Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Patent Box - Pubblicato il Decreto 30 Luglio 2015

È stato pubblicato il Decreto che introduce sgravi fiscali per le aziende che investono in Ricerca e Sviluppo

Patent Box - Pubblicato il Decreto 30 Luglio 2015 - È stato pubblicato il Decreto che introduce sgravi fiscali per le aziende che investono in Ricerca e Sviluppo

Il Decreto Ministeriale del 30 Luglio 2015 e l’allegata relazione illustrativa chiariscono gli aspetti  chiave del funzionamento dell’agevolazione fiscale che ha l’obiettivo di incentivare il mantenimento dei beni immateriali in Italia evitando la ricollocazione all’estero, favorire le attività di ricerca e sviluppo e fare in modo che rientrino in Italia gli IP detenuti all’estero. 

Si premette che il reddito agevolabile è quello derivante dallo sfruttamento diretto da parte dell’Azienda ed indiretto, ossia tramite la concessione in uso. 

Sotto il profilo soggettivo possono accedere ai benefici tutti i soggetti titolari di un reddito di impresa, inclusi coloro che non siano residenti ma abbiano in Italia una stabile organizzazione, purché siano residenti in Paesi in cui è in vigore un accordo per evitare la doppia imposizione. 

L’altro requisito soggettivo imprescindibile è che sia stata espletata attività di ricerca e sviluppo. Che cosa si debba intendere per attività di ricerca e  sviluppo è definito dall’articolo 8 del Decreto. Ai fini dell’agevolazione, detta attività può essere realizzata internamente, tramite società collegate, tramite università, start up e può essere svolta anche all’estero. 

Che cosa si deve intendere per attività di Ricerca e Sviluppo? 

-          Ricerca finalizzata al miglioramento del prodotto sotto il profilo tecnico o per attribuire ad esso una forma funzionale migliorativa; 

-          Attività destinate ad effettuare prove e sperimentazioni necessarie ad ottenere le autorizzazioni per l’immissione in commercio dei prodotti; 

-          Ricerche per il miglioramento di un processo o di un servizio; 

-          Ricerche, anche di mercato, per l’ideazione e progettazione di Design bidimensionale e tridimensionale, applicato ai prodotti, al packaging, alla presentazione di un servizio; 

-          Ricerche per le attività di sviluppo di marchi nuovi, o se esistenti ricerche per l’avvio di nuovi mercati, da intendersi sia in termini geografici che merceologici; 

-          Ricerche per ideazione e realizzazione di software protetti da copyright; 

-          Le ricerche finalizzate all’adozione di sistemi anticontraffazione, il deposito, l’ottenimento ed il rinnovo dei diritti, il mantenimento in vita, la gestione dei contenziosi e contratti relativi; 

-          Le attività di presentazione, comunicazione, promozione che accrescono il carattere distintivo o la rinomanza dei marchi e/o contribuiscano alla conoscenza, affermazione, commerciale, all’immagine dei prodotti o dei servizi, dei Design o di altri materiali proteggibili. 

Non necessariamente le attività di R&S devono riferirsi al periodo di imposta in cui si fruisce dell’agevolazione ma possono essere state esercitate nei periodi di imposta precedenti. In virtù del principio del nexus approach, però è necessario che si tratti di attività di R&S direttamente collegate al bene. 

Né il Decreto né la Relazione Illustrativa prendono posizione sullo status dei beni immateriali interessati dall’agevolazione, ma, a parere dello scrivente, per accedere allo sgravio fiscale, sarà verosimilmente necessario che i titoli (marchi, Design, brevetti) siano registrati/ brevettati o abbiano almeno superato le fasi iniziali di esame (esame preventivo, pubblicazione, opposizione) e siano prossimi a registrazione/ brevettazione, sebbene la procedura non si sia ancora conclusa. 

Per i brevetti, ad esempio, saranno verosimilmente esclusi quei trovati che abbiano ricevuto una parere di ricerca negativo.   

In base alla portata del Decreto, le agevolazioni possono trovare applicazione anche per la valorizzazione di titoli già presenti nel patrimonio aziendale, a patto che l’azienda abbia realizzato degli studi di mercato per l’apertura di nuovi mercati all’estero o per attività di brand stretching. 

Ammettiamo che il richiedente l’agevolazione abbia investito su un nuovo prodotto per cui sia stata presentata domanda di brevetto, contraddistinto da un nuovo Marchio e da un Design e che per il brevetto abbia ricevuto un parere di ricerca negativo. È possibile accedere all’agevolazione in un caso simile? Probabilmente si in virtù della registrazione di Marchio e della protezione del Design nonchè dei relativi investimenti in ricerca e sviluppo. 

Si tratta comunque di un’ipotesi non normata della quale si potrà discutere anche in sede di Ruling

La quota di reddito agevolabile è determinata sulla base di un rapporto tra i costi di R&S sostenuti per la ricerca, il mantenimento, lo sviluppo del bene immateriale (c.d. costi qualificati), ed i costi complessivi sostenuti in R&S, mantenimento e sviluppo da parte dell’azienda. 

                                               COSTI QUALIFICATI 

REDDITO AGEVOLABILE =  ---------------------------------- X REDDITI DA BENE IMMATERIALE 

                                               COSTI COMPLESSIVI 

  

Lo stesso articolo 9, al fine di consentire alle imprese di dotarsi di adeguati sistemi di tracking and tracing dei costi e dei ricavi legati ai singoli beni immateriali, nella fase iniziale di applicazione, introduce una semplificazione, ossia per il primo periodo (ad esempio 2015) e per i due successivi, i costi qualificati ed i costi complessivi sono considerati in via aggregata, senza procedere alla separata indicazione bene per bene. Dal 2018, il coefficiente dovrebbe invece essere determinato per singolo Ip. 

Ai fini dell’applicazione dell’agevolazione, sarà necessario dotarsi di un sistema di tracciabilità dei costi. 

L’articolo 12 del Decreto si riferisce invece all’attività di Ruling che è obbligatoria per i casi di sfruttamento diretto del bene. Diversamente, per i casi di sfruttamento del bene, l’attività di Ruling è opzionale. 

 

Per le micro, piccole, medie imprese è prevista la possibilità di avvalersi della procedura semplificata di Ruling.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Sentiamoci su SKYo su SKYPE? Ci si può sbagliare...

L’errore sembra più che giustificato. Infatti il Tribunale UE ha ammesso un rischio di confusione con il marchio SKY respingendo i ricorsi di SKYPE.

Continua

Amazon: nuovo Brevetto per aumentare le vendite

Amazon eliminerà i cassieri? Probabile. Il brevetto depositato presso l’Ufficio Statunitense è relativo ad un negozio tecnologicamente avanzato

Continua

Patent Box, se innovo il fisco è più leggero!

Entro il 25 marzo 2015 dovrà essere convertito il Decreto Legge 24 Gennaio 2015 che prevede il c.d. Patent Box

Continua

"Ciao Rino" avanti si va …… ma localmente!

L’11 Febbraio la Cassazione, con la sentenza n. 2671, ha stabilito che il gruppo musicale “Ciao Rino” può continuare ad esibirsi sul territorio locale

Continua

Registrazione Marchio: le "regole d'oro"!

I marchi sono i segni con cui l'azienda è riconosciuta sul mercato. È quindi necessario adottare regole fondamentali per la loro tutela.

Continua

Audrey: i segni iconografici sopravvivono!

La sentenza dimostra che i segni iconografici dei personaggi famosi sopravvivono indelebili nel tempo ed è escluso che ci si possa agganciare ad essi

Continua