Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Diffamazione tramite Facebook

La diffamazione si configura sia tramite la pubblicazione di un post denigratorio come pure mediante la pubblicazione di un commento offensivo

Diffamazione tramite Facebook - La diffamazione si configura sia tramite la pubblicazione di un post denigratorio come pure mediante la pubblicazione di un commento offensivo

Prima di lasciarci andare a facili entusiasmi è meglio fare bene attenzione a ciò che si posta e a ciò che si commenta su Facebook

Al giorno d'oggi molte persone utilizzano il Social Network, di cui sopra, per esprimere tutto ciò che pensano, anche i pensieri negativi che hanno su alcune persone. 

E' quindi accaduto che nelle bacheche di alcuni utilizzatori di Facebook si siano lette frasi rivolte ad un determinato individuo, denigrandolo, anche senza scrivervi il nome, ma permettendo ai lettori di poterlo perfettamente individuare dagli elementi in esso indicati

 

Secondo la Suprema Corte di Cassazione “ai fini della integrazione del reato di diffamazione, anche a mezzo di Internet, è sufficiente che il soggetto la cui reputazione è lesa sia individuabile da parte di un numero limitato di persone indipendentemente dalla indicazione nominativa” (Cass. Pen. - Sez. I- n. 16712/14). 

Il reato di diffamazione non richiede il dolo specifico, essendo sufficiente ai fini della sussistenza dell’elemento soggettivo della fattispecie la consapevolezza di pronunciare una frase lesiva dell’altrui reputazione e la volontà che la frase venga a conoscenza di più persone, anche soltanto due. 

 

I Tribunali Italiani si trovano ormai spesso a formulare condanne di questo tipo poichè, nella società odierna, l'uso del Social Network Facebook è ormai ampiamente diffuso

Quello che si è potuto notare è che molte persone scelgono questo strumento come il principale mezzo di comunicazione di qualunque pensiero, sentimento o anche richiesta. E' facile però incappare in qualche reato, specialmente in quello di diffamazione. 

Questo si verifica non solo nella pubblicazione di un cosiddetto post, ma anche nella pubblicazione di un commento offensivo su un post di un altro soggetto. 

In tal caso la Suprema Corte è giunta ad individuare il reato di cui all'art. 595 c.p. “diffamazione aggravata”

 

Dicono gli Ermellini che: “La diffusione di un messaggio con le modalità consentite dall'utilizzo per questo di una bacheca Facebook, ha potenzialmente la capacità di raggiungere un numero indeterminato di persone, sia perché, per comune esperienza, bacheche di tal natura racchiudono un numero apprezzabile di persone (senza le quali la bacheca Facebook non avrebbe senso), sia perché l'utilizzo di Facebook integra una delle modalità attraverso le quali gruppi di soggetti socializzano le rispettive esperienze di vita, valorizzando in primo luogo il rapporto interpersonale, che, proprio per il mezzo utilizzato, assume il profilo del rapporto interpersonale allargato ad un gruppo indeterminato di aderenti al fine di una costante socializzazione. Identificata nei termini detti, la condotta di postare un commento sulla bacheca Facebook realizza, pertanto, la pubblicizzazione e la diffusione di esso, per la idoneità del mezzo utilizzato a determinare la circolazione del commento tra un gruppo di persone comunque apprezzabile per composizione numerica, di guisa che, se offensivo tale commento, la relativa condotta rientra nella tipizzazione codicistica descritta dal terzo comma dell'art. 595 c.p..” (Cass. Pen.- Sez. I- n. 24431/15). 


Quindi, il consiglio che mi sento di dare, nella mia veste di legale, a tutti gli utilizzatori del Social network Facebook è quello di essere sempre molto scrupolosi ed attenti a quello che si pubblica, di ricordarsi che la natura di questo strumento è quello della condivisione di notizie, fotografie, è un mezzo di socializzazione e pertanto deve essere adoperato come tale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto penale criminale

Avv. Federica Battistoni - Ancona (AN)

Avv. Federica Battistoni

Avvocati / Penale

Via Largo San Cosma 3

60121 - Ancona (AN)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Niente tenuità del fatto se c`è continuazione

Nessuna assoluzione per particolare tenuità per chi commette due o più reati di lieve entità

Continua

Esiste lo stalking anche senza legami affettivi

Chi si fa giustizia da sé rischia la condanna per stalking

Continua

Quando un post su facebook è stalking

Attenzione a quello che si scrive nei social network. Più post allusivi riferiti alla stessa persona possono integrare il reato di stalking.

Continua

Lo stalking condominiale

Come tutelarsi quando il vicino di casa è molesto e dispettoso

Continua

Assegno di mantenimento e presunzioni

Come si calcola l'importo dell'assegno quando l'ex coniuge lavora in nero?

Continua

Maltrattamenti in famiglia

L`offesa si dovrà concretizzare in reali vessazioni non essendo sufficienti i semplici litigi

Continua

Maltrattamenti in famiglia

Il reato si configura anche nella convivenza

Continua

Depenalizzazione: come ci si difende dall`ingiuria

“Attenzione. L’offesa ha ancora un costo”

Continua

Violenza sessuale su minorenni via internet

Una prassi, ormai, molto diffusa

Continua

Sfratto per morosità

Una procedura lunga e sfavorevole al proprietario dell`immobile. Consigli pratici

Continua

Maltrattamenti in famiglia. Art. 572 C.P.

Sempre più spesso la violenza è una "faccenda" di famiglia

Continua

Risarcimento al convivente della vittima del reato

Nuove disposizioni dopo l'adeguamento della legislazione interna ai dettami dell’Europa sulla tutela delle vittime dei reati

Continua

L'addebito della separazione. Quando si, quando no

Motivi di addebito della separazione

Continua

Violenza sulle donne e stalking

Violenza sulle donne, l'aumento dei processi per stalking

Continua

Agenzie di recupero crediti: scorrettezze

I comportamenti scorretti delle agenzie di recupero crediti

Continua

Rapporti tra nonni e minori post riforma

Il rinnovato art. 317 bis del Codice civile: "diritto dei nonni ad intrattenere significativi rapporti con i nipoti minori"

Continua

Equitalia: esiste un termine per iscrivere ipoteca

L'ipoteca può essere iscritta senza ulteriori preavvisi anche dopo molto tempo dalla notifica della cartella esattoriale

Continua