Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Il Patent Box

Pubblicato sui siti del MISE e del MEF il decreto di attuazione del cosiddetto “Patent Box”

Il Patent Box - Pubblicato sui siti del MISE e del MEF il decreto di attuazione del cosiddetto “Patent Box”

Lo scorso 29 luglio è apparso sulla Gazzetta Ufficiale il decreto che rende operativo il credito d’imposta sulle spese in ricerca e sviluppo, il quale prevede delle agevolazioni fruibili da parte di tutte le imprese senza limiti di fatturato, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico in cui operano e dal regime contabile adottato. Lo sgravio fiscale utilizzabile in compensazione è pari al 25% delle spese incrementali sostenute annualmente nel periodo 2015-2019, rispetto alla media realizzata nei tre anni precedenti. La quota è elevata al 50% per le spese relative all’impiego di personale qualificato e per quelle relative a contratti di ricerca con università o altri enti equiparati e con start-up innovative. L’investimento minimo per accedere allo sgravio fiscale è pari a 30 mila euro, mentre il beneficio massimo annuale è ammesso fino a 5 milioni di euro per ciascun soggetto. 

La citata disposizione rientra nella strategia globale di “Finanza per la crescita” (varata nell’ultima Legge di Stabilità), insieme al “Patent Box”. Di seguito, procediamo a un’analisi dettagliata di tale secondo importantissimo provvedimento. 

L'articolo 1, commi 37 – 45, Legge 23 dicembre 2014, N. 190, come modificato dal Decreto Legge del 24 gennaio 2015, N. 3 ("Investment compact''), convertito con modifiche nella Legge 24 marzo 2015, N. 33, introduce anche nel nostro ordinamento un regime opzionale di tassazione per i redditi derivanti dall'utilizzo di opere dell'ingegno (software protetti), di brevetti industriali (concessi o in corso di concessione), di marchi (registrati o in corso di domanda), di disegni e modelli, nonché di informazioni, formule e processi (Know How) relativi a esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico, giuridicamente tutelabili. 

Con detto regime, il Governo intende perseguire i seguenti obiettivi

-          incentivare la collocazione in Italia dei beni immateriali attualmente detenuti all'estero da imprese italiane o estere; 

-          incentivare il mantenimento dei beni immateriali in Italia evitandone la ricollocazione all’estero; 

-          favorire l'investimento in attività di ricerca e sviluppo.   

Occorre innanzitutto ricordare che la previsione di questo regime di tassazione agevolata si pone in linea di continuità con i modelli progressivamente introdotti in altri Stati membri della Comunità Europea (Belgio, Francia, Gran Bretagna, Lussemburgo, Paesi Bassi, Spagna), ed è conforme ai principi elaborati in ambito OCSE con riferimento alla disciplina fiscale prevista per la tassazione dei proventi derivanti dall'utilizzo dei beni immateriali (intangibles). 

Per quanto concerne, in particolare, il rapporto con le raccomandazioni OCSE (Countering Harmful Tax Practices More Effectively, Taking into Account Transparency and Substance, Action 5: 2014 Deliverables), le modalità di determinazione dell'agevolazione consentono di integrare il requisito di attività sostanziale ("substantial activity requirement'), che risponde a una finalità antielusiva di tutela della base imponibile degli Stati membri. Tale principio previene che il reddito venga delocalizzato mediante artifici, dai Paesi dove il valore è staro creato, ai Paesi caratterizzati da una fiscalità agevolata. 

Secondo l'interpretazione emersa in sede OCSE, misure di tassazione agevolata dei redditi derivanti dall'utilizzo dei beni immateriali sono conformi al predetto principio a condizione che sussista il c.d. nexus approach, in virtù del quale deve esistere un collegamento diretto tra le spese sostenute per il bene immateriale e il reddito derivante dall'utilizzo del bene immateriale stesso. In conformità al nexus approach, la quota parte di reddito che può beneficiare del regime agevolato è determinata mediante un procedimento indiretto dal rapporto tra spese sostenute per il bene immateriale e totalità delle spese sostenute dal contribuente. 

