Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Il divorzio sarà breve, forse, ma non immediato

Il 26 maggio scorso sono entrate in vigore le norme sul cosiddetto Divorzio Breve (L. n. 55/2015).

Il divorzio sarà breve, forse, ma non immediato - Il 26 maggio scorso sono entrate in vigore le norme sul cosiddetto Divorzio Breve (L. n. 55/2015).

Le Novità in sintesi.
1. Abbreviazione del termine per la presentazione della domanda di divorzio.
Fino a ieri per instaurare un procedimento di divorzio era necessario attendere il decorso di tre anni di protratta e ininterrotta separazione dalla data di comparizione dei coniugi davanti al Presidente del Tribunale, sempre che la sentenza di separazione fosse passata in giudicato, che avesse, dunque, superato gli ulteriori due gradi di giudizio, ovvero che non fosse stata impugnata nei termini di legge.
Oggi, per divorziare non è più necessario attendere tre anni dalla separazione, ma saranno sufficienti sei mesi, se la separazione è stata consensuale, dodici, se la separazione è stata giudiziale, sempre che la sentenza sia passata in giudicato, ovvero abbia superato gli ulteriori due gradi di giudizio. 

 

2. Scioglimento anticipato della comunione legale dei beni tra i coniugi
Fino a ieri lo scioglimento avveniva con il passaggio in giudicato della sentenza di separazione, ovvero con l'omologazione del verbale di separazione.
Oggi, la comunione tra i coniugi si scioglie nel momento in cui il Presidente autorizza i coniugi a vivere separati, ovvero alla data di sottoscrizione del processo verbale  di separazione consensuale, purchè omologato. L'ordinanza con la quale i coniugi sono autorizzati a viver separati è comunicata all'ufficiale dello stato civile ai fini dell'annotazione dello scioglimento della comunione.

Considerazioni conclusive.
Non sempre sarà possibile recidere il vincolo matrimoniale in tempi brevi.
In molti casi, il protrarsi dei procedimenti nei successivi gradi di giudizio, comporterà, inevitabilmente una ingiustificata e abnorme dilatazione dei tempi per divorziare.
Per tentare di ovviare a tale inconveniente il difensore dovrà richiedere subito una pronuncia parziale sullo status, in modo che il giudizio prosegua soltanto per quanto riguarda le altre questioni, quali quelle economiche e quelle relative all'affidamento dei figli.

In ogni caso, se soltanto in alcuni casi il divorzio sarà "breve", mai sarà immediato, non essendo stata approvata la norma che avrebbe consentito ai coniugi di scegliere se separarsi o divorziare subito, alternativa praticabile negli ordinamenti più progressisti.
Il divorzio immediato presenta indubbi vantaggi per i singoli e per la collettività, in termini di costi economici e sociali; infatti:
- riduce il permanere della conflittualità tra i coniugi con evidente vantaggio anche per i figli che spesso vengo strumentalizzati da sfiancanti Guerre dei Roses (anche quando si tratta di guerre tra poveri);
- evita la duplicazione dei costi e delle spese per i coniugi e per l'amministrazione della giustizia;
- elimina il ricorso al Forum shopping e al turismo divorzile;
- assicura la tutela delle nuove famiglie formate da coniugi che, pur essendo separati, non possono ancora recidere il vincolo matrimoniale.
Sembra, dunque, che il legislatore abbia mancato questo importante appuntamento con la storia.
Ci aggiorniamo tra altri 45 anni.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il denaro e la comunione legale dei beni

Rientra nella comunione il denaro depositato sul c/c intestato ad uno dei coniugi e derivante dalla sua attività separata?

Continua

Sposarsi per finta si può ma...

Conseguenze del matrimonio contratto da un italiano e uno straniero allo scopo di consentire al coniuge straniero l'acquisizione della cittadinanza

Continua

Diritto europeo della famiglia 1

Quale Stato è competente a decidere sulle domande di separazione, divorzio e annullamento del matrimonio tra cittadini dell'Unione Europea?

Continua