Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Provvigione all'agente immobiliare. Quando e come

E' necessario leggere con attenzione le clausole della proposta di acquisto che si sottoscrive, proponendo anche modifiche rispetto alla provvigione

Provvigione all'agente immobiliare. Quando e come - E' necessario leggere con attenzione le clausole della proposta di acquisto che si sottoscrive, proponendo anche modifiche rispetto alla provvigione

L'acquisto di una casa, invece della sua realizzazione ex novo, consente di programmare la spesa prevista con il budget necessario, ciò avuto anche riguardo ad altre spese come, ad es., il compenso ai professionisti intervenuti per l'acquisto: la legge stabilisce, all'art. 1755 c.c., che il mediatore «ha diritto alla provvigione da ciascuna delle parti, se l'affare è concluso per effetto del suo intervento» fondando tale diritto sul presupposto della conclusione dell'affare, che si dovrebbe identificare con la conclusione del contratto di acquisto dell'immobile.  

E' opportuno tuttavia vigilare affinché quella programmazione di spesa non resti frustrata, magari, addirittura, a fronte del mancato acquisto, al quale dovesse conseguire egualmente l'obbligo di corrispondere la provvigione all'agente immobiliare: in quali casi va corrisposto il compenso al mediatore? 

 

La giurisprudenza è univoca nell'affermare che la provvigione è dovuta al momento in cui è presente un «atto in virtù del quale sia costituito un vincolo che dia diritto di agire per l'adempimento ovvero, in difetto, per il risarcimento del danno» con il corollario che «la stipulazione di un contratto preliminare è sufficiente a far sorgere tale diritto, restando ininfluente la circostanza che, al preliminare, non segua la stipula del contratto definitivo (ex multis Trib. Bologna Sez. II, 23-05-2014; App. Roma Sez. III, 04-05-2012 e Cass. civ. Sez. III, 18-01-2012, n. 667)».  

D'altra parte, proprio la Cassazione riconosce il diritto alla provvigione al mediatore che abbia contribuito a mettere in relazione le parti realizzando «l'antecedente indispensabile per pervenire alla conclusione del contratto (Cass. civ., Sez. III, 09-12-2014, n. 25851)» antecedente che potrebbe non essere il preliminare ma ciò che viene comunemente definito il preliminare del preliminare ossia, ad es., l'accettazione della proposta di acquisto, che non è titolo abilitante, in favore di chi l'abbia sottoscritta, alla conclusione del contratto di acquisto dell'immobile, e, come tale, non dovrebbe dare diritto alla provvigione; tale diritto, tuttavia, sorge in presenza dell'esplicito impegno eventualmente assunto dalle parti (mediante sottoscrizione della dichiarazione di accettazione della proposta di acquisto), di considerare atto conclusivo dell'affare la sola comunicazione dell'accettazione della proposta di acquisto.  

 

Ciò che accomuna, in sostanza, tutte le ipotesi nelle quali sorge il diritto alla provvigione è il raggiungimento ad opera delle parti dello scopo per il quale si sono rivolte al mediatore e che, oggettivamente, risulti da atti tali che, anche a fronte di ripensamenti del proprio interlocutore, siano tali da permettere ugualmente, mediante l'eventuale intervento del giudice, il soddisfacimento dell'interesse perseguito. Tale non è evidentemente l'accettazione, pura e semplice, di una proposta di acquisto, specie quando sia assistita da una penale per il recesso, ossia quando consenta a chi l'abbia accettata di venir meno all'impegno assunto, salvo corrispondere una somma di denaro prestabilita proprio per questa ipotesi. 

 

Insomma: è bene controllare attentamente il testo della proposta di acquisto visto che, a fronte dell'orientamento che, sia pure alle ricordate condizioni, assegna al c.d. preliminare del preliminare la possibilità di fondare il diritto alla provvigione, vi è il pericolo che, dinanzi ad una proposta di acquisto, accettata ma non onorata da una delle Parti messe in relazione, entrambe siano ugualmente tenute a corrispondere al mediatore una provvigione per un'utilità che non hanno conseguito, magari anche nei casi in cui sia stata prevista una penale per il recesso, ipotesi che, a giudizio di chi scrive, non dovrebbe neppure essere messa in discussione, trattandosi di un corrispettivo del recesso, come tale sufficiente a fondare il diritto a recedere senza ulteriori conseguenze.  

Una soluzione di prudente equilibrio (rispetto alla brutta sorpresa di una richiesta di provvigione anche in mancanza della stipula del contratto o comunque del raggiungimento dell'utilità che si aveva lo scopo di conseguire), nel rispetto delle legittime aspettative di tutti i soggetti coinvolti, potrebbe allora essere quella di inserire, al momento dell'accettazione della proposta, una clausola (con la sottoscrizione anche del legale rappresentante del soggetto che svolga la funzione di mediatore) quale, ad es., si precisa che il diritto alla provvigione sorgerà al momento in cui «le parti, anche in seguito all'accettazione della proposta di acquisto, avranno sottoscritto un titolo abilitante, nei confronti di chi ne sia titolare, al conseguimento del contratto di acquisto (ad es.) dell'immobile».