Ma andiamo per ordine e vediamo chi sono innanzitutto i soggetti destinatari della norma. 

L'articolo 2 del Decreto prevede che possano esercitare l'opzione tutti i soggetti titolari di reddito di impresa, inclusi quelli non residenti con stabile organizzazione nel territorio dello Stato, a condizione che siano comunque residenti in Paesi con i quali è in vigore un accordo per evitare la doppia imposizione e con i quali lo scambio di informazioni sia effettivo. In tal caso, l'agevolazione compete per i redditi derivanti dai beni immateriali compresi nel patrimonio della stabile organizzazione. 

Riassumendo, dunque, il regime del Patent Box può essere scelto da tutti gli imprenditori soggetti al reddito d’impresa (IRES – IRAP) che svolgono attività di R&S (Ricerca e Sviluppo). Ovverossia: 

-          Imprese commerciali 

-          Imprese industriali 

-          Imprese estere con stabile organizzazione in Italia. 

Rimangono esclusi solo i professionisti, le società semplici, le associazioni professionali e tutte le imprese assoggettate a procedure concorsuali. 

L’opzione è irrevocabile per cinque anni e può essere rinnovata a scadenza. L'esplicita previsione della possibilità di rinnovo dell'opzione distingue ulteriormente il regime in questione dal credito di imposta per attività di ricerca e sviluppo (citato in introduzione), caratterizzando il primo come norma di sistema. 

A regime l'opzione deve essere comunicata nella dichiarazione dei redditi e decorre dal periodo d'imposta al quale la medesima dichiarazione si riferisce. Relativamente ai primi due periodi di imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre 2014 (cioè, 2015 e 2016), l'opzione deve essere comunicata all'Agenzia delle Entrate secondo le modalità e i termini che saranno indicati in un apposito provvedimento del Direttore dell'Agenzia. Tale comunicazione avrà validità per il periodo d'imposta stesso nel quale è comunicata e per i quattro esercizi successivi. 

Inoltre, l'opzione non va necessariamente esercitata con riferimento a tutti i beni immateriali detenuti dai soggetti beneficiari. 

In dettaglio, i redditi derivanti dai beni immateriali non concorrono a formare il reddito complessivo nelle seguenti misure: 

I)                    Nel 2015, primo anno di applicazione della normativa, viene prevista una riduzione della tassazione pari al 30%, con il risultato di avere un’aliquota impositiva di circa il 21%; 

II)                  Nel 2016, la diminuzione aumenta al 40% (imposte al 18% circa); 

III)                Dal 2017 si va a regime con imposizione pari alla metà, ossia IRES/IRAP pari al 15% circa. 

Da notare che nell’ipotesi in cui si verifichino, durante il periodo opzionato, delle operazioni straordinarie (fusione, scissione, conferimento), si trasferisce contestualmente anche il diritto al Patent Box in capo al soggetto finale risultante dall’operazione di fusione, scissione, conferimento. 

Tra le attività di Ricerca e Sviluppo rientrano tutti i programmi protetti da copyright, il design, la ricerca fondamentale e applicata, le ricerche e i costi di consulenza I.P. (Intellectual Property), incluse pure la tutela e l’anticontraffazione, nonché pubblicità, comunicazione, marketing, presentazione e promozione direttamente riferibili al bene immateriale. 

Il Decreto contiene la definizione delle attività di ricerca e sviluppo ''qualificate" il cui esercizio è condizione imprescindibile per l’effettiva fruizione dell'agevolazione. Al riguardo, viene chiarito che le attività di R&S relative a un determinato bene immateriale possono anche non essere state materialmente esercitate nel periodo di imposta in cui, in concreto, si fruisce dell'agevolazione dei redditi derivanti dal medesimo bene, essendo sufficiente che tali attività siano state comunque esercitate nei periodi di imposta precedenti. E', peraltro, sempre necessario che si tratti di attività di ricerca e sviluppo direttamente collegate al bene da esse "generato"; tale verifica va, quindi, condotta separatamente, bene per bene. 

