Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

I CED esclusi dalla Consulenza del lavoro

Le indicazioni sulle competenze riservate ai Consulenti del Lavoro. Le attività ausiliarie non permettono l'assorbimento della qualifica professionale

I CED esclusi dalla Consulenza del lavoro - Le indicazioni sulle competenze riservate ai Consulenti del Lavoro. Le attività ausiliarie non permettono l'assorbimento della qualifica professionale

Il Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Consulenti del Lavoro, sulla base di quanto previsto dalla legge 12/1979, dalle sentenze espresse dal TAR Piemonte (1738/2009), dalla Corte di Cassazione (9725/2013) e dal Consiglio di Stato (103/2015), pubblica le indicazioni sulle competenze riservate ai Consulenti del lavoro, specificando che la consulenza del lavoro è appannaggio esclusivo dei consulenti abilitati e che lo svolgimento di attività ausiliarie alla consulenza stessa non permette l'assorbimento della qualifica professionale.

Di seguito si riporta la comunicazione del CNO del 09/07/2015:

Negli ultimi anni si è registrato il moltiplicarsi dei ricorsi aventi ad oggetto la contestazione dell'affidamento del servizio di Consulenza del Lavoro in favore delle PP.AA a società commerciali e ai CED. Si riportano pertanto, per gli Enti interessati, alcune indicazioni utili ad evitare affidamenti a rischio di contenzioso per illegittimità degli stessi in materia di servizio di consulenza lavoristica e con eventuali conseguenti oneri risarcitori. La professione di 'Consulente del Lavoro' è disciplinata dalla legge 11 gennaio 1979, n. 12.

Ai fini di quanto qui rileva, la norma da evidenziare è l'art. 1, ove si stabilisce che “tutti gli adempimenti in materia di lavoro, previdenza ed assistenza sociale dei lavoratori dipendenti, quando non sono curati dal datore di lavoro, direttamente o a mezzo di propri dipendenti, non possono essere assunti se non da coloro che siano iscritti nell'albo dei consulenti del lavoro (…), nonché da coloro che siano iscritti negli albi degli avvocati, dei dottori commercialisti, dei ragionieri e periti commerciali”.

Con riferimento a tale disposizione, la giurisprudenza ha chiarito che 'quella del consulente del lavoro si configura come professione protetta e, conseguentemente, non possono ammettersi disposizioni di natura secondaria rispetto alla disciplina legislativa di riferimento che abbiano per oggetto l'attribuzione a soggetti diversi dell'esercizio di attività contemplate dalla professione anzidetta' (TAR Piemonte, I, 19.6.2009, n. 1738).

L'attività di consulente del lavoro deve essere svolta da professionisti abilitati e iscritti all'albo. Tale attività non può essere nemmeno 'indirettamente' (ovvero, tramite società di servizi) svolta da soggetti che non siano all'uopo legittimati (Cfr., da ultimo, Corte Cass. Pen, VI, 28.2.2013, n. 9725; Tribunale pen. Palermo, 8 giugno 2015).

Da ultimo, peraltro, la giurisprudenza del Consiglio di Stato ha ribadito che la consulenza del lavoro è appannaggio esclusivo dei consulenti abilitati e che lo svolgimento di attività 'ausiliarie' alla consulenza medesima non consente di soprassedere sulla qualifica professionale dell'operatore (nel senso che è l'attività ausiliaria che viene 'assorbita' da quella professionale, e non viceversa – Cfr., C.d.S., VI, 16.1.2015, n. 103).

I servizi che possono essere affidati alle società commerciali e ai CED (assistiti da un consulente) sono esclusivamente quelli ausiliari, fermo restando che laddove sia richiesta anche la consulenza professionale lavoristica, solo i consulenti del lavoro (singoli o associati) possono essere gli affidatari del servizio. Resta ferma la possibilità di gestione in proprio e di affidare i servizi lavoristici di tipo accessorio ai CED o a società commerciali.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore č esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Professionisti senza dipendenti non pagano l'IRAP

Il Professionista che opera in assenza di personale dipendente e strumenti accessori di elevate entità è esonerato dal versamento dell'IRAP

Continua

Licenziabile il dipendente che lavora in malattia

Licenziabile il lavoratore che svolga altri lavori all'interno della sua proprietà, pregiudizievoli al suo stato di salute

Continua

Illecito il CO.CO.PRO in assenza del contratto

In assenza della stipula del contratto tra le parti il CO.CO.PRO. è nullo e va convertito in lavoro subordinato sin dall'origine

Continua

Licenziamento per assenze discontinue

Licenziabile per giustificato motivo oggettivo il dipendente assente anche discontinuamente

Continua

Disciplinare il licenziamento per scarso rendimento

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 14310/2015, stabilisce la legittimità del licenziamento disciplinare per scarso rendimento

Continua

Apprendistato senza progetto formativo: convertito

Apprendistato senza progetto formativo: convertito in lavoro subordinato

Continua

INPS - Restituzione dei contributi prescritti

Grazie alla sottrazione alla disponibilità delle parti del regime della prescrizione, l'INPS non può trattenere somme non dovute in origine

Continua

ALT ai CED sulla Consulenza del Lavoro

Sentenza del Consiglio di Stato sull'attività dei CED

Continua

Legittimo licenziamento per assenza ingiustificata

Licenziato in tronco il lavoratore assente per almeno tre giorni senza giustificazione

Continua

Reintegro nel posto di lavoro per assoluzione

Reintegrazione nel posto di lavoro perduto per ingiusta detenzione e assoluzione

Continua

Uscire dalla crisi: come fare

Analisi e strategia aziendale per far uscire le aziende dallo stato di crisi

Continua

Semplificazioni fiscali: abrogazione mod. 770

Come abrogare la dichiarazione 770 con i dati in possesso della PA

Continua