Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

È lecito il rilascio di assegni post-datati?

L'emissione di un assegno post-datato è di per sé illecita, ma può essere regolarizzata.

È lecito il rilascio di assegni post-datati? - L'emissione di un assegno post-datato è di per sé illecita, ma può essere regolarizzata.

Tutti sappiamo che emettere un assegno bancario post-datato è illegale, ma in Italia la pratica è ancora molto diffusa e spesso prescinde da un calcolo di pura convenienza. 

 

L’emissione di assegni con apposizione di data futura serve sostanzialmente a rinviare il momento dell’effettivo pagamento di merci o servizi: pensiamo alla necessità di sostenere una spesa ma di essere momentaneamente sprovvisto dei soldi necessari. 

 

Con l’emissione di un assegno post-datato andiamo a rilasciare al creditore un titolo a garanzia della prestazione e a posticipare nel tempo il momento dell’effettivo pagamento. Il beneficiario dal canto suo avrà tra le mani un titolo da utilizzare nei tempi concordati in grado di costituire una valida “garanzia” assimilabile, per certi versi, a una cambiale. 

 

Ma cosa accade se emettiamo o riceviamo un assegno bancario post-datato? A quali conseguenze possiamo andare incontro? E in che modo possiamo “regolarizzare” questa cattiva pratica? 

 

Prima di comprendere a cosa andiamo incontro se dovessimo entrare in possesso o dovessimo emettere un assegno post-datato, è bene chiarire che l’emissione di un assegno post-datato è illegale in quanto il Regio Decreto 1736 del 21/12/1933 all’art. 1 del titolo 1, capo 1, prescrive tra gli elementi essenziali al n. 5) “l'indicazione della data e del luogo dove l'assegno bancario è emesso” e ancora l’art.31 recita che “L'assegno bancario è pagabile a vista. Ogni contraria disposizione si ha per non scritta. L'assegno bancario presentato al pagamento prima del giorno indicato come data di emissione è pagabile nel giorno di presentazione.” Quindi indicare una data futura contravviene al comma 5) dell’art. 1 e comunque la data indicata non è vincolante in quanto il creditore può presentarsi in qualsiasi momento allo sportello per riscuotere il proprio credito in applicazione all’art. 31. 

 

È bene precisare che non si tratta più di un reato penale, illecito scomparso dall’entrata in vigore del decreto legislativo 30 dicembre 1999, n. 507, ma di un reato che prevede solamente una sanzione amministrativa per l’evasione dell’imposta di bollo. 

 

In termini più concreti, tutti gli assegni sono pagabili a vista, cioè nel momento in cui sono in mano al beneficiario il quale è libero di presentarsi allo sportello bancario, oppure attendere la data apposta. Considerato che ogni altra disposizione “si ha per non scritta”, a nulla servono eventuali altri accordi tra le parti. Anche se, in presenza di un accordo formale di non incassare l’assegno entro la data indicata, potrebbero verificarsi ipotesi di inadempimento contrattuale in capo al beneficiario. Il rischio vero è che il traente ha sicuramente apposto una data futura in previsione di incassi o versamenti sul proprio conto. Presentarlo anticipatamente si corre il rischio di un ritorno a seguito di elevazione di protesto. La banca del traente rileverà e segnalerà l’evasione dell’imposta di bollo all’Ufficio del Registro, presso l’Agenzia delle Entrate. Chi ha emesso l’assegno andrà così incontro alle sanzioni previste dalla legge. 

 

È tuttavia possibile regolarizzare l’assegno post-datato con il versamento dell’imposta di bollo pari allo 0,12% dell’importo indicato. Così facendo è possibile anche scontarlo in banca in quanto è del tutto assimilato ad una cambiale

 

In generale, per la validità dell’assegno la legge richiede alcuni specifici requisiti. Il principale dubbio che normalmente viene sollevato in tema di titoli di credito è se un assegno post-datato sia valido o meno. Il problema non è di poco conto, considerato l’ampio uso che si fa di tale strumento, spesso ceduto ai creditori per realizzare il diverso fine della garanzia. 

 

Nella prassi commerciale accade spesso che l’assegno bancario venga anche consegnato a garanzia di un debito con l’intesa che verrà restituito al debitore qualora questi adempia regolarmente la propria obbligazione. Nel frattempo il creditore ha il vantaggio di possedere un titolo esecutivo da far valere in caso di inadempimento tramite la c.d. azione cartolare oppure il ricorso monitorio. 

 

Ma quali sono le conseguenze, sotto il profilo civilistico, di siffatto utilizzo improprio dell’assegno? 

 

Come affermato più volte dalla giurisprudenza di legittimità, ai sensi dell’art. 31 del r.d. 21 dicembre 1933 n. 1736 (la c.d. legge assegno), la post-datazione non induce di per sé nullità dell’assegno bancario ma comporta soltanto la nullità del relativo patto c.d. “di non presentazione” per contrarietà a norme imperative; conseguentemente l’assegno bancario post-datato, al pari di quello regolarmente datato, deve considerarsi venuto ad esistenza come titolo di credito e mezzo di pagamento al momento stesso della sua emissione, che si identifica con il distacco dalla sfera giuridica del traente ed il passaggio nella disponibilità del prenditore (Cassazione Civile - Sentenza n. 2160/2006). 