E' pure irrilevante il luogo di svolgimento delle attività di ricerca e sviluppo (anche all'estero); fermi restando i limiti imposti dalla norma nelle modalità di calcolo in caso di attività svolte da società estere del gruppo. 

L'articolo 6 del Decreto chiarisce, poi, l'ambito oggettivo di applicazione delle disposizioni previste dalla Legge di Stabilità. In particolare, per quanto concerne le opere dell'ingegno (come appena rimarcato), circoscrive l'ambito di applicazione al software protetto da copyright poiché in tal senso si esprimono le Linee Guida dell’OCSE. Il Decreto chiarisce che per la definizione di tali tipologie di beni immateriali e dei requisiti per la loro esistenza e protezione, si debba fare riferimento alle norme nazionali, estere e comunitarie, nonché alle norme contenute nei trattati e nelle convenzioni in materia di proprietà industriale e intellettuale, applicabili nel relativo territorio di protezione, in ragione del fatto che i beni immateriali oggetto del regime in argomento sono, non solo quelli tutelati in Italia, ma anche quelli tutelati in un qualsiasi Paese estero in base alle norme ivi applicabili. 

Infine, l'articolo specifica che, ai fini dell'agevolazione, i beni immateriali collegati da vincoli di complementarietà e utilizzati congiuntamente per la finalizzazione di un solo processo/prodotto, si considerano un unico bene immateriale. E' il caso, a esempio, del modello di un'autovettura che concerne più brevetti. 

La normativa specifica, altresì, che il reddito agevolabile è sia quello derivante dall’utilizzo indiretto che da quello diretto, all’uopo precisando alcuni importanti distinguo. 

Per quanto riguarda il primo (concessione in licenza), è agevolato il reddito (ossia i canoni incassati per la concessione della licenza) al netto dei costi diretti e indiretti rilevanti fiscalmente. 

Anche i danni da risarcimento per la contraffazione di beni immateriali, risarciti nelle controversie (giudiziali o stragiudiziali), rientrano nel Patent Box. 

Nel caso di utilizzo diretto dei beni immateriali, è necessario individuare il contributo economico di ciascuno di quelli che ha concorso a formare il reddito o la perdita. Tale contributo economico può essere positivo o negativo, a seconda delle specifiche fattispecie. Il contributo economico consiste in un reddito figurativo ascrivibile ai beni immateriali incorporato nel reddito rinveniente dall'attività svolta dal contribuente. La scelta di prevedere l’applicabilità del beneficio fiscale anche in queste ipotesi risponde all'esigenza di attribuire ai soggetti che sfruttano direttamente i beni immateriali lo stesso beneficio che otterrebbero laddove licenziassero i medesimi beni a terzi. 

Tale approccio, di fatto, assume l'esistenza di un ramo d'azienda autonomo deputato alla concessione in uso dei beni immateriali allo stesso contribuente. Pertanto, ai fini della normativa in esame, è necessario isolare le componenti positive e negative di reddito ascrivibili allo sfruttamento del bene intangibile, onde identificare la quota di reddito agevolabile. Ai fini della determinazione del contributo economico, diventerà necessaria la preventiva conclusione di un accordo (ruling) in contraddittorio con l'Agenzia delle Entrate conforme a quanto previsto in materia di transfer pricing, provvedendo a predisporre un dossier completo contenente i documenti, i calcoli e i pareri atti a comprovare i risultati raggiunti. 

Da rimarcare che la procedura di ruling si applica anche per i rapporti infragruppo; pertanto, nel caso in cui i redditi relativi ai beni immateriali siano realizzati mediante operazioni infragruppo, l’agevolazione spetterà a condizione che i predetti redditi siano determinati in funzione della citata procedura di ruling stabilita in tutte le ipotesi di utilizzo diretto. Il ruling è, infatti, sempre obbligatorio nell’utilizzo diretto. 

