Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza psichiatrica

Psicologia dell'alimentazione: QUANDO LA DIETA NON FUNZIONA

A volte la dieta, pur corretta sul piano nutrizionale, non funziona. Una psicoterapia centrata sul quadro emozionale riguardo al cibo può aiutare.

Psicologia dell'alimentazione: QUANDO LA DIETA NON FUNZIONA - A volte la dieta, pur corretta sul piano nutrizionale, non funziona. Una psicoterapia centrata sul quadro emozionale riguardo al cibo può aiutare.

In molti ormai siamo in sovrappeso. Mantenere o recuperare la linea, specie dopo una certa età, sta diventando un must e insieme una sorta di mission impossible. E la questione talvolta si trasforma in un’impari lotta fra pulsioni ed esigenze contrapposte, con continui sacrifici e battaglie perse, esaltazioni virtuose e  insidiosi sensi di colpa. Né il ridurre il tutto a una mera questione tecnica, da dietologo per intenderci, conduce a volte a buoni risultati.  Seguire una dieta personalizzata, contare le calorie, erudirsi su indice glicemico, carboidrati, lipidi e integratori, centra solo in parte il problema. Perché quindi, a volte, le diete non funzionano?  

 

Per rispondere  dobbiamo fare qualche  passo indietro. Per centinaia di migliaia di anni la sopravvivenza dell’uomo si è basata soprattutto sull’istinto, e quindi sulle emozioni, piuttosto che sulla ragione.  L’ansia e la paura per un ambiente insicuro, e la costante sensazione di pericolo che, in assenza di cibo, si trasformava in “fame”, solo ogni tanto lasciavano il posto alla gratificazione di trovare una preda o cogliere un frutto, e quindi mangiare. Così il motore del comportamento alimentare è diventato, per millenni, la ricerca della gratificazione – cioè del piacere – di riuscire a procurarsi il cibo, controbilanciato dalla scarsità di alimenti e dalla difficoltà e pericolosità nel procurarseli. Tutto ciò ha finito per essere solidamente iscritto nei nostri geni  in un modo che si dimostra ancora oggi più forte della nostra razionalità, sviluppatasi solo in tempi molto più recenti.  

 

Ma per tornare al mondo attuale, alla nostra infanzia, in ognuno di noi è presente quello che Sarah Tibs1 chiama il “bisogno psicologico di conservare i sapori della nostra storia personale”. Il cibo, prima che nutrimento è emozione, è, da sempre, il “piacere di assaporare cibi e bevande”. E questo piacere si associa a ricordi antichi, a situazioni e persone (spesso care) con cui siamo stati bene, a tradizioni a cui siamo molto attaccati. Non a caso, i cibi che non ci piacciono sono più spesso legati ad esperienze negative con persone per noi importanti, piuttosto che a idiosincrasie alimentari. In altre parole, il cibo, lungi dall’essere un semplice rifornimento di energia, è un’esperienza psicologica e relazionale ricca e complessa, intimamente connessa alla storia di ognuno di noi. Esperienza che in talune situazioni può anche esitare in “disturbi del comportamento alimentare”. E al “piacere del cibo”, solo in tempi recenti abbiamo cominciato ad affiancare altri due parametri di valutazione, questi sì dettati dalla razionalità. Uno è la “valutazione estetica” messa  dura prova dall’attuale sovrabbondanza di cibo che rischia di renderci brutti e non più appetibili per altre forme di piacere. L’altro è la “cura della propria salute” messa a rischio dall’insorgenza di   malattie degenerative, dovute al cibo troppo e sbagliato, che l’era dei supermercati ha favorito.  

 

