Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psicologica

Ma tu, ti diverti? Professionismo e divertimento

Il concetto comune di divertimento non è generalizzabile, ma è un contenitore di molte diverse sensazioni che concorrono a sostenere la motivazione.

Ma tu, ti diverti? Professionismo e divertimento - Il concetto comune di divertimento non è generalizzabile, ma è un contenitore di molte diverse sensazioni che  concorrono a sostenere la motivazione.

Provate a chiedere a un triatleta, a uno skyrunner, a un ciclista se durante la gara si diverte. È difficile pensare di poter applicare il concetto comune di divertimento alle prestazioni di alto livello agonistico.
Eppure in psicologia sportiva il divertimento sportivo appartiene alla sfera delle motivazioni intrinseche, ossia il nucleo vero e proprio della Motivazione, ed è inoltre strettamente legato alla dimensione del gioco. Viene definito come la relazione affettiva positiva verso l’esperienza positiva, in termini generalizzati di piacere e divertimento.

Ma sentite cosa dice Damiano Lenzi, campione del mondo di sci alpinismo: “Spesso sento dire a persone che hanno fatto gare che si sono divertite. Io in gara purtroppo non sono mai riuscito a divertirmi. Sono riuscito a entusiasmarmi, a esaltarmi, ma il divertimento è altro perché io faccio una fatica ladra sempre. E quello è l’aspetto brutto della gara, però è anche quello che una volta passato il traguardo ti dà soddisfazione”.

È molto importante tenere conto delle sfumature linguistiche quando ci si relaziona con un nostro atleta. Il concetto comune di divertimento non è generalizzabile, ma è un contenitore di molte diverse sensazioni che possono concorrere a sostenere la motivazione intrinseca.

Per questo motivo occorre lavorare su tutte quelle sensazioni positive che vengono effettivamente sperimentate in gara, isolandole dall’inevitabile fatica del gesto atletico; queste possono diventare ancoraggi utilissimi nei passaggi critici della competizione, ma non solo: costituiscono un vissuto positivo molto importante da rievocare nei periodi di recupero, a gara conclusa, e in fase di allenamento.

Diverso , invece, è il tema per lo sport giovanile, dove la dimensione del divertimento puro, legato al gioco e alla socialità, è davvero basilare. Tanto che la mancanza di divertimento è indicata come una delle principali cause dell’abbandono sportivo.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza psicologica

Psicosport Srl - Canegrate (MI)

Psicosport srl

Psicologi e Psichiatri / Psicologi

Via Manzoni 15

20010 - Canegrate (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Vincenti in 3 mosse: autocritica, coraggio e qualità

Psicologia sportiva e risposte dal campo. Cosa chiede un allenatore alla sua squadra? E un Manager?

Continua

Le Neuroscienze salgono in Pedana

L' Effetto Mirror nella Scherma: ricadute operative nel campo dello sport e della psicologia sportiva

Continua

Mio figlio si allena troppo poco!

Le resistenze dei genitori allo sport dei figli di solito sono dovute a un impegno eccessivo. Ma anche la situazione opposta non è rara.

Continua

E se il trauma è davvero indelebile?

Cos'è e come si può convivere con un disturbo post traumatico da stress. Intervista alla Dott.ssa Stefania Ortensi, psicologa dello sport

Continua

Come si allena una squadra corse?

SOT® e Team Building - dal mondo dello sport a quello dell'azienda una collaborazione a filo doppio per migliorare la performance

Continua

La paura che paralizza

Ansia e attacchi di panico negli sportivi. Cosa succede nella testa degli atleti e come tornare a vincere

Continua

Il tempo dell`infortunio

Imparare a sfruttare una risorsa preziosa, per tornare in campo più forti e consapevoli

Continua

IL TEMPO DELL'INFORTUNIO

Imparare a sfruttare una risorsa preziosa, per tornare il campo più forti e consapevoli

Continua

"The second is the first loser"...Vero o falso?

Prendiamo spunto da una domanda raccolta sui nostri social per una panoramica sugli obiettivi che potrebbe porsi un atleta

Continua