Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Nevralgia Occipitale o Nevralgia di Arnold

La Nevralgia occipitale è una patologia rara, sebbene non rarissima, dovuta a un’irritazione del nervo occipitale (nervo di Arnold). Il trattamento può essere medico o chirurgico

Nevralgia Occipitale o Nevralgia di Arnold - La Nevralgia occipitale è una patologia rara, sebbene non rarissima, dovuta a un’irritazione del nervo occipitale (nervo di Arnold). Il trattamento può essere medico o chirurgico

La nevralgia occipitale è una malattia rara e per questo viene frequentemente confusa con altre patologie, quali la cefalea muscolotensiva e in alcuni casi persino con l’emicrania, con cui condivide la rigidità cervicale e meno frequentemente la fotofobia. 

 

In realtà è dovuta ad una lesione che interessa direttamente il nervo occipitale, o nervo di Arnold, che origina dal ramo posteriore della seconda radice cervicale e garantisce l’innervazione cutanea della regione posteriore della testa. 

 

La nevralgia si manifesta con un dolore parossistico unilaterale, spesso definito come trafittivo, in corrispondenza della nuca, che può irradiarsi in basso verso il collo, in alto fino a raggiungere la regione oculare e lateralmente interessando il padiglione oculare. Nella forma atipica il dolore può essere bilaterale e continuo. Sono quasi sempre presenti dei disturbi disestetici, vale a dire delle alterazioni della sensibilità cutanea, quali formicolii o aree con ridotta sensibilità. Infine la contrattura antalgica riflessa della muscolatura cervicale può causare una marcata rigidità nucale. 

 

Le cause possono essere molteplici, quali traumi ripetuti cervicali, la degenerazione artrosica delle prime vertebre cervicali, l’artite reumatoide, malformazioni della cerniera atlanto-occipitale e neoplasie. Quando non si riscontra una causa, si parla di nevralgia occipitale idiopatica. 

 

La diagnosi si basa essenzialmente sull’esame clinico. La pressione manuale del punto di Arnold, a circa 2 cm lateralmente alla protuberanza occipitale, è in grado di scatenare la crisi dolorosa. Gli esami radiologici sono finalizzati a individuare la causa. La radiografia cervicale può evidenziare grossolane alterazioni della giunzione atlanto-occipitale. Esami più approfonditi comprendono la TC e la RMN, in grado di studiare la regione cervicale e la fossa cranica posteriore. 

 

La terapia medica prevede l’impiego di farmaci antiepilettici in grado di ridurre la frequenza e l’intensità delle crisi dolorose. L’applicazione locale di cerotti a base di anestetici locali, sebbene efficace, è molto poco pratica. I normali farmaci analgesici sono invece quasi sempre inefficaci. La terapia farmacologia può essere integrata con la somministrazione sottocutanea, in corrispondenza dell’emergenza dei nervi piccolo e grande cervicale, di anestetici locali e di cortisonici. 

 

Se la terapia medica è inefficace è possibile ricorrere alla neurolisi mediante radiofrequenza pulsata periferica. La radiofrequenza induce una lesione parziale dei nervi ed è in grado di abolire il dolore per un periodo in genere superiore ai sei mesi. Nel caso di una mancata risposta al trattamento con radiofrequenza il trattamento definitivo consiste nella sezione chirurgica dei nervi. Inevitabile conseguenza del trattamento chirurgico è la completa abolizione della sensibilità nella regione nucale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il mal di schiena: perché e come trattarlo

È una tra le patologie più comuni nei paesi occidentali e spesso ha come causa delle alterazioni della colonna vertebrale che non devono essere trascurate

Continua

Radiofrequanza e Crioanalgesia: indicazioni e tecnica

Se correttamente impiegate, in alcuni tipi di patologie possono portare una riduzione significativa del dolore per un periodo variabile da tre a sei mesi

Continua

I Cannabinoidi: indicazioni e uso terapeutico

I farmaci cannabinoidi costituiscono una risorsa importante nell'ambito della Terapia del Dolore. Recentemente in Italia è stato approvato il loro uso terapeutico

Continua

Il dolore postoperatorio cronico

Un trattamento mirato può risolvere il problema o comunque portare a una riduzione significativa del dolore

Continua

Dolore postoperatorio persistente

E’ un evento molto più comune di quanto si possa pensare. Una diagnosi precoce evita inutili sofferenze

Continua

Uso terapeutico dei Cannabinoidi: cosa c'è da sapere

Numerose ricerche scientifiche hanno evidenziato i molteplici effetti terapeutici. Molte sono le patologie individuate che possono giovarsi di tali sostanze

Continua

Il Dolore Pelvico Cronico

Il Dolore Pelvico Cronico richiede un approccio multispecialistico. La Terapia del Dolore prevede l’impiego di più farmaci, tra i quali i Cannabinoidi

Continua

La Neuropatia Diabetica

Il trattamento della Neuropatia Diabetica è complesso e richiede un approccio polispecialistico. Una corretta Terapia del Dolore può migliorare la qualità di vita dei pazienti

Continua

Nevralgia Posterpetica: perché alcuni pazienti guariscono e altri no?

I pazienti sottoposti agli stessi trattamenti spesso hanno risultati clinici differenti: non sempre viene attuata una strategia terapeutica razionale

Continua

La disfunzione delle articolazioni sacro-iliache

Le alterazioni del bacino sono una causa frequente di lombalgia acuta persistente

Continua

La Mesoterapia non serve solo a dimagrire

La Mesoterapia è un valido strumento terapeutico per molti tipi di dolore, soprattutto di natura muscoloscheletrica

Continua

Che cosa è la Terapia del Dolore

Il dolore da sintomo può diventare in alcuni casi malattia. Combatterlo significa rifiutare il dolore inutile

Continua

Herpes Zoster: perché non sottovalutarlo

L'Herpes Zoster, o Fuoco di Sant'Antonio, in alcuni casi può essere responsabile della Nevralgia Posterpetica. Un trattamento tempestivo e mirato è sempre opportuno

Continua