Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

COOPERATIVA SOCIALE ... come e perché

Cooperativa sociale. Inventarsi un'attività in un momento storico difficile; un modo per essere utili a se stessi e agli altri creando lavoro

COOPERATIVA SOCIALE ... come e perché - Cooperativa sociale. Inventarsi un'attività in un momento storico difficile; un modo per essere utili a se stessi e agli altri creando lavoro

Sotto l’aspetto giuridico è una forma di cooperativa di produzione e lavoro ma dal punto di vista dello spirito da cui prende le mosse è da considerarsi assai diversa. 

 

E’ un’aggregazione di soggetti che, non solo si associano per lavorare - come accade nelle comuni cooperative di produzione e lavoro - ma hanno un occhio di riguardo verso un particolare settore (socio-sanitario ed educativo) oppure rispetto a categorie di lavoratori svantaggiati con difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro. 

 

La particolare attenzione dei costitutori di questo tipo di cooperativa si concretizza nel dar vita ad un’entità economica che si andrà a qualificare come cooperativa sociale, così come previsto dalla L. 381 del 1991.   

 

Fatta quella che mi sembra una doverosa premessa, passiamo a valutare quali sono le sue caratteristiche, nonché i vantaggi previsti dalla normativa fiscale vigente ed i passi da percorrere per la sua costituzione. 

 

Innanzitutto va detto che le cooperative sociali si suddividono in A e B: 

 

A – quelle dedite alla gestione di servizi socio-sanitari ed educativi; 

B – quelle indirizzate allo svolgimento di attività diverse, agricole, industriali, commerciali o di servizi, finalizzate all’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati

 

In questo breve excursus ci occuperemo in particolare della cooperativa sociale di tipo “B”. 

 

Questo tipo di cooperativa ha la particolarità di poter occupare, ai fini dell’inserimento lavorativo, anche persone svantaggiate, ovvero quelle considerate tali a norma dell’art. 4, comma 1 della legge 381/1991 e di seguito elencate: 

– gli invalidi psichici, fisici e sensoriali; 

– gli ex degenti di ospedali psichiatrici, anche giudiziari; 

– i soggetti in trattamento psichiatrico; 

– i tossicodipendenti; 

– gli alcolisti; 

– i minori in età lavorativa in situazione di difficoltà familiare; 

– le persone detenute o internate negli istituti penitenziari e i condannati e gli internati ammessi alle misure alternative alla detenzione e al lavoro all’esterno. 

 

Anche costoro, come tutti gli altri lavoratori della cooperativa, debbono essere regolarmente assunti, retribuiti secondo contratto e sottostare a tutte le norme e regole di un normale rapporto di lavoro dipendente. Per essi dovranno essere emessi cedolini paga, ed effettuate le trattenute fiscali. 

 

Ma veniamo ai vantaggi di cui può fruire tale tipo di società. 

 

Il vantaggio specifico e peculiare delle cooperative sociali di tipo “B” è quello di essere esentate dal versamento dei contributi previdenziali per i propri lavoratori svantaggiati. 

 

Questo beneficio di non poco conto viene concesso dall’INPS a condizione che la cooperativa sociale occupi non meno di un terzo di lavoratori svantaggiati rispetto al totale della propria manodopera.   

 

Ma vediamo quali sono i passi da percorrere per dar vita ad una cooperativa sociale? 

 

1)            la presenza e la volontà associativa di almeno 3 soggetti; 

2)            la costituzione per atto notarile (sono previste imposte ridotte rispetto a quelle dovute dalle altre società di capitali); 

3)            l’apertura di Partita I.V.A.; 

4)            la predisposizione di un statuto; 

5)            l’iscrizione all’Albo delle Cooperative tenuto presso la Camera di Commercio; 

6)            la redazione di un regolamento interno da depositare c/o la D.T.L.; 

7)            tutte le incombenze relative alla sicurezza sul lavoro; 

8)            tutte le incombenze relative all’instaurazione di rapporti di lavoro (INPS, INAIL, ecc.). 

 

Un vantaggio economico per i tutti i soci/lavoratori - svantaggiati e non – consiste nella possibilità, una volta chiuso il bilancio in attivo, di vedersi erogare un’ulteriore quota di retribuzione esente da contributi mediante i cosiddetti ristorni

 

A far propendere per la costituzione di una cooperativa in genere – e sociale in particolare – rispetto al dar vita ad un diverso tipo di società, è anche il notevole vantaggio fiscale di cui queste fruiscono. Nel caso della cooperativa sociale, a seguito della L. 148 del 2011, il regime fiscale è divenuto alquanto complesso e articolato e non proponibile in un articolo limitato qual è quello presente. Sarebbe necessario dilungarsi su casi e ipotesi possibili quali quelle derivanti dalle percentuali di retribuzioni effettivamente corrisposte ai soci svantaggiati; meno del 25, dal 25 al 50 e più del 50%,percentuali che comportano esenzioni  dall’IRES più o meno elevate sino a raggiungere la totale esenzione

 

E’ intuitivo come questi risparmi fiscali possano consentire alla cooperativa una maggior competitività sul mercato oppure trasformarsi in investimenti o, anche, in erogazione di un surplus di retribuzione ai soci/dipendenti sotto forma di ristorni.   

 

Da ultimo vanno precisate un paio di particolarità non prive di importanza. 

 

La cooperativa sociale, sempreché non svolga prevalentemente attività di natura commerciale rispetto a quella mutualistica, non è soggetta a fallimento.  

 

Ad essa, invece, come per tutte le altre società, sono applicabili gli studi di settore ed i parametri.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Codice disciplinare: obbligo di esposizione

L'assenza dell'affissione del codice disciplinare rende illecita la sanzione irrogata al lavoratore. Ma non sempre. Interviene il senso comune ...

Continua

I contratti CO.CO.CO. non cessano il 31.12.2015

Con l'1.1.2016 cesseranno i contratti a progetto ma non i Co.Co.Co. Un maggior controllo sulla loro genuinità consiglia però di farli certificare.

Continua

Quando la ditta è in crisi…workers buy out

Se l'azienda è decotta o già in fallimento c'è ancora una possibilità per salvare i posti di lavoro, l'acquisto da parte di una coop dei dipendenti

Continua

Cooperativa di produzione e lavoro… in pillole

Perché costituire una Cooperativa di produzione e lavoro anziché una Snc. Quali sono i vantaggi fiscali ed economici di cui poter fruire?

Continua

Nullità degli avvisi di accertamento

Importante pronuncia della CTR della Lombardia la quale afferma che gli atti firmati dai dirigenti decaduti dell'Ag. delle Entrate sono illegittimi

Continua

ASSE.CO - certificato di un rapporto di lavoro DOC

Il "bollino di qualità" che allontana la seccatura di un'ispezione in materia di lavoro

Continua

MICROCREDITO – Opportunità su misura per i giovani

Un'opportunità di finanziamento delle start-up rivolto a coloro che vogliono iniziare un'attività pur non possedendo garanzie reali o fidejussioni

Continua