Nei casi in cui si prevede l'attivazione della procedura di ruling di standard internazionale, in deroga a tale normativa generale che prevede la decorrenza dell'accordo con l'Agenzia delle Entrale a partire dal periodo d'imposta nel quale l'accordo è stato stipulato, l'opzione per il regime di tassazione agevolata in parola ha valenza dal periodo d'imposta durante il quale è presentata la richiesta di ammissione alla predetta procedura di ruling internazionale. In particolare, il Decreto chiarisce che qualora non si raggiunga un accordo per la determinazione del reddito con il competente ufficio dell'Agenzia delle Entrate entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta nel quale si è fatta richiesta di ammissione alla procedura di ruling internazionale, i soggetti beneficiari sono in ogni caso tenuti a determinare il reddito secondo le regole ordinarie. Tuttavia, al fine di consentire ai soggetti obbligati alla definizione della procedura di ruling (cosi come accade ai soggetti che non sono obbligati a presentare l'istanza di ruling), l'accesso al beneficio fin dal periodo d'imposta in cui è presentata l'istanza, la quota di reddito agevolabile relativa ai periodi di imposta compresi tra la data di presentazione della medesima istanza e la data di sottoscrizione dell'accordo, può essere indicata nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta di sottoscrizione del ruling, restando ferma la possibilità di presentare istanza di rimborso o dichiarazione integrativa "a favore", laddove ne ricorrano tutti i termini di legge. 

Considerata l’innegabile complessità di tale procedura, il nostro consiglio è quello di rivolgersi sempre a dei commercialisti iscritti all’Ordine (onde avere massima copertura assicurativa), che siano in particolare esperti di fiscalità internazionale, magari richiedendo anche che svolgano il loro lavoro di concerto con l’eventuale professionista aziendale di I.P., in grado di fornire tutti quegli indispensabili pareri tecnici sull’effettivo valore dei differenti beni immateriali. 

Per contro, occorre anche evidenziare come il Decreto stabilisca che la procedura di ruling applicabile alle PMI (ossia tutte le aziende con un fatturato inferiore ai cinquanta milioni) potrà essere definita secondo delle modalità semplificate, le quali verranno però specificate in un prossimo apposito provvedimento dell’Agenzia delle Entrate. Il contributo economico sarà determinato tenendo conto degli standard internazionali dell’OCSE, con particolare riferimento alle regole in materia di transfer pricing. Tali imprese dovranno in ogni caso essere in grado di poter monitorare e dimostrare il collegamento fra le spese e il reddito. 

Il Decreto, infatti, prevede che vi sia sempre un adeguato sistema di rilevazione delle spese e dei redditi, contabile o extracontabile, atto a dimostrare il diretto collegamento tra le attività di ricerca e sviluppo e i beni immateriali, nonché fra questi ultimi e il relativo reddito agevolabile. 

Ciò detto, riepiloghiamo i vari step relativi all’utilizzo interno (diretto) nell’attività dell’impresa, titolare dei diritti sui beni immateriali. 

Occorre primariamente identificare, per ciascun singolo bene: 

-          al numeratore, i costi qualificati (spese di R&S direttamente riferite al bene immateriale); 

-          al denominatore, i costi complessivi (tutte le spese di R&S sostenute per il bene immateriale + il costo di acquisizione + i canoni di licenza + i costi infragruppo). 

Una volta ricavata detta frazione (costi qualificati fratto costi complessivi), per ottenere il reddito agevolabile si procede moltiplicandola per il reddito derivante dall’utilizzo del bene immateriale. Come già prima precisato, detto reddito si dovrà sempre valutare applicando i criteri previsti dalla normativa in materia di transfer pricing. 

