Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Sul diritto dei minori a crescere in famiglia

Diritto minorile, dichiarazione dello stato di adottabilità

Sul diritto dei minori a crescere in famiglia - Diritto minorile, 
dichiarazione dello stato di adottabilità

Una recentissima sentenza della Cassazione (n. 16897/2015) ha riaffermato il principio secondo cui il diritto del minore a crescere ed essere educato nella propria famiglia d'origine - principio che trova il suo fondamento nel diritto italiano, nel diritto convenzionale europeo e internazionale - "comporta che il ricorso alla dichiarazione di adottabilità è praticabile solo come soluzione estrema, quando, cioè, ogni altro rimedio appaia inadeguato all'esigenza dell'acquisto o del recupero di uno stabile ed adeguato contesto familiare in tempi compatibili con l'esigenza del minore stesso". 

 

Tale verifica deve essere effettuata tenendo conto della disponibilità manifestata dai parenti entro il quarto grado a supplire alla carente idoneità genitoriale. 

La Suprema Corte, pertanto, accogliendo il ricorso promosso dagli zii paterni di due sorelle minorenni, ha disposto che la corte d'appello di rinvio accerti con un'attenta istruttoria se davvero l'offerta di supporto degli zii sia idonea a supplire allo stato di abbandono da parte dei genitori. 

 

Tale accertamento non si rende necessario soltanto "in presenza di elementi oggettivi gravi e univoci attestanti la non significatività del rapporto" tra le minori e le figure parentali che si sono offerte. 

 

Nel caso di specie, il giudice di legittimità ha ritenuto che il tribunale per i minorenni prima, e la Corte d'Appello poi, si siano acriticamente basati sulla relazione del consulente tecnico d'ufficio che affermò come tra le minori e gli zii paterni non si fosse realizzato alcun significativo legame affettivo, pur non avendo il C.t.u. effettuato alcuna osservazione diretta "della condizione esistenziale e materiale delle persone che hanno offerto la propria disponibilità a supplire alle carenze genitoriali"

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore č esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Adozione anche per gli affidatari

Il 14 ottobre 2015 è stata approvata la legge che consentirà alle famiglie affidatarie di minorenni di chiederne l'adozione, se lo desidereranno e se

Continua

Consenso informato: diritto al risarcimento se non è stato rilasciato

Il paziente va risarcito se l'intervento chirurgico (pur riuscito) sia stato eseguito senza il consenso informato

Continua

Acquisto della casa coniugale da parte di un terzo

Corte di Cassazione: sul caso di un acquirente della casa coniugale assegnata al coniuge convivente con figli minori, o maggiorenni non autosufficienti

Continua

Divorzio breve

Approvato il "divorzio breve"

Continua

Sul contratto preliminare di preliminare

Corte di Cassazione: possibilità di impegnarsi con un accordo a stipulare un successivo contratto preliminare

Continua