Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Mappatura del sistema linfatico. Una rivoluzione?

Scoperti vasi linfatici nel cervello: possibili nuove spiegazioni alle malattie neurologiche con componente immunitaria

Mappatura del sistema linfatico. Una rivoluzione? - Scoperti vasi linfatici nel cervello: possibili nuove spiegazioni alle malattie neurologiche con componente immunitaria

(tratto dal sito www.tuttosteopatia.it, notizia dell`8 Giugno 2015) 

Scoperta per la prima volta la vascolarizzazione linfatica nel sistema nervoso centrale. Questa la fantastica rivelazione di uno studio pubblicato il 1 giugno 2015 sulla prestigiosa rivista scientifica Nature, condotto dalla University of Virginia (UVA) School of Medicine (University of VirginiaHealth Sistem), ad opera di vari autori. 

 

Condotto su modello animale di topo, lo studio dal titolo Structural and functional features of central nervous system lymphatic vessels (Caratteristiche strutturali e funzionali del sistema nervoso centrale) è assolutamente innovativo perché porta alla luce per la prima volta nella storia, la relazione tra cervello e sistema immunitario attraverso i vasi linfatici che rivestono i seni durali, di cui nulla si sapeva sino ad oggi. 

"Il cervello è come qualsiasi altro tessuto connesso al sistema immunitario periferico attraverso i vasi linfatici meningei - spiega uno degli autori dello studio, Jonathan Kipnis, PhD, Professore al Dipartimento di Neuroscienze e Direttore del Centro BIG (Center for Brain Immunology and Glia) presso la stessa Università – e questo cambia interamente il modo di percepire l'interazione neuro-immunitaria”. 

L'eccezionalità di questa scoperta si deve leggere in relazione alle sue ripercussioni sulla eziologia delle malattie neuroinfiammatorie e neurodegenerative legate alla disfunzione del sistema immunitario. Pensiamo ad esempio ai malati di sclerosi multipla con attacchi immunitari, per i quali – chiarisce Kipnis - “si potrebbe adottare un approccio automatico, considerando che questo avviene perché il cervello è come qualsiasi altro tessuto connesso al sistema immunitario periferico attraverso i vasi linfatici meningei”. 

Tra i ruoli del sistema linfatico – che è formato da un'intricata trama di vasi – c'è quello che riguarda la funzione di raccogliere i fluidi tra gli interstizi dei tessuti per drenarli e trasportarli verso regioni centrali del corpo. Esso svolge inoltre una funzione di selezione e eliminazione delle parti di rifiuto e delle sostanze 'nemiche' dell'organismo (come i patogeni) ed è collegato al sistema immunitario. 

In virtù di questo compito essenziale svolto nell'organismo dai vasi linfatici si può iniziare a riconsiderare sia il funzionamento del cervello, che le malattie che lo colpiscono, come ad esempio l'Alzheimer dove – stando alla spiegazione dei ricercatori americani riportata su quotidianosanità.it – “si verificano accumuli di grandi frammenti di proteine per cui riteniamo che tali frammenti potrebbero accumularsi a causa del fatto che non vengono rimossi in maniera efficace da questi vasi sanguigni […] Riteniamo che per ciascuna malattia neurologica che ha una componente immunitaria, tali vasi sanguigni possano giocare un ruolo centrale. È difficile immaginare che questi vasi non siano coinvolti in una malattia [neurologica] con una componente immunitaria”. 

Rimasti nascosti per molto tempo data la lo posizione ben occultata perché molto vicini ai vasi sanguigni, questi vasi linfatici nel SNC sono stati scoperti nell'ambito di questo studio perché 'fotografati' tramite tecniche di imaging (generazione di immagini) nell'area dei 'sinus', ossia nelle cavità che si trovano principalmente nelle ossa del viso connessa con le cavità nasali. 

ne aveva parlato tempo fa il buon Gabriele Milani sul suo sito web, ne abbiamo parlato su Tvr TeleItalia 7 Gold, ed anche i medici osteopati italiani hanno preso atto nel loro portale di questa grande notizia, destinata a rivoluzionare diagnosi e cura di molte delle attuali malattie (neurologiche, in buona parte, e degenerative) di cui "ufficialmente" fino ad ora non si conosceva la causa. il sistema immunitario è molto dunque più complesso, sensibile ed interdipendente con i sistemi nervoso e gastrointestinale... e la componente iatrogena, nell'ipotesi di danno, è sempre più plausibile...

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il medico, il vaccino e la petizione galeotta...

Francia: più di un milione di persone a sostegno del Professore che denunciava la pericolosità del vaccino esavalente Infanrix Hexa

Continua

Quando il dente duole

Il danno bioneuropsicologico da responsabilità professionale in campo odontoiatrico ed odontoprotesico

Continua

Vaccini all'asilo...

Ovvero, come violare la legge nazionale cercando pure il plauso dei cittadini...

Continua

Corruzione nella Sanità, una ASL su tre coinvolte

Alcuni dei dettagli trapelati dal rapporto di Transparency fanno rabbrividire... e riflettere

Continua

Non (quasi) è mai troppo tardi...

Considerazioni sulla presunta "intempestività" di una domanda amministrativa ex lege 210 del 1992

Continua

In Lombardia la farmacovigilanza è a rischio?

E’ uno dei fiori all’occhiello della sanità lombarda, ma ormai ci lavora solo un borsista con contratto in scadenza a marzo. Invece all’alba del2014...

Continua

Il futuro (?) della Legge 210 del 1992

Il silenzio rigetto: una prognosi infausta dal sapore antisociale che fa riflettere…

Continua

Salute e diritti: un monito alla classe politica

Il fatto che gli uomini non imparino molto dalle lezioni della storia è l'insegnamento più importante che la storia può offrire. (ALDOUS L. HUXLEY)

Continua

I diritti di chi non vuol vaccinare i propri figli

Si fa un gran parlare, e spesso a sproposito, della proposta di riforma della normativa vigente in materia di vaccinazioni obbligatorie...

Continua

Novità per i danneggiati da sangue infetto!

La patologia psichica come doppia patologia nel danno da emotrasfusione infetta

Continua

Danno da vaccino: vittoria a favore dei "fuori termine"!

Non è mai troppo tardi per proporre la domanda ai sensi della legge 210 del 1992...

Continua

Appunti per un nuovo Diritto alla Salute

Libertà di indirizzo alla salute e della scelta terapeutica (in collaborazione con il Dottor Franco Verzella)

Continua

Una rivoluzione copernicana in tema di Sanità

Appunti per un approccio alla salute di tipo multidisciplinare e finalizzato al perseguimento di una stabile condizione di benessere

Continua

La Sensibilità Chimica Multipla e le malattie rare

Esistono molte malattie rare per le quali è possibile chiedere assistenza allo Stato o promuovere una causa risarcitoria in danno dei responsabili.

Continua

Il “nesso causale” previsto dalla legge 210/92

In materia previdenziale/assistenziale è sufficiente un coefficiente di ragionevole probabilità, se non contraddetto da altre risultanze processuali

Continua