Ai fini delle determinazione del valore del numeratore del predetto coefficiente (costi qualificati), si considerano tutti i costi afferenti le attività di ricerca e sviluppo che sono state svolte direttamente dal contribuente, da università o enti di ricerca e organismi equiparati, e da società, incluse le start-up innovative, diverse da quelle appartenenti al medesimo gruppo. 

ln linea con quanto risulta dal Documento OCSE, laddove si afferma: ''Where a payment is made through a related party to an unrelated party without any margin, the payment will be included in qualifying expenditures" (par. F, Outsourcing), il valore dei costi qualificati da indicare al numeratore può essere incrementato dei costi afferenti alle attività di ricerca e sviluppo, addebitati da società infragruppo, per la quota degli stessi che rappresenta un mero riaddebito di costi sostenuti da tali società infragruppo nei confronti di soggetti terzi per l'effettuazione delle predette attività di ricerca e sviluppo. In linea con il medesimo principio, il valore del numeratore può essere incrementato dei costi concernenti le attività di R&S per Io sviluppo, il mantenimento e l’accrescimento dei beni immateriali, sostenuti dal contribuente nell'ambito di accordi di ripartizione dei costi, nel limite dei proventi costituiti dal riaddebito ai partecipanti dei costi di sviluppo, mantenimento e accrescimento. 

Il denominatore del rapporto è, invece, costituito dall'importo del numeratore determinato come sopra, maggiorato dai costi derivanti da operazioni infragruppo e dal costo di acquisizione (incluso il costo della licenza) del bene intangibile. 

In aggiunta a quanto precede, ai fini del calcolo del coefficiente per la determinazione della quota del reddito agevolabile, il valore del numeratore può essere ulteriormente incrementato di un importo corrispondente alla differenza tra il valore complessivo del denominatore del predetto rapporto (totale dei costi di sviluppo, mantenimento e accrescimento dei beni intangibili agevolabili), e il valore del numeratore come sopra individuato (costi di sviluppo, mantenimento e accrescimento dei beni intangibili agevolabili per attività di ricerca e sviluppo effettuata direttamente o per il tramite di soggetti terzi indipendenti, inclusi i riaddebiti visti), nei limiti tuttavia del 30% di quest'ultimo valore (c.d. up-lift). 

Di conseguenza, il numeratore e il denominatore del rapporto non differiscono per natura dei costi ivi indicati, ma soltanto per il diverso computo delle spese di R&S derivanti da rapporti con consociate, nonché di quelle relative alle acquisizioni degli immateriali. 

ln ragione della suddetta composizione degli elementi del coefficiente per la determinazione del reddito agevolabile, risulta pertanto evidente che qualora le spese di sviluppo, mantenimento e accrescimento dei beni intangibili agevolabili siano solo quelle relative ad attività di ricerca e sviluppo effettuate direttamente dal contribuente o effettuate da soggetti terzi indipendenti (università, centri di ricerca e altri soggetti indipendenti), la quota di reddito agevolabile sarà pari all'intero importo del reddito derivante dall'utilizzo di tali beni (infatti, in questo caso il valore del coefficiente risulterà pari a uno). 

Inoltre, nel Documento OCSE si afferma che i costi da considerare nel calcolo del rapporto sono quelli sostenuti nel periodo di riferimento, a prescindere dal regime fiscale e dal trattamento contabile. 

Al fine di consentire alle imprese di approntare adeguati sistemi di tracking and tracing dei costi e dei ricavi legati ai singoli I.P., è stato previsto che, nella fase iniziale di ingresso nel regime, le imprese determinino il coefficiente, che è cumulativo e che prende in considerazione sia i costi sostenuti a partire dall'ingresso nel regime preferenziale, sia quelli sostenuti antecedentemente, considerando i costi qualificati complessivi come grandezze aggregate, vale a dire senza distinzione per singolo IP. Ciò in considerazione della circostanza che, anteriormente all'entrata nel regime preferenziale, i sistemi di rilevazione di costi e ricavi non consentono di operare quella tracciatura e, quindi, di rilevare quel legame fra costi, I.P. e ricavi, richiesto dal nexus approach, come raccomandato nelle Linee Guida dell’OCSE. 

