, per motivi legati ai rischi per l'integrità fisica del feto, quali quelli derivanti, ad esempio, dall'amniocentesi.  

 

Su un'ipotesi di tal genere si è recentissimamente pronunciata la Corte di Cassazione [sentenza 2847 del 13 febbraio 2015 pubblicata in Banca Dati Dea, 2015, Massima Redazionale], la quale ha stabilito che «La responsabilità del medico conseguente alla mancata ottemperanza agli obblighi informativi, ha carattere contrattuale e non precontrattuale, di talché a fronte dell'allegazione, da parte del paziente, dell'inadempimento di tali oneri, il professionista è gravato dall'onere di provare di aver adempiuto la relativa obbligazione». Procedendo dalla premessa che qualifica «il medico gravato dell'onere della prova di avere adempiuto alla relativa obbligazione (Cass. civ. 27 novembre 2012, n. 20984; Cass. civ. 9 febbraio 2010, n. 2847) [Cass. 2847/2015 cit.]» avente ad oggetto gli obblighi di informazione, osserva che «detta informazione deve essere completa, senza che si possa presumere il rilascio del consenso informato sulla base delle qualità personali del paziente, potendo queste incidere unicamente sulle modalità dell'informazione, la quale deve comunque sostanziarsi in spiegazioni dettagliate e adeguate al livello culturale del destinatario (confr. Cass. civ. 11 dicembre 2013, n. 27751; Cass. civ. 20 agosto 2013, n. 19220) [Cass. 2847/2015 cit.]», la sentenza della Cassazione ha confermato l'orientamento già espresso dalle Corti di merito (il Tribunale di Rovigo e la Corte d'Appello di Venezia), escludendo un comportamento omissivo dei medici evocati in giudizio, qualificando la loro condotta dissuasiva dell'amniocentesi, nello specifico caso richiesta, perfettamente compatibile con l'obbligo di esaustiva informazione alla quale i medici erano e sono tenuti e la cui condotta si era articolata in più fasi, dal medico curante della gestante e dallo specialista in ginecologia cui il primo aveva rinviato la paziente (del resto «Rientra invero nei doveri informativi del buon sanitario allertare il paziente sui pericoli connessi all'espletamento di indagini invasive, invitandolo a consultare, prima di prendere una decisione definitiva al riguardo, l'esperto del settore [Cass. 2847/2015 cit.]»). Detta dissuasione, nel caso del primo medico, si era resa manifesta mediante la «prospettazione dei rischi abortivi connessi a un accertamento particolarmente invasivo che, in mancanza di precedenti familiari, non appariva necessario», mentre, nel quadro del rapporto con il medico specialista in ginecologia, era stata la stessa gestante ad avere finalmente maturato il proposito di astenersi dall'effettuare l'esame «per tutelare una gravidanza preziosa, in quanto insorta dopo 18 anni di matrimonio [Cass. 2847/2015 cit.]».  

 

La sentenza in commento definisce il diritto di informazione nel rapporto medico paziente come  una realtà circolare, azionata congiuntamente da entrambi i soggetti che lo compongono e che ruota attorno alla prescrizione, tesa a soddisfare un interesse alla cura, mediante competenza e diligenza, nel rispetto del diritto alla salute di tutti i soggetti coinvolti, i quali, nel caso della medicina predittiva prenatale, sono portatori di interessi, non sempre compatibili tra di loro.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Studio Legale Giuseppe Mazzotta - Pisa (PI)

Studio Legale Giuseppe Mazzotta

Avvocati / Civile

Via San Concordio n. 3

56122 - Pisa (PI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Cyberbullismo e tutela della dignità del minore

La legge sul cyberbullismo, introducendo un nuovo termine nella legislazione restituisce, all’art. 2, significato alla originaria dignità del minore

Continua

La legge Gelli/Bianco: la riforma sulla colpa medica

Un sistema di regole per il risarcimento del danno, economicamente sostenibile ed efficacemente garantito

Continua

In Italia è prevista l’adozione del minore e non la maternità surrogata

Anche per la Corte Europea dei diritti dell’Uomo, la pratica di maternità surrogata fonda il legittimo allontanamento del bambino dalla coppia comittente

Continua

L'adozione ed il superiore interesse del minore

La Corte d'appello di Milano sentenzia su un'istanza di adozione piena da persone dello stesso sesso interpretando il concetto di ordine pubblico

Continua

Il contratto di locazione deve avere forma scritta

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione chiariscono in via definitiva gli specifici casi di deroga alla forma scritta nel contratto di locazione

Continua

Legge sull'adozione e piena tutela degli affetti

Permettendo l'adozione anche alle famiglie affidatarie, la legge garantisce la continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare

Continua

Investimenti sicuri? Studiare bene il contratto

Sottoscrivere un contratto di investimento, anche in banca, è operazione economica utilissima, ma occorre osservare le più accorte regole di prudenza

Continua

Mater sempre certa: e se vi è scambio di embrioni?

