Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Bancarotta fraudolenta: presupposti

La "falsa" denunzia di furto delle scritture contabili non costituisce prova del reato di bancarotta fraudolenta

Bancarotta fraudolenta: presupposti - La "falsa" denunzia di furto delle scritture contabili non costituisce prova del reato di bancarotta fraudolenta

Il presupposto del reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale  è la distrazione o la dissipazione o l’occultamento di beni facenti parte del patrimonio sociale. 

 

In assenza di ulteriori elementi, il solo data della sproporzione tra l’attivo e il passivo,  non è sufficiente per  configurare il reato di bancarotta previsto dall’art 216  R.D. 267/1942 

 

Quel che rileva è la sussistenza dell’elemento psicologico da individuarsi nella volontà di determinare il fallimento della società attraverso operazioni dolose, come la distrazione, dissipazione o occultamento dei beni. 

 

E’ bene  osservare che grava sul fallito l’onere probatorio, per cui ove non si è saputo rendere conto del reperimento dei beni societari può essere legittimamente desunta la prova della distrazione o dell’occultamento, il tutto sempre che risulti accertata la pregressa esistenza dei beni societari.  

 

Se non risulta accertato il pregresso possesso di beni non rinvenuti al fallimento manca il presupposto della certezza storica del dato da cui indurre la prova di responsabilità. 

 

Del pari, il mancato deposito dei libri contabili non consente di configurare la responsabilità per il reato di bancarotta fraudolenta documentale prevista dal  co. 2 dell’art 216 ove non sia provato il dolo di sottrarre o distruggere la documentazione contabile per recare pregiudizio ai creditori

 

E’ legittimo chiedersi cosa accade nell’ ipotesi in cui il fallito giustifichi il mancato deposito dei libri contabili con una denunzia di furto  e tale denunzia sia ritenuta  falsa.   

 

A parere dello scrivente se anche sussistono  elementi concreti per ritenere falsa la denunzia di furto in quanto rappresentativa di fatti non rispondenti a realtà, tale circostanza non determina  di per sé la prova del reato di bancarotta fraudolenta  laddove non possa escludersi che la denunzia  abbia avuto la sola finalità di occultare la mancanza delle scritture contabili piuttosto che  strumentale a rendere impossibile la ricostruzione della contabilità e recare pregiudizio ai creditori. 

 

Pertanto,  ritenuta  falsa la denunzia di furto va ritenuto falso anche il relativo contenuto, con la conseguenza che il fatto meramente omissivo della mancata tenuta contabilità integra gli estremi del reato meno grave di bancarotta semplice, previsto dall’art 217 R.D. 267/1942,  e non già della bancarotta fraudolenta documentale . 

 

Conformemente all’orientamento pacifico della Suprema Corte – qualora sia mancante o insufficiente  l’indagine della strumentalità soggettiva della condotta di conseguire un profitto ingiusto per sé o per altri o di arrecare un danno ai creditori e quella della finalizzazione della medesima condotta a non rendere possibile la ricostruzione del patrimonio -  la mera mancanza di libri e scritture contabili deve essere ricondotta nella bancarotta semplice,  la cui pena è notevolmente inferiore rispetto  al reato di bancarotta fraudolenta. 

 

Avv. Michele Marchese

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto penale criminale

Avv.   Michele Marchese - Napoli (NA)

Avv. Michele Marchese

Avvocati / Penale

Via Torquato Tasso 480

80127 - Napoli (NA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Prescrizione. Reati edilizi

Ordine di demolizione di opere abusive impartibile solo in caso di condanna passata in giudicato, non soggetto alla prescrizione

Continua

Droghe leggere: patteggiamento

La pena applicata per le droghe leggere con sentenza irrevocabile emessa prima del 25.02.2014 può essere annullata e rideterminata in sede di esecuzione

Continua

Tenuità del fatto deducibile in Cassazione

La richiesta di non punibilità ex art.131 bis del c.p. è proponibile in Appello e in Cassazione anche se non avanzata nei motivi di impugnazione

Continua