Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Disciplinare il licenziamento per scarso rendimento

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 14310/2015, stabilisce la legittimità del licenziamento disciplinare per scarso rendimento

Disciplinare il licenziamento per scarso rendimento - La Corte di Cassazione, con sentenza n. 14310/2015, stabilisce la legittimità del licenziamento disciplinare per scarso rendimento

Fino ad oggi l’assenza di una fonte normativa in merito allo scarso rendimento di un dipendente produceva interpretazioni di varia natura ai fini dell’inquadramento tra il giustificato motivo oggettivo (cause inerenti l’azienda e l’asset organizzativo e produttivo) e soggettivo (licenziamento disciplinare), poiché si riteneva che, come da giurisprudenza, “il rendimento lavorativo inferiore al minimo contrattuale o d’uso non fa scattare automaticamente l’inesatto adempimento”, principio dettato dal fatto che il dipendente non ha obblighi nei confronti dell’azienda di garantire un determinato risultato derivante dalla propria attività (obbligazione del risultato alla quale è tenuto l’appaltatore) ma a svolgere le proprie mansioni sulla base delle istruzioni ricevute (obbligazione di mezzi). Ma in tutto ciò non deve venire meno la diligenza relativa a quella determinata prestazione/mansione (e l’assenza di danni all’azienda) pena il decadimento del principio giuridico fondante.

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 14310 del 09/07/2015, ha finalmente fornito un’interpretazione di riferimento sul caso stabilendo che chi, a lungo termine, non applica la diligenza prevista per le sue mansioni e i risultati sono al di sotto rispetto alla media dei colleghi con pari mansioni, è passibile di licenziamento per scarso rendimento con inquadramento nel licenziamento disciplinare, ossia per giustificato motivo soggettivo.

La motivazione spiega che nel contratto di lavoro subordinato stipulato tra le parti il dipendente non è obbligato al raggiungimento di un determinato risultato ma alla fornitura della prestazione lavorativa nei confronti dell’azienda stabilita dal contratto stesso (oltre ai dettami del codice civile). Ne consegue che il licenziamento per scarso rendimento, licenziamento disciplinare per giustificato motivo soggettivo, si configura quando la medesima inadempienza/negligenza si protrae per un’apprezzabile lasso temporale tanto da potersi considerare di una certa gravità, considerando la condotta del dipendente nel suo insieme, quindi nel rapporto tempo/prestazione/negligenza

`Lo scarso rendimento del lavoratore - si legge nella sentenza - può essere addotto, a seconda delle circostanze, come giustificato motivo oggettivo di licenziamento, oppure come giustificato motivo soggettivo, quando esso sia l’effetto di un inadempimento degli obblighi contrattuali. Alla valutazione della sussistenza e gravità di tale inadempimento deve concorrere l’apprezzamento di tutte le circostanze del caso concreto`.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore č esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Professionisti senza dipendenti non pagano l'IRAP

Il Professionista che opera in assenza di personale dipendente e strumenti accessori di elevate entità è esonerato dal versamento dell'IRAP

Continua

I CED esclusi dalla Consulenza del lavoro

Le indicazioni sulle competenze riservate ai Consulenti del Lavoro. Le attività ausiliarie non permettono l'assorbimento della qualifica professionale

Continua

Licenziabile il dipendente che lavora in malattia

Licenziabile il lavoratore che svolga altri lavori all'interno della sua proprietà, pregiudizievoli al suo stato di salute

Continua

Illecito il CO.CO.PRO in assenza del contratto

In assenza della stipula del contratto tra le parti il CO.CO.PRO. è nullo e va convertito in lavoro subordinato sin dall'origine

Continua

Licenziamento per assenze discontinue

Licenziabile per giustificato motivo oggettivo il dipendente assente anche discontinuamente

Continua

Apprendistato senza progetto formativo: convertito

Apprendistato senza progetto formativo: convertito in lavoro subordinato

Continua

INPS - Restituzione dei contributi prescritti

Grazie alla sottrazione alla disponibilità delle parti del regime della prescrizione, l'INPS non può trattenere somme non dovute in origine

Continua

ALT ai CED sulla Consulenza del Lavoro

Sentenza del Consiglio di Stato sull'attività dei CED

Continua

Legittimo licenziamento per assenza ingiustificata

Licenziato in tronco il lavoratore assente per almeno tre giorni senza giustificazione

Continua

Reintegro nel posto di lavoro per assoluzione

Reintegrazione nel posto di lavoro perduto per ingiusta detenzione e assoluzione

Continua

Uscire dalla crisi: come fare

Analisi e strategia aziendale per far uscire le aziende dallo stato di crisi

Continua

Semplificazioni fiscali: abrogazione mod. 770

Come abrogare la dichiarazione 770 con i dati in possesso della PA

Continua