Conseguentemente, fintantoché nel quadriennio di riferimento si hanno annualità senza tracking and tracing, e annualità con tracking and tracing, il coefficiente cumulativo dovrà essere determinato considerando i costi qualificati e i costi complessivi come grandezze aggregate. Solo quando in tutto il quadriennio di riferimento i costi qualificati e i costi complessivi saranno rilevati secondo i criteri di tracking and tracing richiesti dal nexus approach, il coefficiente potrà essere determinato per singolo I.P. 

Un’altra importante agevolazione concessa dalla normativa è quella afferente la detassazione delle plusvalenze realizzate a seguito della cessione degli intangibles. 

Il Decreto stabilisce che non concorrono a formare il reddito complessivo le plusvalenze derivanti dalla cessione dei beni immateriali, a condizione che almeno il 90% del corrispettivo sia reinvestito nella manutenzione o nello sviluppo di altri beni immateriali, entro la chiusura del secondo periodo d’imposta successivo a quello nel quale si è verificata la cessione (vale a dire: cessione nel 2016, termine del reinvestimento al 31.12.2018). 

Attenzione che, secondo il tenore letterale della norma, occorrerà reinvestire il 90% dell’intero corrispettivo ricavato dalla cessione del bene, e non il 90% del valore della plusvalenza. Ciò significa che, almeno nella stragrande maggioranza dei casi, il valore della somma da reinvestire sarà superiore a quello della plusvalenza detassata. Considerato lo spirito dell’intero Decreto, questa scelta del Legislatore, francamente, non ci convince affatto. 

Altra importante annotazione: si parla di manutenzione e sviluppo; ergo, non rientrano tra i reinvestimenti qualificati le somme destinate all'acquisto di altri beni immateriali. 

Nel caso in cui la cessione venga effettuata nei confronti di una società appartenente al medesimo gruppo, il contribuente avrà la possibilità di concordare preventivamente nell'ambito di una procedura di ruling di standard internazionale, il prezzo di cessione infragruppo e la conseguente plusvalenza. 

Tuttavia, occorre altresì evidenziare come la normativa (successivamente, articolo 12) stabilisca che la determinazione del contributo economico dei beni immateriali alla produzione del reddito d'impresa debba essere effettuata nell'ambito dell'accordo con l'Agenzia delle Entrate previsto dall'articolo 8 del Decreto Legge 30 settembre 2003, N. 269. Rientra nell'ambito di applicazione del ruling su base opzionale, la determinazione del reddito derivante dall'utilizzo dei beni immateriali (nonché la determinazione delle plusvalenze), realizzati nell'ambito di operazioni con società che direttamente o indirettamente controllano l'impresa, ne sono controllate o sono controllate dalla stessa società che controlla l'impresa. 

Qualora la condizione per l'esenzione della plusvalenza non sia realizzata entro il termine previsto, il recupero a tassazione avviene nella dichiarazione dei redditi relativa al secondo periodo d'imposta successivo a quello in cui si verifica la cessione, mediante una variazione in aumento pari all'importo della plusvalenza che non ha concorso alla formazione del reddito imponibile nel periodo d'imposta di realizzazione. 

In conclusione, si propongono alcuni semplici esempi onde evidenziare gli effettivi importantissimi risparmi di imposta che possono essere validamente ottenuti mediante una corretta applicazione della normativa qui in esame. 

Per praticità di esposizione, ipotizziamo di essere nell’esercizio 2017 (ossia, a regime: tassazione pari al 50%). 