La vicenda dello scambio di embrioni all'Ospedale Pertini di Roma nell'ordinanza che conferma i principi dell'ordinamento in materia di filiazione

Continua

Gli indirizzi mail utilizzati dai social network

Ricordate sulla mail la frase «Vorrei aggiungerti al mio network professionale su LinkedIn!»? La richiesta deve essere autorizzata salvo risarcimento

Continua

Nozze gay, il matrimonio in ambito di diritto internazionale

Il Consiglio di Stato fa il punto sulle fonti, sia nazionali che sovranazionali, che regolano il matrimonio anche per l'ordinamento di stato civile

Continua

La famiglia ricostituita e l'assegno divorzile

Secondo la Corte di Cassazione (6855/2015), con la famiglia ricostituita da coniugi precedentemente divorziati, cessa per sempre l'assegno divorzile

Continua

Il disoccupato e il suo effettivo reinserimento

La legislazione di Riforma del Diritto del Lavoro prevede strumenti di reinserimento del disoccupato mediante l'acquisto di nuova professionalità

Continua

Quando il venditore offre anche il finanziamento

Le principali regole a tutela del consumatore che, aumentando la propria possibilità di acquisto, sceglie di pagare a rate mediante un finanziamento

Continua

Tutela dei minori e responsabilità dei maggiori

La possibilità per i nonni di agire in giudizio per superare gli ostacoli eventualmente frapposti alla frequentazione dei nipoti e le regole a tutela

Continua

Separazione: le spese straordinarie in Cassazione

L'ordinanza della Cassazione n. 16175 del 30/07/2015 chiarisce definitivamnete cosa deve intendersi per "spese straordinarie" e i criteri di rimborso

Continua

Genitori e garanzia degli obblighi verso i figli

In caso di separazione e divorzio, i rimedi, anche sanzionatori, per il caso di genitori che si sottraggano agli obblighi previsti dal Giudice

Continua

Pignorabile la pensione versata su conto corrente

L'accredito della pensione, in data anteriore al pignoramento, permette di pignorare la pensione in misura eccedente il triplo dell’assegno sociale

Continua

La disabilità a scuola e gli strumenti di tutela

Nel passaggio dall'uso del termine «handicap» a quello «disabile» un percorso normativo di garanzie sempre maggiori e di uguali opportunità per tutti

Continua

Negoziazione Assistita – Il Punto - Ultima parte

L'assistenza dell'avvocato garantisce nella sostanza, con l'accordo tra i coniugi, la tutela di tutti i soggetti, in primis quella dei figli

Continua

La Negoziazione Assistita - Il Punto Parte Seconda

Dopo la circolare 29.07.2015 del Ministero della Giustizia permane l'esigenza di chiarire natura, contenuto e imiti del parere del Pubblico Ministero

Continua

La negoziazione assistita – Il Punto – Parte prima

Il procedimento semplifica le procedure ma valorizza il ruolo dell'avvocato che sia competente e capace di consigliare il proprio cliente

Continua

Agevolazioni prima casa: le regole per la famiglia

In caso di acquisto, in comunione legale, di una casa, il requisito della residenza nel Comune in cui è ubicato l'immobile è riferito alla famiglia.

Continua

Provvigione all'agente immobiliare. Quando e come

E' necessario leggere con attenzione le clausole della proposta di acquisto che si sottoscrive, proponendo anche modifiche rispetto alla provvigione

Continua

Voli internazionali e smarrimento del bagaglio

In caso di perdita del bagaglio in un viaggio all'estero occorre individuare: giudice a cui rivolgersi, norme da applicare, diritti da far valere.

Continua

Legge 44/2015: Sì al prestito dopo i sessant'anni

Il prestito vitalizio ipotecario, con la legge 44/2015, consentirà un agile accesso al credito anche ad ultrasessantenni proprietari di immobili

Continua

La pensione è ancora impignorabile?

L'articolo esamina le conseguenze della legge che, dal 2014, impone di versare la pensione su conto corrente e rende pignorabile la pensione stessa

Continua

Divorzio breve

Il DDL del 22 aprile 2015 che introduce il divorzio breve. Ambito applicativo e Profili di criticità

Continua

Crisi da sovraindebitamento

Il Regolamento per l'iscrizione nel registro degli organismi di composizione della crisi da sovraindebitamento

Continua

Tutela dei minori e responsabilità dei maggiori

L’ascolto del minore nei procedimenti che lo riguardano. Diritto interno e sovranazionale nel quadro della giurisprudenza di merito e di legittimità

Continua