 

In ogni caso, è evidente che l’emissione di un assegno post-datato, che di per sé sarebbe un valido mezzo di pagamento, espone il debitore al rischio del protesto posto che il conto corrente potrebbe presentarsi scoperto al momento della esibizione del titolo, che, come abbiamo già detto, può essere presentato anche in data antecedente quella indicata. 

Diversa è l’ipotesi dell’assegno senza data il quale è radicalmente nullo e può valere solo come promessa di pagamento ai sensi dell’art. 1988 c.c. Trattasi tuttavia di una distinzione più teorica che pratica, considerato che la data ben potrebbe essere apposta, come in effetti avviene nella quasi generalità dei casi e a volte anche allo sportello bancario, in qualunque momento dal portatore del titolo sanandone così l’invalidità originaria.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Sed Studio Commercialisti Associati - Seveso (MB)

SED Studio Commercialisti Associati

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Antonio Monti, 15

20030 - Seveso (MB)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Assegnazione dei beni ai soci … con trabocchetto

L'assegnazione dei beni ai soci di Società non è soggetta solo all'imposta sostitutiva, bensì anche all'imposta di registro, all'IVA e ad IRPEF

Continua

Cassa Mutua Sanitaria, opportunità per le aziende

In un momento come l'attuale dove il sistema sanitario è sempre più a carico del cittadino, è opportuno valutare se sottoscrivere una polizza Mutua

Continua

Novità Autovetture dalla Legge di Stabilità 2016

La Legge di Stabilità 2016 offre la possibilità di ammortizzare al 140% gli investimenti effettuati nel periodo tra il 15/10/2015 e il 31/12/2016.

Continua

Il nuovo regime forfettario 2016

la legge di stabilità 2016 ha stabilito le nuove regole contabili e fiscali relative ai contribuenti minimi.

Continua

Niente ricevuta fiscale nell'e-commerce

Gli operatori B2C per servizi di TLC, teleradiodiffusione e di e-commerce, sono dispensati dall'obbligo di emissione di scontrini e ricevute fiscali.

Continua

Sanatoria bolli auto – Regione Lombardia

Con la Legge Regionale n. 20/2015, la Regione Lombardia da modo agli automobilisti morosi di pagare il bollo auto senza maggiorazioni

Continua

Per i minimi si ritorna (in parte) al vecchio

Dal 1 gennaio 2016 tutti i contribuenti minimi saranno assoggettati alla nuova normativa

Continua

Dal 2016 in vigore il nuovo bilancio abbreviato

Dal prossimo anno entrerà in vigore la riforma del bilancio d'esercizio compreso quello in forma abbreviata. Non facciamoci trovare impreparati

Continua

Il bilancio super-semplificato, un`analisi

La Direttiva 2013/34/UE recepita dal D.Lgs 139/2015, ha introdotto un nuovo schema di bilancio notevolmente più semplificato rispetto ai precedenti

Continua

Il bilancio super-semplificato delle micro s.r.l.

Dal 2016 le micro-imprese potranno redigere il bilancio da depositare al Registro delle Imprese in forma super-semplificata

Continua

L’importanza (a volte) di essere aulici

Essere aulici aiuta il lessico e la psiche. E' salutare anche per il corpo

Continua

Cassazione – ordinanza 10/07/2015, n. 14501

La mancata redazione dell’inventario di fine anno delle rimanenze di magazzino giustifica l’accertamento induttivo da parte dell’Agenzia delle Entrate

Continua

Il Governo con una mano dà, con le altre due prende

Ridurre le imposte di 50 miliardi e mantenere gli impegni con l'Europa: una sfida per il governo Renzi. Mentre la disoccupazione non diminuisce

Continua

In Italia non diminuisce il costo del lavoro

Molti paesi europei hanno attuato politiche per il rilancio dell'economia. Non così in Italia

Continua

Risposta a quei petulanti economisti di sinistra

La Scolastica, con i suoi quattro pilastri, è strettamente attuale. Quasi 800 anni fa S. Tommaso d'Aquino ha enunciato l'attuale teoria economica

Continua

IVA sui beni significativi: la miopia dell’Agenzia

Il rilancio dell'artigianato passa anche dalla normativa tributaria

Continua

Creditori insoddisfatti alla cessazione d`azienda

Se al termine della procedura di liquidazione dell'azienda, rimangono dei debiti, chi li paga? Si può procedere alla cancellazione presso la CCIAA?

Continua

I voucher: cosa sono, chi e come si utilizzano

Le prestazioni accessorie svolte da pensionati, studenti, disoccupati, extra-comunitari e altri possono essere retribuite con i "voucher"

Continua

Le prestazioni occasionali: distinguo da operare

Esiste una netta distinzione tra "prestazioni occasionali di lavoro autonomo" e le "collaborazioni occasionali"

Continua