Esempio di utilizzo indiretto, mediante concessione in licenza del bene immateriale 

Reddito derivante dai canoni: 1.200.000 (100.000 / mese) 

Costi diretti: 200.000 

Costi indiretti: 100.000 

La formula è: ricavi da canoni – costi diretti e indiretti = reddito agevolabile x imposta agevolata = risparmio fiscale. 

Ossia: 1.200.000 – 200.000 – 100.000 = 900.000 x 15% (circa) = 135.000 (risparmio fiscale nell’anno). 

Esempio di utilizzo diretto del bene immateriale 

Ricavi da prodotti intangibles: 100.000.000 

Costi qualificati: 5.000.000 

Costi complessivi: 7.000.000 

Reddito beni immateriali: 5% dei ricavi = 5.000.000 (soggetto a procedura di ruling) 

Applicando la formula avremo: 

5.000.000 / 7.000.000 = 71% (0,71) X 5.000.000 = 3.550.000 X 15% (circa) = 532.500 (risparmio fiscale dell’anno). 

Esempio plusvalenze da cessione 

Corrispettivo da cessione intangibles: 10.000.000 

Residuo fondo ammortamento: 4.000.000 

Plusvalenza: 10.000.000 – 4.000.000 = 6.000.000 

Importo da reinvestire nei 2 anni successivi per avere la detassazione al 100% della plusvalenza: 

90% di 10.000.000 = 9.000.000 

Qui la formula è immediata: posto che la plusvalenza è completamente detassata, le imposte eventualmente dovute sulla stessa (IRES + IRAP) risultano essere integralmente risparmiate. 

Pertanto: 6.000.000 X 29.5% (circa) = 1.770.000 (risparmio fiscale).

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Dr. Paolo Soro - Cagliari (CA)

Dr. Paolo Soro

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Ada Negri, 10

09127 - Cagliari (CA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Transfer pricing e arm’s length

La Cassazione interpreta ad libitum

Continua

Panama Papers, una brevissima riflessione

L’affair Mossack Fonseca fa tremare i potenti e mette Panama “all’indice”.

Continua

Action 2 – Hybrid Mismatch Arrangements

L’azione N. 2 del progetto BEPS concerne la neutralizzazione degli effetti provocati dai c. d. Hybrid Mismatch Arrangements

Continua

L’impiego dei lavoratori italiani all’estero

Dal 24 settembre 2015 non è più richiesta l'autorizzazione preventiva ministeriale per l'impiego all'estero di personale da parte delle aziende

Continua

Internazionalizzazione

L’Agenzia illustra gli accordi preventivi per le imprese internazionali

Continua

I costi black list in Unico 2016

Gli studi professionali sono al lavoro sui bilanci 2015

Continua

Progetto BEPS: Action Plan 1 – Digital Economy

L’azione N. 1 (ADDRESSING THE TAX CHALLENGES OF THE DIGITAL ECONOMY), del progetto BEPS, riguarda le sfide della fiscalità nella Digital Economy.

Continua

Transfer pricing, rettifica bocciata

CTR Lombardia: sì al CUP, no al Transactional Net Margin Method

Continua

Lavorare all'estero

Tassazione dei redditi di lavoro dipendente prodotti all’estero

Continua

Anagrafe Tributaria in tilt

Botta e risposta tra il Garante della Privacy e l’Agenzia delle Entrate riguardo ai dati contenuti nell’Anagrafe Tributaria

Continua

Nuove dimissioni: la circolare del Ministero

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, lo scorso 4 marzo 2016, ha emanato la circolare N. 12

Continua

MAP – Mutual Agreement Procedure

Nel MEMAP (Manual on Effective Mutual Agreement Procedures), l’OCSE fornisce una guida indispensabile a tutte le Autorità sull’applicazione delle MAP

Continua

Italia/Panama: Convenzione sui generis

L’emananda convenzione con Panama elude i precetti fondamentali del Modello OCSE

Continua

La stabile organizzazione (permanent establishment)

La stabile organizzazione collega a uno Stato il reddito che deriva da un’attività economica svolta sul suo territorio da un soggetto non residente

