Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

"The second is the first loser"...Vero o falso?

Prendiamo spunto da una domanda raccolta sui nostri social per una panoramica sugli obiettivi che potrebbe porsi un atleta

"The second is the first loser"...Vero o falso? - Prendiamo spunto da una domanda raccolta sui nostri social per una panoramica sugli obiettivi che potrebbe porsi un atleta

Possiamo sfatare la pluricitata frase di Enzo Ferrari, molto diffusa nel mondo dell'agonismo, il secondo è davvero il primo degli ultimi?

Risponde per noi la dottoressa Stefania Ortensi, psicologa dello sport:

"Dipende! Da che cosa? Da che tipo di obiettivi si è posto l’atleta.
La differenza nella percezione di un secondo posto risiede nella modalità in cui si sono pianificati gli obiettivi nel lavoro di preparazione dell’atleta.

Esistono infatti OBIETTIVI DI PRESTAZIONE, orientati al “fare bene” e alla qualità della performance e OBIETTIVI DI RISULTATO, basati sulla posizione in classifica che si vuole raggiungere.
Certamente è bene che un atleta consapevole rifletta su entrambe le cose, ma dal punto di vista motivazionale è sempre consigliato prediligere obiettivi di prestazione per due ragioni.

Innanzitutto perché lavorare sulla prestazione innalza la qualità della nostra performance e di conseguenza i nostri risultati in termini di punteggi o classifiche necessariamente miglioreranno. In seconda analisi perché concentrarsi prevalentemente sul risultato significa porsi degli obiettivi per il raggiungimento dei quali molto dipende da fattori esterni che non possiamo controllare: in primis gli avversari e le loro performance".

Quindi avere obiettivi di cui non si possiede il pieno controllo può generare nell’atleta ansia e frustrazione e paradossalmente possono diventare un ostacolo alla prestazione?
"Può succedere. Ad esempio pensare al punteggio o alle prestazioni avversarie durante la propria prova, anziché concentrarsi solo sul “qui ed ora” e sulla prestazione in quel momento agita, può diventare un fattore altamente distraente.
Stabilire quindi degli obiettivi di prestazione personali, chiari e precisi è uno dei principali metodi per incrementare la propria performance, mantenere alto il livello di impegno e non perdere motivazione.

Quindi se il secondo posto corrisponderà ad una prestazione all’altezza delle proprie potenzialità e in linea con gli obiettivi di prestazione che erano stati posti, può certamente essere considerato dall’atleta una vittoria personale al pari di una medaglia d’oro e non certo una sconfitta”.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza psicologica

Psicosport Srl - Canegrate (MI)

Psicosport srl

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

Via Manzoni 15

20010 - Canegrate (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Vincenti in 3 mosse: autocritica, coraggio e qualità

Psicologia sportiva e risposte dal campo. Cosa chiede un allenatore alla sua squadra? E un Manager?

Continua

Le Neuroscienze salgono in Pedana

L' Effetto Mirror nella Scherma: ricadute operative nel campo dello sport e della psicologia sportiva

Continua

Mio figlio si allena troppo poco!

Le resistenze dei genitori allo sport dei figli di solito sono dovute a un impegno eccessivo. Ma anche la situazione opposta non è rara.

Continua

E se il trauma è davvero indelebile?

Cos'è e come si può convivere con un disturbo post traumatico da stress. Intervista alla Dott.ssa Stefania Ortensi, psicologa dello sport

Continua

Come si allena una squadra corse?

SOT® e Team Building - dal mondo dello sport a quello dell'azienda una collaborazione a filo doppio per migliorare la performance

Continua

La paura che paralizza

Ansia e attacchi di panico negli sportivi. Cosa succede nella testa degli atleti e come tornare a vincere

Continua

Ma tu, ti diverti? Professionismo e divertimento

Il concetto comune di divertimento non è generalizzabile, ma è un contenitore di molte diverse sensazioni che concorrono a sostenere la motivazione.

Continua

Il tempo dell`infortunio

Imparare a sfruttare una risorsa preziosa, per tornare in campo più forti e consapevoli

Continua

IL TEMPO DELL'INFORTUNIO

Imparare a sfruttare una risorsa preziosa, per tornare il campo più forti e consapevoli

Continua