Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Negoziazione assistita e mediazione civile

Collegamenti e differenze tra i due istituti

Negoziazione assistita e mediazione civile - Collegamenti e differenze tra i due istituti

La negoziazione assistita è entrata nel nostro ordinamento con decreto 132/2014, convertito in legge n. 164/2014. Essa riconosce efficacia di sentenza esecutiva al normale e ricorrente accordo tra legali. 

 

Il ricorso a tale procedura alternativa al classico giudizio è obbligatorio in tema di danni da circolazione stradale e natanti, pagamento di somme fino a cinquantamila euro, nelle materie in cui non è obbligatoria la mediazione civile. Non si applica invece nei procedimenti ingiuntivi, inclusa opposizione, nei procedimenti ex art. 696 bis c.p.c., nei procedimenti di opposizione all’esecuzione forzata, nei procedimenti consiliari, nell’azione civile nel processo penale. 

Trattasi dunque di uno strumento alternativo al giudizio, gestito, a differenza della mediazione, dagli avvocati delle parti. 

 

La mediazione civile si differenzia dalla negoziazione per la presenza del mediatore, figura “terza“, insieme agli avvocati. I due istituti sono complementari ma diversi.  Infatti, per la negoziazione assistita, l’art. 3, comma 5, del D.L. 132/2014 recita: “restano ferme le disposizioni che prevedono speciali procedimenti obbligatori di conciliazione e mediazione, comunque denominati”. 

 

La mediazione è obbligatoria in materia condominiale, diritti reali, successioni ereditarie e divisione, locazioni, comodato, affitto di aziende, danno da errore medico, diffamazione a mezzo stampa e non, contratti assicurativi, finanziari e bancari, mentre non si applica nei procedimenti per ingiunzione, convalida di sfratto, fino al mutamento del rito ex art. 667 c.p.c., procedimenti di consulenza tecnica preventiva, nei procedimenti possessori, opposizione all’esecuzione forzata, procedimenti consiliari, azione civile nel processo penale. 

 

La mediazione deve essere esercitata nel tempo massimo di tre mesi, prorogabili dalle parti, mentre la negoziazione in un tempo non inferiore ad un mese. La mediazione ha inizio con un’istanza presso un organismo di mediazione, mentre la negoziazione con la stipula della convenzione di negoziazione tra i legali delle parti. Se si concludono positivamente, entrambe le procedure hanno valore di titolo esecutivo. 

 

Concludendo questa breve esposizione, possiamo affermare che lo spirito della norma consiste nell’alleggerire il lavoro dei Tribunali, nell’auspicio di trovare una soluzione amichevole alle controversie prima della riforma destinate a diventare lunghe ed onerose cause ordinarie.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

L'avvocato non giura più

Il giuramento dinanzi al magistrato in udienza è stato sostituito dall' "impegno solenne ".

Continua

Mantenimento dei figli maggiorenni

Quando cessa l`obbligo per i genitori separati di mantenere i figli maggiorenni?

Continua

Muro di confine

Chi è il proprietario del muro di confine fra due fondi a dislivello, atteso che sullo stesso insiste un fabbricato?

Continua