Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Mantenimento dei figli: cosa dice la legge

Spese ordinarie e spese straordinarie, in mancanza di un preciso riferimento normativo la Suprema Corte tenta di fare un po' di chiarezza

Mantenimento dei figli: cosa dice la legge - Spese ordinarie e spese straordinarie, in mancanza di un preciso riferimento normativo la Suprema Corte tenta di fare un po' di chiarezza

L'art 337 ter codice civile, così inserito dal D.lvo n 154 28 dicembre 2013 prevede che in caso di separazione, salvo diversi accordi liberamente sottoscritti dalle parti ciascuno genitore provvede al mantenimento dei figli in maniera proporzionale al reddito.Tuttavia il giudice qualora esista una netta sproporzione tra i redditi dei genitori stabilisce la corrispenzione di un assegno periodico al fine di realizzare i suddetto principio di proporzionalità.
Questo sta a significare che le parti dovranno provvedere in maniera diretta secondo il proprio reddito al mantenimento del figlio con piena applicazione quindi dell'affido condiviso, viene quindi meno quello che veniva chiamato assegno o contributo di mantenimento.
Tuttavia l'assegno può essere previsto dal Giudice quando tra i due redditi esiste una sperequazione tale da rendere impossibile applicare il principio di proporzionalità.
 

Ma come si traduce questo principio nella prassi ?
I genitori provvederanno direttamente al mantenimento per il periodo in cui la prole trascorrerà con ciascun di loro.....per quanto riguarda invece le altre spese previste e prevedibili, ovvero materiale scolastico di cancelleria, libri scolastici, mensa, spese di trasposto urbano, spese per uscite didattiche con la scuola durante l'orario di lezioni, ricariche del cellulare, medicinali da banco etc etc, i genitori potranno mettersi d'accordo su chi si farà carico di alcune spese e chi di altre.
Ciò per quanto riguarda le spese ordinarie, che come suddetto potranno essere integrate se è il caso da un assegno da versare nei confronti del coniuge più debole economicamente. 

 

Ma cosa accade invece per quelle spese definite straordinarie che non rientrano nel mantenimento diretto ed escluse anche dall'eventuale assegno?
L'individuazione delle spese straordinarie è più volte stato causa di conflitti tra i coniugi, tanto che la giurisprudenza di merito non è mai stata univoca nel definire precisamente quali spese debbono rientrare nelle spese ordinarie o quali nelle spese straordinarie, tanto che alcuni Tribunali hanno dovuto redigere dei protocolli per avere una definizione unitaria .
Tali protocolli certamente non sono costituenti di alcuna norma giuridica né vincolanti, anche se rappresentano una indispensabile linea guida.
Ultimamente però la Suprema Corte è intervenuta sull'argomento e con la sentenza 8 settembre 2014 n 18869 ha definito le spese straordinarie come quelle che “per la loro rilevanza, la loro imprevedibilità e la loro imponderabilità esulano dall'ordinario regime di vita dei figli, cosicché la loro inclusione in via forfettaria nell'ammontare dell'assegno posto a carico di uno dei genitori, può rilevarsi in contrasto con il principio di proporzionalità sancito dall art 155 cc e con quello dell'adeguatezza del mantenimento, nonché recare grave nuocimento alle prole che potrebbe essere privata non consentendolo le possibilità economiche del genitore beneficiario dell'assegno, di cure necessarie o di altri indispensabili apporti.
 

La Suprema corte individua quindi le spese straordinarie ovvero quelle concernenti eventi sostanzialmente eccezionali nella vita della prole tali da soddisfare esigenze episodiche, saltuarie ed imprevedibili.
A titolo esemplificativo e non esaustivo si individuano quali spese straordinarie:
Interventi chirurgici; odontoiatrici, fisioterapia, cicli di psicoterapia, occhiali da vista, lezioni private, attività sportive agonistiche con relativa attrezzatura, viaggi di studio all'estero.
Sono da ricomprendere nelle spese straordinarie anche quegli eventi ordinari che non sono però inclusi nel mantenimento e nelle spese ordinarie. Tasse scolastiche, libri di testo, attività sportive non agonistiche, corsi di lingua straniera, corsi di teatro corsi di musica, informatica, motocicli autovetture, soldi per i viaggi di piacere spese sanitarie non rimborsare.
Le spese straordinarie non possono essere determinante in misura forfettarie e/o essere ricomprese in un assegno di mantenimento.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore č esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La morosità incolpevole nella locazione

Guida pratica su cosa fare nei casi della cosiddetta morosità incolpevole per evitare lo sfratto per morosità

Continua

Inquilino moroso? Ecco cosa fare

Gli strumenti a disposizione del proprietario di un immobile locato quando l'inquilino non paga più il canone di locazione .

Continua

Le Unioni civili: un pasticcio tutto italiano

La nuova legge sulle unioni civili se da un parte tutela i diritti delle coppie omosessuali, dall'altra non risolve appieno la discriminazione

Continua

Novità riguardo l' assegno di mantenimento

Al fine di determinare l'assegno di mantenimento dei figli anche maggiorenni ,si deve tenere conto dei debiti dei coniugi.

Continua

La mediazione trasformativa

Il lato umanistico del conflitto giuridico.Distinzione metodologica con l'intervento in mediazione diretto al problem solving.

Continua

Il sovraindebitamento dei privati, uscirne si può

La L n 3/2013 ha introdotto una procedura per facilitare il risanamento dei debiti da parte dei privati, di che cosa si tratta?

Continua

Bambini, privacy e Facebook

Ecco perché è altamente sconsigliato pubblicare foto di bambini piccoli su Facebook

Continua

La pratica collaborativa, che cosa è?

Una serie di domande e risposte per conoscere la Pratica collaborativa. Capire che esiste un altro modo per risolvere le controversie familiari.

Continua

Come proteggere i figli durante la separazione

Piccoli consigli su come rendere la separazione meno traumatica per i minori, una guida su come i genitori si dovrebbero comportare.

Continua

La convenzione di negoziazione nella separazione

A tre mesi dall'entrata in vigore della negoziazione assistita, le prime riflessioni sull'utilità della firma della convenzione e sul suo valore

Continua

Mediatore familiare: né avvocato né psicologo

Qual è il ruolo del mediatore familiare nel procedimento di separazione e di divorzio? Una figura professionale che ad oggi ancora non è conosciuta

Continua

La pratica collaborativa: uniti per separarsi

Il paradosso della pratica collaborativa: tutti uniti per separarsi, una procedura che minimizza l'impatto del conflitto sui figli e sulla coppia

Continua

La mediazione familiare reclama il suo spazio

La Mediazione, il migliore strumento per la risoluzione extra giudiziale delle controversie familiari, ancora una volta snobbata dal legislatore

Continua