Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto amministrativo

Pensioni, diritti acquisiti e Corte Costituzionale

I principi di "affidamento" e "ragionevolezza" nella giurisprudenza della Corte Costituzionale nella difesa delle pensioni

Pensioni, diritti acquisiti e Corte Costituzionale - I principi di "affidamento" e "ragionevolezza" nella giurisprudenza della Corte Costituzionale nella difesa delle pensioni

Nel dibattito giuridico in corso sul tema del sistema pensionistico, dei suoi squilibri e, soprattutto, delle gravi ed evidenti diseguaglianze, riemerge sempre l’argomento dei c.d. “diritti acquisiti”.
Che per coloro che sostengono l’intangibilità dei trattamenti pensionistici riconosciuti nel passato da leggi che si sono succedute nel tempo, sta a significare la irretroattività delle leggi: nel senso che le nuove leggi non potrebbero incidere su diritti precedentemente riconosciuti.
Questa tesi è infondata perché detta irretroattività è prevista solo dall’art. 11 delle preleggi che, in quanto tale, può essere modificata da leggi successive perchè la Costituzione (art. 25) sancisce la “irretroattività” solo per le norme penali.
 

Pertanto i c.d. “diritti acquisiti” non esistono; da anni la Corte Costituzionale ci ricorda che è consentito intervenire legislativamente su posizioni giuridiche soggettive (stipendi, salari, pensioni, indennità, ecc. ecc) già acquisite, modificandole e riducendole (v. sentenza 390/1995).
Ma se ciò è consentito, le norme e le sentenze costituzionali pongono però precisi limiti a questo potere del legislatore; limiti che si fondano sui principi di affidamento e di ragionevolezza.
Il “principio di affidamento” è indicato espressamente dalla Corte come “principio di civiltà giuridica”, nel senso che il cittadino ha il diritto (costituzionalmente garantito) di “fare affidamento” sui diritti che l’ordinamento giuridico gli riconosce e sui quali, conseguentemente, ha organizzato la propria vita e ha fatto scelte personali, famigliari, professionali, sociali, economiche e finanziarie.
Se, pertanto, lo Stato, dinanzi ad una grave crisi economica, si trovi nelle condizioni di dover “tagliare” diritti precedentemente accordati, deve tener presente tale principio e contemperare le due esigenze (diritti) dell’affidamento del cittadino nell’ordinamento giuridico e delle necessità della finanza pubblica.
 

La Corte, a tal fine, ha elaborato alcune condizioni che rendono legittime le norme con efficacia retroattiva.
1.      Innanzitutto va rispettato l’art. 53 della Costituzione (1° comma) che pone il principio di “universalità dell’imposizione”, nel senso che l’eventuale sacrificio debba riguardare “tutti” i cittadini in ragione della loro capacità contributiva.
Infatti, il “prelievo” è un sostanziale “provvedimento impositivo” perché presenta tutti i requisiti richiesti dalla giurisprudenza della Corte per caratterizzare il prelievo come tributario (Corte Cost. 348/2000, n. 73/2005, n. 141/2006, 135/2012 e 142/2012).
Deve, quindi, rispondere ai principi di cui agli art. 3 e 53 della Costituzione (Corte Cost. 116/2013).
Pertanto, non sarebbe costituzionalmente legittimo porre sulle spalle di una sola categoria di contribuenti (ad esempio i pensionati) il peso di una tale operazione.
Ciò, ha precisato la Corte, “determina un giudizio di irragionevolezza e arbitrarietà del diverso trattamento riservato alla categoria colpita…”.
Al riguardo, sulla stessa linea le sentenze 223 e 241 del 2012;
2.      Il “taglio” non può essere permanente, ma deve avere una durata breve e prefissata;
3.      Il “taglio” deve essere “ragionevole”; non deve cioè “trasmodare” in una misura che colpisca in modo eccessivo il diritto del cittadino, a “tutela del principio generale di ragionevolezza che ridonda nel divieto di introdurre ingiustificate disparità di trattamento.
Per la coerenza e la certezza dell’Ordinamento giuridico” (Corte Cost. 282/2005, ord. 327/2001, 264/2005, 416/1999).
4.      Il “taglio” non può riguardare un “fatto concluso” in quanto la “retroattività” può interessare solo rapporti non “esauriti” tali cioè da essere ancora pendenti, come ad esempio nel caso del diritto alla pensione già maturato o alle elezioni già avvenute, anche se gli effetti di detti atti continuano a prodursi nel tempo (Corte Cost. 139/1984 e 1/2014).
A questo riguardo già nel passato la Corte aveva anche rivolto un monito al Governo e al Parlamento affinchè si attenessero a tali principi.
Inoltre sempre la Corte ha più volte indicato quale sia la strada da seguire per ottenere nuove entrate a copertura delle spese di perequazione pensionistica.

