Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Figli non riconosciuti e risarcimento del danno

Accertata giudizialmente la paternità, il Giudice obbliga il padre a risarcire i danni da “vuoto emotivo, relazionale e sociale” Cass 26205, 22.11.13

Figli non riconosciuti e risarcimento del danno - Accertata giudizialmente la paternità, il Giudice obbliga il padre a risarcire i danni da “vuoto emotivo, relazionale e sociale” Cass 26205, 22.11.13

La prima sezione civile della Suprema Corte - con la sentenza 26205 pubblicata il 22 novembre 2013 - ha riconosciuto il diritto al risarcimento del danno non patrimoniale da illecito endofamiliare per quei figli non riconosciuti dal padre ritenuto responsabile per la sola consapevolezza del concepimento e non la certezza assoluta della paternità. La conseguenza è che il vuoto emotivo, relazionale e sociale causato dall'assenza paterna nella vita dei figli può essere liquidato economicamente.  

Nel caso di specie i giudici di legittimità hanno rigettato il ricorso di un uomo condannato dalla Corte di Appello di Trieste a corrispondere ai due figli un risarcimento di 150mila euro cadauno a titolo di danno non patrimoniale da illecito endofamiliare a seguito del riconoscimento giudiziale della paternità naturale. 

L'uomo aveva sostenuto di non essere stato a conoscenza del suo status prima del giudizio e che, in ogni caso, l'azione intrapresa era tardiva ed il danno non patrimoniale non era dovuto in assenza di prova certa della sofferenza dei ricorrenti. Sempre secondo la tesi del padre, il danno doveva essere escluso, almeno per il secondo figlio, perché al momento del concepimento la madre frequentava anche un altro uomo. I giudici di legittimità hanno ritenuto di dover respingere tutte le eccezioni sollevate dal padre rimarcando la circostanza che l'obbligo dei genitori di mantenere i figli sorge dalla nascita e discende dal mero fatto della generazione.  

"Si determina, pertanto, un automatismo tra procreazione e responsabilità genitoriale che costituisce il fondamento della responsabilità aquiliana da illecito endofamiliare, nell'ipotesi in cui alla procreazione non segua il riconoscimento e l'assolvimento degli obblighi conseguenti alla condizione di genitore". 

 

Inoltre, nella fattispecie "il ricorrente ha avuto la piena possibilità di essere del tutto consapevole della probabilità della propria paternità, ma ne ha ignorato tutti i segnali, lasciando i minori privi della figura paterna e delle cure necessarie".  

Riguardo la determinazione del risarcimento, la Corte ha concluso che il danno subito a causa della privazione della figura paterna è consistito per i figli nelle ripercussioni personali e sociali derivanti dalla consapevolezza di non essere mai stati desiderati ed accolti come figli. La mancanza del padre ha segnato un tracciato di disagio e sofferenza nello sviluppo psico-fisico dei minori e ha creato una situazione di privazione affettiva. Il diritto al risarcimento del danno non patrimoniale, ha concluso la Suprema Corte, sorge quindi "dal vuoto emotivo, relazionale e sociale dettato dall'assenza paterna fin dalla nascita nella vita dei resistenti".

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
1 Commento

Salvatore Sanna

06/12/2013 22:32

Sono separato dal 2003 mi sono statti assegnati due dei figli minori in quanto allora minorenni , e i due maggiorenni sono rimasti lo stesso in casa con i fratelli minori ho fatto di tutto per mandarli tutti a scuola oggi tre sono laureati una in medicina, due in ingegneria uno in nucleare e l altro aerospaziale e la piccolina si dovrebbe laurearsi al prossimo anno in architettura. La ex moglie non mi ha mai dato una lira sia di assegno mensile, che di spese ordinarie che straordinarie pur lavorando da sempre come infermiera professionale a L'ASL n°1 di Sassari percependo un reddito annuo non inferiore a euro ..300000..io personalmente ho chiesto indirettamente da lei qualche aiuto per i bambini ma lei non rispose nemmeno non andai dal legale per chiedere tutto ciò che mi spettava con la paura di spaventare i bambini o di sconvolgerli,quindi per potercela fare a tutto ciò mi facevo aiutare dai miei . Poco tempo fa mi ha mandato una lettera il suo legale chiedendomi la divisione dei beni comuni che sono la casa che mi è stata assegnata dal giudice e un appezzamento di terreno io ho risposto che sono disposto ad un incontro preliminare e non giudiziale per questa divisione dei beni.Spiegato tutto ciò vorrei sapere se posso ricuperare il dovuto almeno forfettariamente oppure chiedendo il divorzio e chiedere il dovuto al momento. La ringrazio anticipatamente

Rispondi

In risposta al commento di Salvatore Sanna

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Revoca per Ingratitudine della Donazione

Presupposti e Termine di Decadenza, Cassazione 08.11.2013, n. 25248

Continua

L'ipoteca

I diversi tipi di ipoteca

Continua

Le leggi sul Bed and Breakfast. Come aprire un B&B

Legge 29 marzo 2001, n. 135 "Riforma della legislazione nazionale del turismo" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 92 del 20 aprile 2001.

Continua

AAA Casa vacanze affitasi

Le case vacanza e gli appartamenti ad affitto turistico, in forma imprenditoriale e non.

Continua