Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto bancario e assicurativo

Ordinanza G.I.P. di Firenze 9.6.2015

Rilevanza delle C.M.S. nel calcolo del T.E.G. dell'operazione di affidamento su conto corrente

Ordinanza G.I.P. di Firenze 9.6.2015 - Rilevanza delle C.M.S. nel calcolo del T.E.G. dell'operazione di affidamento su conto corrente

Il G.I.P. presso il Tribunale di Firenze ha pronunciato  un'ordinanza di imputazione coatta rigettando la richiesta di archiviazione del P.M. e ribadendo la rilevanza delle C.M.S. nel computo del costo delle operazioni bancarie di affidamento e, per contro,  l'irrilevanza   delle circolari Banca d’Italia nel controllo operato in sede giudiziale. 

 

Di particolare interesse appare il provvedimento in commento laddove ribadisce che: 

“La commissione di massimo scoperto (C.M.S.) è, infatti, uno degli oneri a carico del cliente quale costo economico dell’operazione, nonostante inizialmente le istruzioni della Banca d’Italia in tema di rilevazioni trimestrali la escludessero dalle comunicazioni statistiche degli intermediari, avendo queste ultima una mera funzione consultiva…..le istruzioni della Banca d`Italia non sono infatti vincolanti  per gli organi giurisdizionali poiché indirizzate unicamente alle banche ed operatori finanziari per indicare la procedura statistica da seguire nella rilevazione e comunicazione dei tassi applicati alla clientela…”

 

Il G.I.P., nell'argomentare diffusamente le conclusioni sopra riportate, sottolinea inoltre che, il fatto che soltanto con la legge n. 2 del 28.1.2009 il legislatore sia intervenuto in materia  prevedendo espressamente l'inclusione delle commissioni di massimo scoperto e di qualsiasi remunerazione nel calcolo del T.E.G. (tasso effettivo globale), non sposta i termini della questione, in quanto detta legge ha una mera valenza chiarificatrice delle disposizioni già contenute nella legge anti usura (n. 108/1996).

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto bancario e assicurativo

Avv. Alessandro Pontremoli - Sarzana (SP)

Avv. Alessandro Pontremoli

Avvocati / Civile

Via Giuseppe Mazzini 90

19038 - Sarzana (SP)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Carte revolving: serve preavviso per segnalazione

Prima di procedere alla segnalazione del nominativo del cliente, anche con riguardo alle carte revolving, la finanziaria deve preavvisare il cliente

Continua

Denuncia per usura nei confronti della banca

La denuncia per usura nei confronti della banca da diritto alla sospensione dell'esecuzione immobiliare in corso per almeno 300 giorni

Continua