A tal fine ha evocato gli art. 3 e 53 della Costituzione con riferimento ai principi di eguaglianza e solidarietà, nonché di universalità e progressività dell’imposizione; utilizzando lo strumento tributario con aliquote fortemente progressive applicate a tutti i redditi (non solo alle pensioni) che superino una determinata soglia.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
2 Commenti

Anna Giordabo

04/11/2016 18:38

Salve, ho 62 anni ho esercitato la professione di ragioniere professionista iscritta ad Albo e Cassa per 25 anni dal 1976 al 2001. All'epoca di cessazione attività la pensione mi veniva corrisposta a 70 anni, con 25 anni di contribuzione, con il calcolo del regime retributivo e con una cifra di circa €1,000,00 mensili.Ora con le nuove leggi la Cassa Ragionieri mi dice che posso andare in pensione a 63 anni con una pensione mensile di € 120,00 con conteggio tutto con regime contributivo. nel 2001 presi la decisione di chiudere lo studio in quanto , facendo i dovuti conti mi andava bene percepire la pensione a 70 anni con l'importo sopraindicato. Faccio presente che sono stati versati tutti i contributi dovuti. Mi potete, per favore dirmi, se i miei diritti acquisiti allora sono validi o se posso appellarmi ad una mancata aspettativa.Attendo di conoscere cosa ne pensiate in merito , ringrazio e saluto cordialmente. Anna Giordano cell 3398127900

Rispondi

Marco Lino

19/03/2017 10:00

Anna, non hai acquisito alcun diritto. Il diritto l'avresti acquisito, nel tuo caso, a 70 anni. Per diritto acquisito si intende la stipula del contratto con la PA, in questo caso quantomeno il comportamento concludente dato dall'erogazione di una prima mensilità pensionistica.
Tu hai fatto delle previsioni (che non sarebbe cambiato nulla in 23 anni dal punto di vista normativo, un'assurdità) che si sono rivelate sbagliate. Un po' come se io dichiaro pubblicamente di voler vendere a tot il mio appartamento e tu 23 anni prima di volerlo inizi a svendere cose di tua proprietà per trovare la cifra tot. Ma finché il contratto non lo stipuli sei nella fase di contrattazione, io non son tenuto 23 anni dopo (ma nemmeno 1 giorno) a pensarla come la pensavo il giorno antecedente cui vuoi far riferimento tu. Diverso il discorso se firmi che fra 23 anni le condizioni saranno le stesse. Cosa, di fatto e difatti, irrealistica.

Con il tuo ragionamento allora io posso dire che quando ero alle elementari gli insegnanti andavano in pensione con 16 anni di contributi, ed io da allora mi sono impegnato per questo motivo nelle materie umanistiche: ora pretendo le stesse regole.
Puoi provare una moral suasion come altri esodati. Nel tuo caso, credo ti riderebbe in faccia chiunque.

In risposta al commento di Anna Giordabo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

Riccardo Campione

18/10/2017 19:52

Desidero sapere se i diritti quesiti non fatti valere in giudizio, da un legale difensore negligente e/o infedele, con il proprio cliente, in una causa di lavoro ed avente ad oggetto il licenziamento di un dipendente di banca (ex istituto di credito di diritto pubblico, ma con i diritti quesiti validi e riconosciuti, dall'art. 3 della legge 218 del 1990 e confermati, ulteriormente, da una circolare dell'ufficio personale della banca), quindi con sentenza passata in giudicato, in quanto sono stati esauriti i 3 gradi di giudizio canonici; però se i diritti quesiti dovessero essere imprescrittibili e quindi non fossero del tutto prescritti, visto il giudicato pregresso, si potrebbe intentare la revocazione, ad esempio con l'errore di fatto o altro cavillo legale, per farli, finalmente, valere anche con un nuovo giudizio, sempre se il tutto fosse, ancora, possibile ?

Rispondi

In risposta al commento di Riccardo Campione

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore è esperto in
Diritto amministrativo

Avv. Publio Fiori - Roma (RM)

Avv. Publio Fiori

Avvocati / Civile

Via Federico Confalonieri 5

00195 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Contratto di mandato-obbligo di rendiconto

Obbligo del mandatario di dare conto delle attività realmente svolte e non solo di fornire ricevute e fatture delle spese e degli incassi

Continua

Sospensione efficacia esecutiva sentenza tribunale

I gravi e fondati motivi e la possibilità d’insolvenza – art. 283 c.p.c.

Continua

Edilizia e Urbanistica, permesso di costruire

Pergotenda installata su pareti esterne - attività di edilizia libera senza permessi comunali

Continua

"L'abuso di diritto"

Disporre di un potere non è condizione sufficiente di un suo legittimo esercizio

Continua

"Culpa in educando" e "Culpa in vigilando"

Responsabilità dei genitori, dei precettori e dei maestri d'arte per i fatti illeciti del minore

Continua

Invalidità della notificazione

Distinzione tra nullità e inesistenza: conseguenze

Continua

Liquidazione del danno in via equitativa: ammissibilità

Il risarcimento del danno (patrimoniale e non patrimoniale) può essere liquidato in via equitativa solo se ne è provata l'esistenza

Continua

Condanna pecuniaria e Iva

La condanna al pagamento di una somma di danaro si estende automaticamente all'obbligo di versare l'Iva

Continua

Il principio del "bilanciamento" dei diritti

"L'invasione" della corte Costituzionale nei territori della politica e del Parlamento

Continua

La nuova sentenza della Corte Costituzionale

Confermata la sostanziale intangibilità di stipendi e pensioni

Continua

Il governo si "accanisce" contro i pensionati

Incostituzionale anche la proposta del ricalcolo delle pensioni con il metodo contributivo

Continua