Mantenersi saldamente al centro del triangolo fra questi tre parametri (piacere, estetica e salute) è lotta, per molti, quotidiana e improba. Anche e soprattutto perché il piacere ha spesso di gran lunga la meglio sulla razionalità. Infatti l’atteggiamento prevalente con cui si affronta una dieta è quello di compiere un sacrificio in nome della ragione, e così si contrasta l’impulso al piacere, cosa che a lungo andare rende semplicemente tristi e a un certo punto non funziona più. Il piacere, che per millenni ha guidato il comportamento alimentare, viene così negletto, conculcato, represso, e presto o tardi si prende la rivincita. Un’altra difficoltà è che molte abitudini alimentari col tempo sono diventate “ovvie”, perché “si è sempre fatto così”, e sono dure a morire, anche se oggi c’è una forte spinta a rivisitarle. Per citare due esempi, il burro e lo strutto, erano essenziali nella dieta dove l’olio d’oliva non c’era, e il vino a pasto, in carenza di acqua potabile e cibo, fungeva da disinfettante e da integratore alimentare. Oggi tutto ciò  è meno necessario, anzi conservare vecchie abitudini, così come sono state tramandate da generazioni , può diventare dannoso per la salute. Come uscirne quindi? Una strada c’è, non semplice ma possibile. Si tratta di mantenere il piacere al centro della dieta, ma in modo nuovo. Iniziare cioè la ricerca di “piaceri nuovi”, cibi e pietanze che superino la tradizione sostituendo pian piano alimenti e preparazioni tradizionali con nuovi sapori e con la gioia di sperimentare una nuova cucina. Si tratta cioè di una rieducazione al piacere alimentare, di una revisione del proprio software emozionale riguardante il cibo, facendosi guidare dalle nuove acquisizioni scientifiche, ma conservando il buonumore. Sostituendo piaceri vecchi con piaceri nuovi, ma egualmente gratificanti. In questo possono essere d’aiuto nuove ricette, come quelle proposte nel citato libro di Sarah Tibs, ma anche un percorso di rielaborazione del proprio quadro emozionale alimentare attraverso una psicoterapia mirata. 

  

1. Tibs S,Che cavolo mangio? Tecniche nuove, Milano 2015 

2. Huebner J et al. Counseling patients on cancer diets…Anticancer Res. 2014, 34:39-48 

 

3. Song M et al. Nutrients, foods, and colorectal cancer prevention. Gastroenterology 2015, 148:1244-60

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Consulenza psichiatrica

Dr. Andrea Flego  Psichiatra E Psicoterapeuta - Trieste (TS)

Dr. Andrea Flego Psichiatra E Psicoterapeuta

Psicologi e Psichiatri / Psichiatri

Via Di Romagna 176

34134 - Trieste (TS)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La gelosia pericolosa: come prevenirla e gestirla?

Valutare precocemente il partner su: rispetto, capacità di reggere la separazione, attenzione alla persona. Nel separarsi attenzione anche all'altro

Continua

Cibo, Gratificazione, Craving

Il cibo è grandemente legato al piacere. Fame e piacere del cibo sono fenomeni diversi. Mangiare sano significa anche rieducare al piacere del cibo

Continua

Amore vuol dir gelosia? Prima parte

Dall'innamoramento allo "stalking. Gelosia normale? Patologica? Meglio parlare di "gelosia pericolosa". A certe condizioni la gelosia lo è sempre.

Continua

La motivazione dei comportamenti alimentari

Il rapporto tra il cibo e la motivazione dei comportamenti alimentari implica il bisogno di gratificazione, il provare emozioni e molti altri fattori

Continua

Bullismo: tragedia in minore

Il bullismo è un fenomeno o un reato? Nasce dalla degenerazione delle dinamiche nel "gruppo dei pari" e nell'era digitale sta diventando un'emergenza

Continua

Fine anno: i bilanci delle donne

Le donne di mezza età si interrogano sulla loro vita e se il bilancio non è soddisfacente possono ricorrere a psicofarmaci e psicoterapia. Che fare?

Continua

Natale con i tuoi. Cosa fare. Trappole da evitare

Le Festività, da momento importante per l'individuo e la comunità possono trasformarsi in un momento di sofferenza. Cose da fare. Trappole da evitare

Continua

Carni rosse e lavorate: allarme o allarmismo?

Non sensazionalismo ma miglioramento di tecnologia ed educazione continua, specie delle giovani generazioni, per piaceri e tradizioni più sane nel cibo

Continua

Il malessere della coppia si può curare?

SECONDA PARTE: come prenderne cura. Lo "stato della coppia", lo "stato del sentimento", lo "stato della comunicazione". Il "dentro" e il "fuori".

Continua

Il malessere della coppia si può curare?

PRIMA PARTE: come nasce il "malessere". L'innamoramento evolve in modo diseguale, i diversi "mondi" nella coppia, l'interferenza di relazioni esterne

Continua

Psicofarmaci: prendere o lasciare?

Gli psicofarmaci in "terapia integrata" possono diminuire la sofferenza, aiutando la psicoterapia a creare emozioni e comportamenti più funzionali

Continua