Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

Guida in stato di ebbrezza e incidente stradale

Guida in stato di ebbrezza e/o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti: sì alla messa alla prova, anche nel caso di incidente stradale!

Guida in stato di ebbrezza e incidente stradale - Guida in stato di ebbrezza e/o sotto l’influenza di sostanze stupefacenti: sì alla messa alla prova, anche nel caso di incidente stradale!

Nel recente passato, per gran parte delle contravvenzioni di guida in stato di ebbrezza, è sempre stato possibile richiedere la sostituzione della pena con i lavori di pubblica utilità, ai sensi dell’art. 186 co. 9 bis C.d.S. 

Detta norma esclude però, dal proprio ambito di applicazione, tutte quelle fattispecie in cui il conducente, sotto l’influenza di alcool, provochi anche un incidente stradale. 

A superamento di tale limite, la legge n. 67 del 2014, in vigore dal 27 maggio dello stesso anno, ha introdotto una nuova cause di estinzione del reato, consistente nella sospensione del processo con messa alla prova ai servizi sociali (art. 168 bis e ss. c.p.). 

 

Tale istituto può essere concesso nei soli “procedimenti per reati puniti con la sola pena edittale pecuniaria e con la pena edittale detentiva non superiore nel massimo a quattro anni, sola, congiunta o alternativa alla pena pecuniaria” (art. 168 bis co. 1 c.p.). 

Considerato che il limite edittale massimo previsto per la guida in stato di ebbrezza è di un anno di arresto, se ne deduce la generale applicabilità a tutte le ipotesi di guida sotto l’influenza dell’alcool

 

Tale conclusione risulta confermata anche nel caso in cui, il conducente ubriaco, aggravi la propria condotta causando un incidente (sull’amplissima nozione di incidente stradale Cassazione penale, sez. IV, sentenza 16/02/2012 n° 6381 e sentenza 01/07/2013 n° 28439). 

Nell’individuazione infatti dei reati attratti alla disciplina della probation, in ragione del mero riferimento edittale, deve guardarsi unicamente alla pena massima prevista per ciascuna ipotesi di reato, prescindendo dal rilievo che nel caso concreto potrebbe assumere la presenza della contestazione di qualsivoglia aggravante, comprese quelle ad effetto speciale (Cass. Civ. Sez. VI sent. 13/02/2015, n. 6483). 

Pertanto l’aver causato un incidente, pur determinando in automatico il raddoppio delle pene (art. 186 co. 2 bis C.d.S), nondimeno non esclude l’applicabilità della messa alla prova. 

Tale conclusione deve essere ritenuta valida anche nel caso di ulteriore aggravio causato dall’aver commesso l’incidente in orario notturno. 

D’altra parte non vale ad escludere l’utilizzabilità della probation neppure aver commesso una pluralità di reati. 

A tal proposito il Tribunale di Milano, con la recente ordinanza della Terza Sezione Penale del 28 aprile 2015, ha affermato che la violazione di più norme penali ovvero la sussistenza del vincolo di continuazione non precludono alla sospensione del processo penale con messa alla prova. 

Così se il conducente, oltre a essere ubriaco, fosse anche sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, con conseguente applicabilità della contravvenzione di cui all’art. 187 Codice della Strada, comunque potrebbe usufruire dell’istituto in esame. 

 

In conclusione chi guida superando il tasso alcolico previsto e/o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, anche laddove causi un incidente, potrà comunque ricorrere alla sospensione del procedimento con messa alla prova per estinguere il reato, a condizione che non ne abbia già usufruito in precedenza, e fermo restando che dovrà ad ogni modo adoperarsi per l’eliminazione delle conseguenze negative del reato, ivi compreso il risarcimento del danno subito dalla persona offesa, per lo svolgimento di un programma di trattamento da concordare con l’U.e.p.e. (Ufficio Esecuzione Penale Esterno), nonché per la prestazione di lavoro di pubblica utilità.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
1 Commento

Giovanna Battaglia

25/02/2016 22:01

Buonasera Dott. Beraldo,
in merito al suo articolo volevo chiederLe cosa la "messa in prova" per reato di guida in stato di ebbrezza congiunto a incidente stradale, prevede per quanto riguarda la sospensione della patente e anche la revoca della stessa.

La domanda è: se la "messa in prova" viene giudicata positiva e quindi il reato estinto, la revoca della patente è da considerarsi anch'essa estinta perchè collegata al reato oppure segue altro percorso e quindi al termine avrò comunque la patente revocata?
Grazie mille

Giovanna

Rispondi

In risposta al commento di Giovanna Battaglia

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore è esperto in
Responsabilità civile

Studio Legale Beraldo Di Beraldo Valter - Treviso (TV)

Studio Legale Beraldo Di Beraldo Valter

Avvocati / Civile

Via Canova 41

31100 - Treviso (TV)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Divorzio breve: ora si può!

In linea con gli altri paesi europei, l'Italia ha (finalmente) ridotti i tempi per il divorzio

Continua