Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Creditori insoddisfatti alla cessazione d`azienda

Se al termine della procedura di liquidazione dell'azienda, rimangono dei debiti, chi li paga? Si può procedere alla cancellazione presso la CCIAA?

Creditori insoddisfatti alla cessazione d`azienda - Se al termine della procedura di liquidazione dell'azienda, rimangono dei debiti, chi li paga? Si può procedere alla cancellazione presso la CCIAA?

Fa parte di quella casistica che si presenta (quasi) tutte le volte che, al termine della liquidazione dell’impresa ci si chiede: pagato parte dei debiti con il realizzo delle ultime attività e l’incasso gli ultimi crediti, i debiti che residuano (il più delle volte fiscali o previdenziali), impediscono la chiusura dell’impresa? 

 

La domanda posta implica una risposta multipla: no, se il soggetto economico è un’impresa individuale piuttosto che una società di persone, perché i debiti si trasferiscono in capo alla persona fisica illimitatamente responsabile che si surroga debitore nei confronti dell’Ente; al contrario, nel caso che l’impresa sia una società di capitali, essi rimangono nella contabilità aziendale e qui sorge la necessità di un approfondimento. 

 

Vediamo ora di analizzare le problematiche più da vicino, escludendo volutamente situazioni di recupero forzoso o di azioni concorsuali

 

Abbiamo detto che i debiti contratti da imprese individuali e da società di persone, vigendo l’autonomia patrimoniale imperfetta , in quanto c’è una sorta di “confusione patrimoniale”, direi che non ci sia molto da dire: sostanzialmente si può tranquillamente procedere alla cancellazione della ditta dal Registro delle Imprese e i creditori insoddisfatti possono rivalersi sull’ex imprenditore o ex soci in quanto solidali per i debiti contratti dall’impresa. 

 

Altro discorso per le società di capitali: qui vige l’autonomia patrimoniale perfetta, in funzione della quale i debiti contratti dall’impresa non si trasferiscono in capo ai soci, salvo che gli stessi non abbiano sottoscritto delle garanzie nei confronti dei creditori (del tipo fidejussioni bancarie, assicurative, avalli, ecc.). 

 

I liquidatori, al pari degli amministratori, svolgono la loro funzione su nomina da parte dell’assemblea dei soci, ovvero il loro diviene un mandato fiduciario ad amministrare la società nella fase liquidatoria. Eccezion fatta in caso di dolo, ricordiamo che né i soci, né gli amministratori e né i liquidatori, fatte salve le dovute eccezioni, rispondono degli obblighi sociali. 

 

Quindi ci si chiedeva all’inizio: se al termine della liquidazione l’attivo è stato completamente realizzato e rimangono dei debiti, chi li paga? Come può l’Amministrazione o il creditore recuperare le imposte non pagate o i contributi non versati? 

 

La soluzione più semplice e lineare sarebbe quella che i soci provvedano al versamento di una provvista sufficiente all’intero soddisfacimento delle pretese creditorie. 

 

Ma se i soci non hanno disponibilità o non vogliono costituire questa provvista, cosa può fare il liquidatore? 

 

Innanzitutto è opportuno che il liquidatore convochi un’assemblea dal cui verbale risulti l’impossibilità a costituire detta riserva a copertura dei debiti residui. Poi, per non incorrere in possibili azioni di responsabilità, egli dovrà essere stato sufficientemente accorto nel non aver pagato dei debiti aventi un grado di privilegio inferiore a quelli risultanti dal bilancio finale di liquidazione. 

 

Per quanto riguarda i soci, pur godendo della responsabilità limitata al capitale investito, se negli ultimi due anni precedenti la liquidazione e nel successivo periodo di liquidazione dovessero avere percepito delle somme o avere ricevuto in assegnazione dei beni dall’impresa, possono essere chiamati a rispondere dei debiti tributari fino alla concorrenza di tali valori. 

 

Non sussistendo tutti questi distinguo, senza alcun patema d’animo il liquidatore potrà procedere al regolare deposito del bilancio finale di liquidazione e trascorsi i canonici novanta giorni, non avendo ricevuto reclami, potrà procedere alla cancellazione della Società dal Registro delle Imprese

 

Ai sensi dell’art. 2495 ultimo periodo del c.c., i creditori rimasti insoddisfatti possono, entro un anno dalla cancellazione della Società dal Registro delle Imprese, far valere i loro crediti nei confronti dei soci o del liquidatore, sussistendo le cause in precedenza elencate. 