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Studio Legale Giuseppe Mazzotta - Pisa (PI)

Studio Legale Giuseppe Mazzotta

Avvocati / Civile

Via San Concordio n. 3

56122 - Pisa (PI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

In Italia è prevista l’adozione del minore e non la maternità surrogata

Anche per la Corte Europea dei diritti dell’Uomo, la pratica di maternità surrogata fonda il legittimo allontanamento del bambino dalla coppia comittente

Continua

L'adozione ed il superiore interesse del minore

La Corte d'appello di Milano sentenzia su un'istanza di adozione piena da persone dello stesso sesso interpretando il concetto di ordine pubblico

Continua

Il contratto di locazione deve avere forma scritta

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione chiariscono in via definitiva gli specifici casi di deroga alla forma scritta nel contratto di locazione

Continua

Legge sull'adozione e piena tutela degli affetti

Permettendo l'adozione anche alle famiglie affidatarie, la legge garantisce la continuità affettiva dei bambini e delle bambine in affido familiare

Continua

Investimenti sicuri? Studiare bene il contratto

Sottoscrivere un contratto di investimento, anche in banca, è operazione economica utilissima, ma occorre osservare le più accorte regole di prudenza

Continua

Mater sempre certa: e se vi è scambio di embrioni?

La vicenda dello scambio di embrioni all'Ospedale Pertini di Roma nell'ordinanza che conferma i principi dell'ordinamento in materia di filiazione

Continua

Gli indirizzi mail utilizzati dai social network

Ricordate sulla mail la frase «Vorrei aggiungerti al mio network professionale su LinkedIn!»? La richiesta deve essere autorizzata salvo risarcimento

Continua

Nozze gay, il matrimonio in ambito di diritto internazionale

Il Consiglio di Stato fa il punto sulle fonti, sia nazionali che sovranazionali, che regolano il matrimonio anche per l'ordinamento di stato civile

Continua

La famiglia ricostituita e l'assegno divorzile

Secondo la Corte di Cassazione (6855/2015), con la famiglia ricostituita da coniugi precedentemente divorziati, cessa per sempre l'assegno divorzile

Continua

Il disoccupato e il suo effettivo reinserimento

La legislazione di Riforma del Diritto del Lavoro prevede strumenti di reinserimento del disoccupato mediante l'acquisto di nuova professionalità

Continua

Quando il venditore offre anche il finanziamento

Le principali regole a tutela del consumatore che, aumentando la propria possibilità di acquisto, sceglie di pagare a rate mediante un finanziamento

Continua

Tutela dei minori e responsabilità dei maggiori

La possibilità per i nonni di agire in giudizio per superare gli ostacoli eventualmente frapposti alla frequentazione dei nipoti e le regole a tutela

Continua

Separazione: le spese straordinarie in Cassazione

L'ordinanza della Cassazione n. 16175 del 30/07/2015 chiarisce definitivamnete cosa deve intendersi per "spese straordinarie" e i criteri di rimborso

Continua

Genitori e garanzia degli obblighi verso i figli

In caso di separazione e divorzio, i rimedi, anche sanzionatori, per il caso di genitori che si sottraggano agli obblighi previsti dal Giudice

Continua

Pignorabile la pensione versata su conto corrente

L'accredito della pensione, in data anteriore al pignoramento, permette di pignorare la pensione in misura eccedente il triplo dell’assegno sociale

Continua

La disabilità a scuola e gli strumenti di tutela

Nel passaggio dall'uso del termine «handicap» a quello «disabile» un percorso normativo di garanzie sempre maggiori e di uguali opportunità per tutti

Continua

Negoziazione Assistita – Il Punto - Ultima parte

L'assistenza dell'avvocato garantisce nella sostanza, con l'accordo tra i coniugi, la tutela di tutti i soggetti, in primis quella dei figli

Continua

La Negoziazione Assistita - Il Punto Parte Seconda

Dopo la circolare 29.07.2015 del Ministero della Giustizia permane l'esigenza di chiarire natura, contenuto e imiti del parere del Pubblico Ministero

Continua

La negoziazione assistita – Il Punto – Parte prima

Il procedimento semplifica le procedure ma valorizza il ruolo dell'avvocato che sia competente e capace di consigliare il proprio cliente

Continua

Agevolazioni prima casa: le regole per la famiglia

In caso di acquisto, in comunione legale, di una casa, il requisito della residenza nel Comune in cui è ubicato l'immobile è riferito alla famiglia.

Continua

Voli internazionali e smarrimento del bagaglio

In caso di perdita del bagaglio in un viaggio all'estero occorre individuare: giudice a cui rivolgersi, norme da applicare, diritti da far valere.

Continua

Legge 44/2015: Sì al prestito dopo i sessant'anni

Il prestito vitalizio ipotecario, con la legge 44/2015, consentirà un agile accesso al credito anche ad ultrasessantenni proprietari di immobili

Continua

Esami invasivi e rapporto medico e paziente

L'articolo esamina il tema del diritto all'informazione medica nell'ambito specifico della medicina predittiva relativa a patologie genetiche feto.

Continua

La pensione è ancora impignorabile?

L'articolo esamina le conseguenze della legge che, dal 2014, impone di versare la pensione su conto corrente e rende pignorabile la pensione stessa

Continua

Divorzio breve

Il DDL del 22 aprile 2015 che introduce il divorzio breve. Ambito applicativo e Profili di criticità

Continua

Crisi da sovraindebitamento

Il Regolamento per l'iscrizione nel registro degli organismi di composizione della crisi da sovraindebitamento

Continua

Tutela dei minori e responsabilità dei maggiori

L’ascolto del minore nei procedimenti che lo riguardano. Diritto interno e sovranazionale nel quadro della giurisprudenza di merito e di legittimità

Continua