Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità civile

L'immobile inagibile è esente da Tarsu

L'inidoneità alla produzione di rifiuti esenta l'immobile dal pagamento

L'immobile inagibile è esente da Tarsu - L'inidoneità alla produzione di rifiuti esenta l'immobile dal pagamento

Con la sentenza n. 2667/04/2015, la Commissione Tributaria Provinciale di Bari ha ribadito un importante principio: l'immobile inagibile o inabitabile è inidoneo alla produzione di rifiuti, pertanto non è soggetto a Tarsu.
 

Nel caso di specie, la Commissione ha accolto il ricorso di un contribuente, avverso l'avviso di accertamento della tassa sui rifiuti.
Il ricorrente, proprietario di un terreno agricolo sul quale insistente un locale utilizzato per il mero ricovero attrezzi, asseriva che, a causa di continui furti e danneggiamenti, l'immobile era divenuto inagibile ed inabitabile, tanto da costringerlo alla demolizione del locale ed alla sua cancellazione da catasto.
In più, il cespite non era mai stato asservito da rete elettrica, acquedotto, fognatura.
Sulla base di quanto sopra, il ricorrente, assistito dal sottoscritto avvocato, e producendo adeguata documentazione fotografica dell'immobile, chiedeva l'annullamento dell'avviso di accretamento ritenendo sussistenti tutti i requisiti per l'esenzione dalla Tarsu, richiesti dalla normativa istitutiva del tributo.
 

Accogliendo la tesi difensiva sopra esposta, la Commissione Tributaria Provinciale, statuiva che, ai sensi dell'art.  62 co.2 del d.lgsvo n. 507/92: "non sono soggetti alla tassa i locali e le aree che non  possono produrre rifiuti o per la loro natura o per il  particolare  uso  cui sono  stabilmente  destinati  o  perche'   risultino   in   obiettive condizioni di non utilizzabilita' nel corso dell'anno,  qualora  tali circostanze siano indicate nella denuncia originaria o di  variazione e debitamente riscontrate in base ad elementi obiettivi direttamente rilevabili o ad idonea documentazione".
La sentenza della Commissione,  assume importanza soprattutto nel confermare, seppur implicatemente, che le condizioni di oggettiva inutilizzabilità dell'immobile, valevoli al fine del riconoscimento delle esimenti di cui all'art. 62 sopra menzionato, sono ravvisabili, come peraltro precisato nella circolare ministeriale n. 95/e del 1994,  anche nel caso di luoghi interclusi o in abbandono, o nel caso di locali non presidiati o con sporadica presenza dell'uomo, o ancora nel caso di immobili non allacciati a servizi a rete o addirittura non arredati.
La decisione del Giudice Tributario, inoltre, contribuisce a fare chiarezza sulle divergenze intepretative circa i requisiti necessari che l'immobile deve avere onde fruire dell'esenzione dal tributo.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Responsabilità civile

Avv. Vincenzo Magarelli - Molfetta (BA)

Avv. Vincenzo Magarelli

Avvocati / Civile

Via Poggioreale 4

70056 - Molfetta (BA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Mantenimento della prole ed obblighi dei nonni

Quando gli ascendenti devono concorrere al pagamento delle spese

Continua

La madre separata può trasferirsi con i figli

La madre presso cui collocati i minori può, per esigenze lavorative, trasferirsi anche in una diversa regione portando con sé i figli

Continua