 

Nei confronti del fisco tale termine è stato recentemente portato a cinque anni. In base all’articolo 28, comma 4, del D.Lgs. n. 175 del 2014, ai soli fini della validità e dell'efficacia degli atti di liquidazione, accertamento, contenzioso e riscossione dei tributi e contributi, sanzioni e interessi, “l'estinzione della società di cui all'articolo 2495 del codice civile ha effetto trascorsi cinque anni dalla richiesta di cancellazione del Registro delle imprese”.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Sed Studio Commercialisti Associati - Seveso (MB)

SED Studio Commercialisti Associati

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Antonio Monti, 15

20030 - Seveso (MB)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Assegnazione dei beni ai soci … con trabocchetto

L'assegnazione dei beni ai soci di Società non è soggetta solo all'imposta sostitutiva, bensì anche all'imposta di registro, all'IVA e ad IRPEF

Continua

Cassa Mutua Sanitaria, opportunità per le aziende

In un momento come l'attuale dove il sistema sanitario è sempre più a carico del cittadino, è opportuno valutare se sottoscrivere una polizza Mutua

Continua

Novità Autovetture dalla Legge di Stabilità 2016

La Legge di Stabilità 2016 offre la possibilità di ammortizzare al 140% gli investimenti effettuati nel periodo tra il 15/10/2015 e il 31/12/2016.

Continua

Il nuovo regime forfettario 2016

la legge di stabilità 2016 ha stabilito le nuove regole contabili e fiscali relative ai contribuenti minimi.

Continua

Niente ricevuta fiscale nell'e-commerce

Gli operatori B2C per servizi di TLC, teleradiodiffusione e di e-commerce, sono dispensati dall'obbligo di emissione di scontrini e ricevute fiscali.

Continua

Sanatoria bolli auto – Regione Lombardia

Con la Legge Regionale n. 20/2015, la Regione Lombardia da modo agli automobilisti morosi di pagare il bollo auto senza maggiorazioni

Continua

Per i minimi si ritorna (in parte) al vecchio

Dal 1 gennaio 2016 tutti i contribuenti minimi saranno assoggettati alla nuova normativa

Continua

Dal 2016 in vigore il nuovo bilancio abbreviato

Dal prossimo anno entrerà in vigore la riforma del bilancio d'esercizio compreso quello in forma abbreviata. Non facciamoci trovare impreparati

Continua

Il bilancio super-semplificato, un`analisi

La Direttiva 2013/34/UE recepita dal D.Lgs 139/2015, ha introdotto un nuovo schema di bilancio notevolmente più semplificato rispetto ai precedenti

Continua

Il bilancio super-semplificato delle micro s.r.l.

Dal 2016 le micro-imprese potranno redigere il bilancio da depositare al Registro delle Imprese in forma super-semplificata

Continua

L’importanza (a volte) di essere aulici

Essere aulici aiuta il lessico e la psiche. E' salutare anche per il corpo

Continua

Cassazione – ordinanza 10/07/2015, n. 14501

La mancata redazione dell’inventario di fine anno delle rimanenze di magazzino giustifica l’accertamento induttivo da parte dell’Agenzia delle Entrate

Continua

Il Governo con una mano dà, con le altre due prende

Ridurre le imposte di 50 miliardi e mantenere gli impegni con l'Europa: una sfida per il governo Renzi. Mentre la disoccupazione non diminuisce

Continua

In Italia non diminuisce il costo del lavoro

Molti paesi europei hanno attuato politiche per il rilancio dell'economia. Non così in Italia

Continua

Risposta a quei petulanti economisti di sinistra

La Scolastica, con i suoi quattro pilastri, è strettamente attuale. Quasi 800 anni fa S. Tommaso d'Aquino ha enunciato l'attuale teoria economica

Continua

IVA sui beni significativi: la miopia dell’Agenzia

Il rilancio dell'artigianato passa anche dalla normativa tributaria

Continua

È lecito il rilascio di assegni post-datati?

L'emissione di un assegno post-datato è di per sé illecita, ma può essere regolarizzata.

Continua

I voucher: cosa sono, chi e come si utilizzano

Le prestazioni accessorie svolte da pensionati, studenti, disoccupati, extra-comunitari e altri possono essere retribuite con i "voucher"

Continua

Le prestazioni occasionali: distinguo da operare

Esiste una netta distinzione tra "prestazioni occasionali di lavoro autonomo" e le "collaborazioni occasionali"

Continua