Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Nullità delle clausole nei contratti bancari

Abuso dell'autonomia contrattuale da parte delle Banche. Nulle le clausole contrarie alla legge anche se regolarmente sottoscritte dalle parti

Nullità delle clausole nei contratti bancari - Abuso dell'autonomia contrattuale da parte delle Banche. Nulle le clausole contrarie alla legge anche se regolarmente sottoscritte dalle parti

E' sempre pi¨ copiosa la giurisprudenza di merito (tra le pi¨ recenti vds. Tribunale di Cassino, sentenza 24.09.2013 n. 738) che sancisce la nullitÓ delle clausole contenute sui contratti bancari (nel caso oggetto della pronuncia di Cassino, con riferimento alla nota questione dell'anatocismo) frutto di usi negoziali contrastanti con norme di legge. 

Cresce, in sostanza, l'orientamento dell'AutoritÓ Giudiziaria che censura la consuetudine, molto diffusa tra gli Istituti di credito, di inserire - in special modo sulle aperture delle linee di credito - clausole che, pur formalmente sottoscritte dalle parti (e, pertanto, si presume accettate dalle stesse), sottoposte al vaglio del Giudice si rivelino contrarie alla legge e pertanto dichiarate nulle. Viene punito dunque l'abuso da parte delle banche dell'autonomia negoziale di cui godono la parti che, a causa della posizione di forza di quest'ultime, unitamente all'utilizzo massiccio di contratti standardizzati sui quali il correntista ha ben poco margine di contrattazione in proprio favore, vede pressocchŔ costretta l'utenza ad accettare supinamente imposizioni assai gravose sotto il profilo dei costi di tenuta dei conti, tassi di interesse ed altri orpelli che, non appena si verifichi il c.d. sconfinamento, determinano l'aumento esponenziale del "debito" del correntista nei confronti dell'istituto di credito. La pronuncia cui si Ŕ fatto riferimento, insomma, ancora una volta ribadisce che l'autonomia negoziale della parti non pu˛ porsi in contrasto con norme di legge. Quando ci˛ si verifichi, pur in presenza di un contratto regolarmente sottoscritto dalle parti, sarÓ certa la pronuncia giudiziale di nullitÓ della pattuizione. Sotto tale aspetto si registra una incoraggiante presa di coscienza da parte delle imprese (ma anche del privato che richiede accesso al credito). Complice la stretta creditizia e la crisi economica logorante dei tempi che viviamo, sono sempre di pi¨ quelli che reagiscono promuovendo, con il necessario supporto di consulenti tecnici specializzati e dei legali di fiducia, la tutela dei propri diritti.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo