Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Compensazione dei crediti certificati verso la P.A

Esteso il termine di notifica delle cartelle di pagamento ai fini della compensabilità dei crediti

Compensazione dei crediti certificati verso la P.A - Esteso il termine di notifica delle cartelle di pagamento ai fini della compensabilità dei crediti

Il Decreto Ministeriale del 13 luglio 2015, pubblicato sulla G.U. 176 del 31 luglio 2015 ha esteso al 31 dicembre 2014 il termine di notifica delle cartelle di pagamento ai fini della compensabilità delle stesse anche nel 2015, seppur scadute, con i crediti relativi a somministrazioni, forniture e appalti oggetto di certificazione rilasciata dall’ente debitore e richiesta mediante la Piattaforma telematica PCC. Requisito obbligatorio per effettuare la compensazione del ruolo è che lo stesso sia pari o inferiore al credito certificato e che quest’ultimo non sia stato oggetto di cessione ad un istituto di credito. 

 

All’impresa che si abilita alla Piattaforma PCC (http://certificazionecrediti.mef.gov.it/
CertificazioneCredito/home.xhtml) viene concessa la possibilità di immettere i dati di dettaglio di ciascuna fattura relativamente alla quale l’ufficio pubblico competente dovrà valorizzare le informazioni connesse con le singole fasi di vita del credito commerciale (è in ogni caso possibile che i dati della fattura siano stati già caricati dall’ente pubblico debitore). I creditori possono verificare il puntuale adempimento delle fasi del processo da parte delle pubbliche amministrazioni destinatarie delle fatture relative a crediti certi, liquidi ed esigibili, fino alla data di pagamento che non è conosciuta dai fornitori se non tramite l’accesso alla Piattaforma. Sia le fatture “cartacee” sia le fatture “elettroniche” emesse sono monitorate sulla Piattaforma PCC. 

 

Le imprese/lavoratori autonomi che vantano crediti nei confronti di tutte le Amministrazioni dello Stato non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, possono “riscuoterli” immediatamente compensandoli con debiti derivanti da cartelle notificate entro il 31 dicembre 2014. I crediti possono derivare anche da fatture emesse in data successiva al 31 dicembre 2014 e, qualora non ancora incassati, è possibile richiedere l’istanza di certificazione degli stessi. L’Ente pubblico è tenuto a rilasciare la certificazione al creditore, con l’indicazione della data prevista di pagamento, entro 30 giorni dalla presentazione dell’istanza telematica. Si ricorda che la certificazione non può essere richiesta agli Enti locali commissariati, agli Organi costituzionali, agli Enti pubblici economici, alle società a partecipazione pubblica. 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Studio Dr. Roberto Giovanetti - Conegliano (TV)

Studio dr. Roberto Giovanetti

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Cristoforo Colombo 19

31015 - Conegliano (TV)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Modello EAS: verifica necessaria entro il prossimo 31 marzo

Quali sono le regole di presentazione? E quali le variazioni che NON comportano l'obbligo di comunicazione?

Continua

Sanzioni per le violazioni di reverse charge

Le violazioni che non comportano un danno per l`Erario risultano ora sanzionate nella più favorevole misura fissa rispetto a qualla previgente di tipo proporzionale

Continua

Ravvedimento operoso, modifiche e sanzioni

Il nuovo ravvedimento operoso è stato significativamente modificato ed esteso. Pari al 15% la sanzione per ritardati e omessi versamenti

Continua

Diritto CCIAA

Misura del diritto dovuto alle Camere di Commercio per l`anno 2016

Continua

Nuova rateazione delle somme iscritte a ruolo

Riammissione somme iscritte a ruolo

Continua

Conservazione sostitutiva

Comunicazione dell`Agenzia delle Entrate sulla conservazione in modalità elettronica delle fatture

Continua

L’omessa presentazione del Modello F24 a zero

Le sanzioni legate all`omessa presentazione del Modello F24 a zero

Continua

Il riaddebito delle spese tra professionisti

La natura del riaddebito - La ripartizione delle spese comuni - L’utilizzo in comune della segretaria

Continua