Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Cassazione – ordinanza 10/07/2015, n. 14501

La mancata redazione dell’inventario di fine anno delle rimanenze di magazzino giustifica l’accertamento induttivo da parte dell’Agenzia delle Entrate

Cassazione – ordinanza 10/07/2015, n. 14501 - La mancata redazione dell’inventario di fine anno delle rimanenze di magazzino giustifica l’accertamento induttivo da parte dell’Agenzia delle Entrate

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 14501 del 10 luglio 2015, ha nuovamente confermato che la mancata redazione dell’inventario di magazzino di fine anno giustifica la validità dell’accertamento induttivo effettuato dall’Agenzia delle Entrate, in quanto detta omissione avrebbe provocato agli accertatori “l’impossibilità di effettuare un controllo della corretta quantificazione e contabilizzazione di tali dati in bilancio”. 

 

L’ordinanza de quo trova fondamento nella precedente Cass. Sez. 5, Sentenza n. 7653 del 16/05/2012. Recita il Relatore: “Codesta Suprema Corte ha già avuto modo di evidenziare con autorevolezza che: <In tema di imposte dirette, in caso di omessa presentazione del prospetto analitico delle rimanenze iniziali e finali, l'Ufficio può procedere ad accertamento di tipo induttivo, attraverso una determinazione della percentuale di ricarico dei prezzi di vendita rispetto a quelli di acquisito, purché questa sia fondata su un campione di merci rappresentativo ed adeguato per qualità e quantità rispetto al fatturato complessivo, su percentuali di ricarico dei singoli beni obiettivamente rilevate dai documenti esaminati e su criteri di computo della percentuale di ricarico del campione logicamente condivisibili, siano essi fondati su una media aritmetica o ponderale>" 

 

Quanto detto è in applicazione del comma 2, lettera d) dell’art. 39 del D.P.R. 600/73. 

 

Censurabile è invece il comportamento spesso tenuto dall’Agenzia delle Entrate la quale applica il metodo induttivo anche in situazioni che esulano dalle casistiche riportate, come ad esempio la ripetuta mancata congruità e adeguamento alle risultanze degli Studi di settore. 

 

Tornando all’ordinanza 14501, essa si riferisce ad una vicenda che risale all’anno 2011 quando la Commissione Tributaria Provinciale di Frosinone aveva respinto il ricorso di una società alla quale era stato notificato un avviso di accertamento ai fini IVA-IRES-IRAP per l’anno 2006. Avviso emesso a seguito di PVC nel quale erano state contestate una pluralità di violazioni, inclusa quella oggetto della presente, con ricostruzione induttiva dei ricavi. 

 

A seguito di ricorso del contribuente, la Commissione Tributaria Regionale accolse le doglianze del ricorrente in quanto: "… in assenza dei presupposti che giustificano l’accertamento induttivo di cui al comma 2 dell’art.39 DPR n.600/1973"....doveva considerarsi ingiustificato l’adozione del "metodo induttivo puro nei confronti della ricorrente", in quanto l’azienda superava i limiti di cui all’art. 10 comma 4 della Legge 146/1998”, ovvero, non era tenuta alla compilazione degli Studi di settore in quanto superava i 10 miliardi di lire di ricavi. 

 

La Cassazione, ritenendo la compilazione degli Studi uno degli estremi a giustificazione dell’accertamento effettuato, è rimasta coerente con la precedente sentenza sopra indicata smentendo la CTR e condannando il contribuente al pagamento delle imposte richiesta dall’Agenzia.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Sed Studio Commercialisti Associati - Seveso (MB)

SED Studio Commercialisti Associati

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Antonio Monti, 15

20030 - Seveso (MB)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Assegnazione dei beni ai soci … con trabocchetto

L'assegnazione dei beni ai soci di Società non è soggetta solo all'imposta sostitutiva, bensì anche all'imposta di registro, all'IVA e ad IRPEF

Continua

Cassa Mutua Sanitaria, opportunità per le aziende

In un momento come l'attuale dove il sistema sanitario è sempre più a carico del cittadino, è opportuno valutare se sottoscrivere una polizza Mutua

Continua

Novità Autovetture dalla Legge di Stabilità 2016

La Legge di Stabilità 2016 offre la possibilità di ammortizzare al 140% gli investimenti effettuati nel periodo tra il 15/10/2015 e il 31/12/2016.

Continua

Il nuovo regime forfettario 2016

la legge di stabilità 2016 ha stabilito le nuove regole contabili e fiscali relative ai contribuenti minimi.

Continua

Niente ricevuta fiscale nell'e-commerce

Gli operatori B2C per servizi di TLC, teleradiodiffusione e di e-commerce, sono dispensati dall'obbligo di emissione di scontrini e ricevute fiscali.

Continua

Sanatoria bolli auto – Regione Lombardia

Con la Legge Regionale n. 20/2015, la Regione Lombardia da modo agli automobilisti morosi di pagare il bollo auto senza maggiorazioni

Continua

Per i minimi si ritorna (in parte) al vecchio

Dal 1 gennaio 2016 tutti i contribuenti minimi saranno assoggettati alla nuova normativa

Continua

Dal 2016 in vigore il nuovo bilancio abbreviato

Dal prossimo anno entrerà in vigore la riforma del bilancio d'esercizio compreso quello in forma abbreviata. Non facciamoci trovare impreparati

Continua

Il bilancio super-semplificato, un`analisi

La Direttiva 2013/34/UE recepita dal D.Lgs 139/2015, ha introdotto un nuovo schema di bilancio notevolmente più semplificato rispetto ai precedenti

Continua

Il bilancio super-semplificato delle micro s.r.l.

Dal 2016 le micro-imprese potranno redigere il bilancio da depositare al Registro delle Imprese in forma super-semplificata

Continua

L’importanza (a volte) di essere aulici

Essere aulici aiuta il lessico e la psiche. E' salutare anche per il corpo

Continua

Il Governo con una mano dà, con le altre due prende

Ridurre le imposte di 50 miliardi e mantenere gli impegni con l'Europa: una sfida per il governo Renzi. Mentre la disoccupazione non diminuisce

Continua

In Italia non diminuisce il costo del lavoro

Molti paesi europei hanno attuato politiche per il rilancio dell'economia. Non così in Italia

Continua

Risposta a quei petulanti economisti di sinistra

La Scolastica, con i suoi quattro pilastri, è strettamente attuale. Quasi 800 anni fa S. Tommaso d'Aquino ha enunciato l'attuale teoria economica

Continua

IVA sui beni significativi: la miopia dell’Agenzia

Il rilancio dell'artigianato passa anche dalla normativa tributaria

Continua

È lecito il rilascio di assegni post-datati?

L'emissione di un assegno post-datato è di per sé illecita, ma può essere regolarizzata.

Continua

Creditori insoddisfatti alla cessazione d`azienda

Se al termine della procedura di liquidazione dell'azienda, rimangono dei debiti, chi li paga? Si può procedere alla cancellazione presso la CCIAA?

Continua

I voucher: cosa sono, chi e come si utilizzano

Le prestazioni accessorie svolte da pensionati, studenti, disoccupati, extra-comunitari e altri possono essere retribuite con i "voucher"

Continua

Le prestazioni occasionali: distinguo da operare

Esiste una netta distinzione tra "prestazioni occasionali di lavoro autonomo" e le "collaborazioni occasionali"

Continua