Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Geometri

La tutela del paesaggio in Italia

Tematica sempre più importante nella legislazione nazionale ed europea

La tutela del paesaggio in Italia - Tematica sempre più importante nella legislazione nazionale ed europea

La difesa del paesaggio, le normative in materia, il modo di operare in territori sottoposti a Vincolo Paesaggistico sono tematiche complesse, difficili da affrontare per gli addetti ai lavori ed ovviamente frutto di dubbi e disorientamento da parte del cittadino. Proveremo, con una serie di articoli dedicati, a fare un excursus sulle normative in materia di Paesaggio  che si sono susseguite in Italia, sul vincolo paesaggistico, sulla conseguente autorizzazione paesaggistica, sulla sanabilità in zona sottoposta a Vincolo (accertamento di compatibilità paesaggistica).  Partiremo con la salvaguardia del paesaggio.

La tutela del paesaggio fa parte della Carta Costituzionale che all’art. 9 recita: “La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione”. Tuttavia la tematica entra molto tempo prima nell’ordinamento giuridico italiano in particolare agli inizi del ‘900. La prima è la legge 11 giugno 1922, n. 778, seppure ancora priva di efficacia come strumento di tutela paesistica, segnò un’importante fase nell’evoluzione normativa sulla tutela delle “bellezze naturali e degli immobili di particolare interesse storico”. Fondamentale è l’introduzione di un concetto che sarà caposaldo della successiva legislazione: l’equiparazione tra bene artistico (divenuto poi bene culturale) e le bellezze naturali (oggi paesaggio). Con la suddetta legge del 1922 si introduce il concetto di “tutela” e quindi di “vincolo paesaggistico”.. Un notevole salto di qualità arriva con l’entrata in vigore di leggi fondamentali che tutelano i beni culturali da un lato e il paesaggio dall’altro; queste norme vengono promulgate nel 1939 e sono la L. 1089 per i beni storico architettonici e la L. 1497 per il paesaggio. Le due Leggi, avanzate e all’avanguardia per l’epoca, hanno avuto vita lunga, di fatti sono rimaste in vigore fino all’emanazione del Testo Unico nel 1999 (D.Lgs 490/99). Nella L. 1497 si stabilisce l’importanza di individuare aree di particolare pregio ed interesse da tutelare e da vincolare per legge e si impone di richiedere specifica autorizzazione per mettere in essere modifiche esteriori nelle suddette zone.

Una vera e propria rivoluzione che è giunta fino a noi! Dal 1939 troviamo novazioni normative legate alla tutela del  paesaggio nel D.P.R. 616/1977, nel quale si danno maggiori competenze alle regioni relativamente all’individuazione delle aree da tutelare e delle autorizzazioni da rilasciare. Con l’entrata in vigore della “legge Galasso”, la  L. 431/1985, invece si è assistito ad una ripresa di competenze da parte dello Stato rispetto alle Regioni e soprattutto fu introdotto un tassello fondamentale in tema di “approccio” alla tutela del paesaggio: la pianificazione paesaggistica o urbanistica con valenza paesaggistica come strumento primario di tutela. Ogni materia dell’ordinamento giuridico italiano è regolamentata da numerosissime, leggi, decreti attuativi, leggi regionali ecc... la fine degli anni ’90 è un periodo storico dove la tendenza è quella di razionalizzare e rendere organiche le normative di specifiche aree. Di questo nuovo approccio fa parte anche la tutela del paesaggio, di fatti viene emanato nel 1999 il “Testo Unico delle disposizioni in materia di beni culturali e ambientali” il  D.Lgs 490/99. L’obiettivo del T.U. era quello di unire, omogeneizzare e conseguentemente abrogare tutta la legislazione precedente in materia (le leggi del ’39, la legge Galasso L. 431/85 ecc...).  Nel “490” furono anche definiti i beni soggetti a tutela ambientale, quelli tutelati per legge, gli elenchi delle aree di valore ambientale, l’autorizzazione per eseguire interventi nelle aree tutelate, le sanzioni amministrative e penali per opere in mancanza o difformità delle autorizzazioni prescritte.  Questo breve excursus ci porta fino alla legislazione attuale il codice dei beni culturali ed il paesaggio che merita una trattazione dedicata.
 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Geometri

Studio Tecnico Protasi - Dott. Luca Protasi - Geometra - Montepulciano (SI)

STUDIO TECNICO PROTASI - Dott. Luca Protasi - Geometra

Geometri / Studio Tecnico

Via Dell`acqua Puzzola, 2

53045 - Montepulciano (SI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il ruolo dell`amministratore di condomini

I compiti e le responsabilità dell`amministratore di condomini ai sensi del Codice Civile e della legge n. 220/2012

Continua

Il ruolo del committente: sicurezza nei cantieri

I compiti e le responsabilità del committente ai sensi del D.Lgs 81/2008 per i cantieri temporanei e mobili

Continua

L’efficienza del fabbricato

Di cosa stiamo parlando? Perché è così importante?

Continua

Il permesso di costruire nella regione Toscana

Evoluzione normativa ed attuale assetto con la L.R. 65/2014

Continua

Il Codice dei beni culturali e del paesaggio

Descrizione del D.Lgs 42/2004, normativa fondamentale in materia di salvaguardia del paesaggio

Continua