Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Possibilità di rateazione per lo scaduto Equitalia

La rateazione è possibile per tutte le cartelle scadute a dicembre 2014

Possibilità di rateazione per lo scaduto Equitalia - La rateazione è possibile per tutte le cartelle scadute a dicembre 2014

Per i soggetti in difficoltà è prevista una forma di rateizzazione ordinaria in 72 rate e straordinaria in 120 rate, alternative tra loro, pagando una rata minima di 100 euro.
Per importi a debito fino a 50.000 euro la rateizzazione è abbastanza semplice da ottenere, compilando un modulo da consegnare ad Equitalia. Oltre i 50.000 euro bisogna allegare anche alcuni documenti che dimostrino lo stato di difficoltà economica. Si possono ottenere rate variabili e crescenti anziché costanti, al fine di pagare meno all’inizio sperando in un miglioramento delle condizioni economiche.
Se le condizioni del richiedente sono più gravi, si può chiedere di accedere al piano straordinario che prevede al massino 120 rate (10 anni):
• si possono ottenere più di 72 rate se la singola rata è superiore al 20% del reddito mensile del nucleo familiare (vale anche per le ditte individuali);
• per le altre imprese la rata dev’essere superiore al 10% del valore della produzione mensile e dev’essere garantita da un indice di liquidità compreso tra 0,5 e 1. 

 

La riapertura
Entro il 31 luglio 2015 è possibile richiedere la nuova rateizzazione utilizzando il modulo prelevabile al link: https://www.gruppoequitalia.it/equitalia/export/sites/equitalia/.content/files/it/Modulistica/Istanza-per-rateazioni-decadute-alla-data-del-31-dicembre-2014.pdf.
Non dovrebbe esser necessario allegare altra documentazione comprovante lo stato di difficoltà, trattandosi di una “riapertura”. Il numero delle rate del nuovo piano sarà infatti deciso in base alle condizioni economiche esistenti alla data della concessione della prima rateazione, da cui si è decaduti. Consegue che saranno dilazionati solo i debiti inclusi nella originaria rateazione non rispettata, anche se i debiti sono aumentati per via degli interessi di mora.
Il mancato pagamento di 2 rate, anche non consecutive, determina la decadenza automatica dal beneficio. Restano esclusi dal beneficio e quindi seguono le ordinarie procedure, i debiti non legati ad una rateazione scaduta entro dicembre 2014.
Una volta presentata la richiesta, Equitalia può chiedere ulteriore documentazione da presentare entro 10 giorni. In caso di rifiuto dell’istanza il contribuente potrà proporre ricorso entro 60 gg in CTP. 

 

Pendenze con la PA
Se la richiesta viene presentata dopo la segnalazione che gli Uffici della Pubblica Amministrazione fanno all’Agente della Riscossione per gli omessi pagamenti superiori a 10.000 euro, la rateazione è esclusa per gli importi oggetto della predetta segnalazione. 

 

I vantaggi
La domanda di riammissione blocca l’attivazione di nuove azioni esecutive da parte di Equitalia la quale non potrà iniziare né proseguire pignoramenti o espropriazioni forzate, né procedere con l’iscrizione di ipoteca o fermo amministrativo sugli autoveicoli intestati e/o cointestati al debitore. Restano in vita invece,  eventuali misure disposte prima della istanza.
In termini pratici, il contribuente con la nuova rateazione non è considerato inadempiente e può quindi ottenere il Durc e il certificato di regolarità fiscale per partecipare alle gare di appalto.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Assemblea di bilancio in seconda convocazione

Analisi delle criticità

Continua

Fondo di Garanzia per le PMI

Microcredito: pubblicato il decreto che modifica le modalita' di accesso all'intervento del Fondo di Garanzia per le PMI

Continua

Autotrasportatori, credito imposta per le accise gasolio

Le rettifiche alle istruzioni di compilazione del modello F24 in caso di utilizzo del credito d'imposta per le accise sul gasolio

Continua

L’iscrizione del fondo svalutazione crediti

L’attuale schema di bilancio CEE non contempla l’evidenza, tra i fondi del passivo, di quello relativo alla svalutazione dei crediti.

Continua

Cambiare la composizione del debito finanziario

Il responsabile della finanza in un’impresa, non importa se di grandi o di piccole e medie dimensioni, abbia a cuore la struttura del debito

Continua

Partite IVA: presenza online e incidenza sul fatturato

Lo studio di Fattura24 sul provincialismo delle partite IVA Italiane: scarsa la presenza sul web e chi c'è non sfrutta le potenzialità

Continua

Bilancio: riserve disponibili non sempre distribuibili

C’è una fondamentale distinzione con riferimento alle riserve: quella che esiste tra le riserve di utili e le riserve di capitale

Continua

Immobilizzazioni “stravolte” dai nuovi OIC 16

Possiamo tranquillamente ritenere che il principio che è stato letteralmente “stravolto” dall’opera di riforma sia il numero 16

Continua

Fattura: IVA Split Payment con la Pubblica Amministrazione

Modalità di contabilizzazione per le operazioni soggette a inversione contabile. Recenti chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Continua

La nuova moratoria di mutui e finanziamenti alle Pmi

La c.d. Legge di Stabilità 2015 ha previsto (Art. 1, comma 246) una nuova moratoria dei mutui e dei finanziamenti accordati alle famiglie ed alle PMI

Continua

Bilanci: obbligo Xbrl solo se approvati dal 3 marzo

Il Ministero dello Sviluppo Economico conferma la soluzione data dall'Associazione Xbrl Italia: Xbrl solo se approvazione dal 3 Marzo in poi

Continua

P.V.C. e processo penale – Onere della prova

Con la sentenza n. 4919 del 03.02.2015 la Cassazione, Sezione Terza Penale, è tornata ad occuparsi di Pvc e di processo penale tributario

Continua

Piano di Risanamento attestato ex art 67 l.f

Dal 13 Dicembre 2014 è stata introdotta una grandissima novità per quello che riguarda la deducibilità delle perdite e la detraibilità IVA sui crediti

Continua

Reti d’impresa senza notaio

Pubblicato il decreto ministeriale che introduce le specifiche tecniche per la trasmissione del contratto di rete al registro delle imprese

Continua

Autotrasporti & Responsabilità solidale

Una nuova forma di responsabilità solidale entra nel settore dell’autotrasporto, peraltro estesa anche alle sanzioni del codice della strada

Continua

Rapporti commerciali con San Marino dal 2015

San Marino entra ufficialmente nella white list fiscale,

Continua

Beni e Servizi fatturati ad Enti Pubblici

Cessioni di beni e le prestazioni di servizi eseguite nei confronti di enti pubblici. Split payment P.A.: tre modalità per versare l’IVA

Continua

Abuso del diritto e reati tributari

Bloccato l’invio alle Commissioni Finanze del Decreto Legislativo sulla certezza del diritto approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri

Continua

"Resurrezione" delle societa' di capitali estinte

"Resurrezione" delle societa' di capitali estinte con effetto retroattivo

Continua