Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

Tentativo di infiltrazioni mafiose: d.lgs.159/11

Accesso agli appalti pubblici ed anticipazione della tutela del bene protetto sino al mero tentativo, bilanciamento con diritti personali

Tentativo di infiltrazioni mafiose: d.lgs.159/11 - Accesso agli appalti pubblici ed anticipazione della tutela del bene protetto sino al mero tentativo, bilanciamento con diritti personali

L'antica saggezza recitava che le colpe dei padri non devono ricadere sui figli. Non sempre, però, è così. 

Non lo è certamente ai fini dell'esecuzione di lavori pubblici e della partecipazione ad appalti pubblici in caso di parentela con affiliati a clan mafiosi

Ciò è quanto emerge dall'attenta lettura del d.lgs. 159/2011 che affida alla piena ed ampia discrezionalità del prefetto la decisione in ordine all'ammissibilità agli appalti pubblici di cognomi tristemente noti per affiliazioni mafiose

 

Ma andando con ordine: il decreto legislativo ha come ratio evitare che si possano avere infiltrazioni mafiose nella gestione del bene - e del denaro - pubblico. 

Ritenendosi primaria tale esigenza, a buona ragione, si anticipa così tanto la tutela da voler evitare il "tentativo" di infiltrazione mafiosa raggiungendo, dunque, ipotesi di pericolo non ancora oggettivamente presenti. 

 

Ciò che il prefetto deve valutare è la sussistenza di fatti con carattere sintomatico ed indizianti del pericolo in senso oggettivo, considerando anche la struttura tipica dell'agire mafioso, che non sempre si avvale di mezzi fraudolenti o violenti ma, spesso, utilizza proprio strumenti leciti per ottenere ed incrementare il proprio fine. 

Il Prefetto deve dunque valutare la condotta delle persone che possono condizionare le scelte e gli indirizzi della società che fa domanda di partecipazione ad appalti pubblici. 

Il Prefetto dunque dovrà desumere convivenze e collegamenti di tipo mafioso, valutare circostanze di fatto e di diritto che hanno portato alla considerazione di possibili infiltrazioni nonchè riscontrare fatti e vicende sintomatici ed indiziari idonei a far emergere, al di là delle responsabilità penali, il pericolo di condizionamento. 

 

Orbene, a fronte dell'amplissima discrezionalità in capo al prefetto ed anche all'anticipazione del pericolo e della condotta da vietarsi, viene spontaneo chiedersi quanto ciò sia corretto nei confronti di chi, pur non condividendo l'appartenenza mafiosa genitoriale o della famiglia cui porta il cognome, non condivide e non è implicato in nessuna manovra mafiosa. 

Infatti, costoro si vedranno condizionati nelle proprie attività lavorative incontrando divieti per colpe che non gli appartengono e che gli vengono attribuite per il solo fatto di essere consanguinei con un appartenente al clan mafioso. 

Ciò deve, dunque, porre un bilanciamento di interessi tra quanto legittimamente lo Stato intende vietare e prevenire e quanto, altrettanto legittimamente, vogliono essere riconosciuti i diritti di persone che con la mafia non condividono alcunchè se non, loro malgrado, fatti di qualche parente di cui portano il cognome. 

Una riflessione, dunque, su quanto siano spesso presenti valori di grande rilevanza ed importanza in conflitto tra loro. 

 

Avv. Irene Bonora

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto di famiglia

Studio Legale Avv. Bonora Irene - Bologna (BO)

Studio Legale Avv. Bonora Irene

Avvocati / Civile

via mondolfo 11

40139 - Bologna (BO)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il sequestro conservativo ex art. 316 c.p.c., II comma

Il sequestro conservativo richiesto dalla parte offesa: presupposti e possibilità di richiesta

Continua

Limiti della presentazione lista testi

Possibilità di presentazione della lista testa al rinvio della nuova udienza: remissione in termini

Continua

Tenuità del fatto applicabile nel reato 186 c.d.s.

Cassazione penale, sez. IV, sentenza 02/11/2015 n° 44132

Continua

Validità del verbale dell`assemblea condominiale

Il verbale di assemblea condominiale e la sua validità in caso di modifiche alla luce della sentenza 6552 del 2015

Continua

Diritto al mantenimento: uguaglianza tra uomo e donna

La pronuncia: il concetto di tenore di vita goduto in costanza di matrimonio

Continua