Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Diritto al mantenimento: uguaglianza tra uomo e donna

La pronuncia: il concetto di tenore di vita goduto in costanza di matrimonio

Diritto al mantenimento: uguaglianza tra uomo e donna - La pronuncia: il concetto di tenore di vita goduto in costanza di matrimonio

La recente sentenza Cassazione Civile, sez. I, sentenza 29/04/2015 n° 8716 ha ufficilamente sancito, sulla linea di un più ampio riconoscimento di uguaglianza tra i due sessi, la piena parità di diritti fra uomo e donna in tema di assegno di mantenimento

 

Il caso verteva sulla separazione di un uomo dalla moglie casalinga ma decisamente benestante, che poteva contare su oltre tre milioni di euro di patrimonio personale. 

La questione approda dinanzi alla Suprema Corte di Cassazione e fornisce l'occasione per confermare l'assoluta assenza di differenze tra uomo e donna dinanzi all'obbligo di mantenere il medesimo tenore di vita goduto in costanza di matrimonio anche a seguito della separazione imponendo così in capo al coniuge economicamente più forte - seppur non per ragioni di reddito da lavoro ma per consistenza patrimoniale - l’obbligo di versare assegno di mantenimento, qualora lo stesso patrimonio abbia inciso sullo stile di vita goduto durante l’unione  

 

Il diritto all'assegno di amntenimento trae la sua ragion d'essere dall'art. 156 c.c. il quale impone un'adeguato bilanciamento nel tenore di vita tra i coniugi separandi. In pratica, laddove il tenore di vita goduto in costanza di matrimonio sia derivato dal benessere economico apportato da uno solo dei coniugi quest'ultimo dovrà versare alla parte economicamente più debole un assegno voilto ad integrare la somma necessaria affinchè il tenore di vita non venga modificato. 

Pertanto, trovano assoluta importanza i criteri cui il giudice affida la determinazione dell'an debeatur. 

 

Giurisprudenza costante pone come criterio il "tenore di vita che potenzialmente si sarebbe verificato in costanza di matrimonio". 

Dal momento che viene in considerazione non lo stile di vita goduto, ma quello che avrebbe potenzialmente potuto essere goduto in costanza di matrimonio, e non potendo negare che dal patrimonio della donna derivasse tale agio, la Suprema Corte ha deciso di addebitare alla moglie l'obbligo di mantenimento. 

 

Un`occasione, dunque, che la Suprema Corte  non ha perduto nè per porre l'accento sulla ormai dovuta parità tra uomo e donna e, soprattutto, sulla fonte e sui criteri della determinazione del c.d. tenore di vita goduto in costanza di matrimonio, delinando e meglio precisando i confini per la determinazione dell'obbligo all'assegno di mantenimento. 

 

Avv. Irene Bonora

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Studio Legale Avv. Bonora Irene - Bologna (BO)

Studio Legale Avv. Bonora Irene

Avvocati / Civile

via mondolfo 11

40139 - Bologna (BO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il sequestro conservativo ex art. 316 c.p.c., II comma

Il sequestro conservativo richiesto dalla parte offesa: presupposti e possibilità di richiesta

Continua

Limiti della presentazione lista testi

Possibilità di presentazione della lista testa al rinvio della nuova udienza: remissione in termini

Continua

Tenuità del fatto applicabile nel reato 186 c.d.s.

Cassazione penale, sez. IV, sentenza 02/11/2015 n° 44132

Continua

Tentativo di infiltrazioni mafiose: d.lgs.159/11

Accesso agli appalti pubblici ed anticipazione della tutela del bene protetto sino al mero tentativo, bilanciamento con diritti personali

Continua

Validità del verbale dell`assemblea condominiale

Il verbale di assemblea condominiale e la sua validità in caso di modifiche alla luce della sentenza 6552 del 2015

Continua