Continua

MCAA per lo scambio automatico delle informazioni

Sottoscritto l’Accordo internazionale che dà attuazione allo scambio automatico delle informazioni fiscali e finanziarie fra 31 Paesi membri dell’OCSE

Continua

Costi black list

Dal 1° gennaio, deduzione equiparata a tutti gli altri costi ordinari

Continua

Trust e imposte indirette

Il trust è soggetto a imposte di registro e ipo-catastali in misura fissa

Continua

Parlamento al lavoro su costi black list

Alcuni emendamenti alla prossima Legge di Stabilità

Continua

Progetto BEPS

Le Azioni 8-10 (Transfer Pricing to Value Creation)

Continua

Tribunale di Bergamo, nullo il trust autodichiarato

Recente sentenza del Tribunale di Bergamo che afferma la nullità di un trust autodichiarato

Continua

Hong Kong è fuori da entrambe le black list

Uscita di Hong Kong, sia dalla black list relativa all’indeducibilità dei costi, che da quella rilevante agli effetti della normativa CFC

Continua

Il G20 approva le nuove misure OCSE

I leader delle 20 maggiori economie del mondo hanno recentemente approvato gli standard globali revisionati dall’OCSE per reprimere l'evasione fiscale

Continua

Le norme ci sono; ma… chissenefrega!

Parere relativo alla vicenda dei dirigenti illegittimi, pubblicato dalla FNC.

Continua

Il Codice di comportamento dell’Agenzia

Il 16 settembre 2015, è stato varato il Codice di comportamento del personale dell’Agenzia delle Entrate: diamogli insieme un’occhiata

Continua

La Cassazione sdogana i dirigenti illegittimi

Tre decisioni quanto meno discutibili della Cassazione Tributaria

Continua

Transfer pricing, ruling in Dogana

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli fornisce indicazioni in merito ai prezzi di trasferimento infragruppo

Continua

Esterovestizione

Cassazione Penale: meno problemi legati al place of effective management

Continua

CFC – La prima esimente del 167 TUIR

Disapplicazione della normativa CFC sulla base della prima esimente prevista dall’art. 167, comma 5, del TUIR

Continua

OCSE all’attacco delle multinazionali con il CBCR

Presentata dall’OCSE la versione finale del progetto Base Erosion and Profit Shifting.

Continua

Common Consolidated Corporate Tax Base (CCCTB)

Una base imponibile consolidata comune per l’imposta sulle società

Continua

La revisione delle sanzioni penali tributarie

Cosa cambia nel sistema sanzionatorio penale tributario dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del Decreto Legislativo 158/2015

Continua

La nuova disciplina degli interpelli

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 156: Misure per la revisione della disciplina degli interpelli e del contenzioso tributario

Continua

Da Roma a Dubai, aspetti fiscali

Paesi White List: EAU dentro per l'indeducibilità dei costi, fuori per le CFC

Continua

Esterovestizione

Esterovestizione e attività di verifica dell’Agenzia delle Entrate

Continua

Decreto Crescita e Internazionalizzazione

E’ in Gazzetta il Decreto Crescita e Internazionalizzazione - entrata in vigore il 7 ottobre 2015

Continua

Crescita e Internazionalizzazione

Le novità del Decreto Crescita e Internazionalizzazione - Terza parte

Continua

Decreto Crescita e Internazionalizzazione

Le novità del Decreto Crescita e Internazionalizzazione - Seconda parte

Continua

Crescita e Internazionalizzazione

Le novità del Decreto Crescita e Internazionalizzazione - Prima parte

Continua

Il nuovo abuso del diritto

Assenza di sostanza economica dell’operazione e realizzazione di vantaggi fiscali indebiti

Continua

MOSS e regime forfetario

Gli operatori nazionali appartenenti al regime fiscale forfetario di vantaggio possono avvalersi del MOSS

Continua

Risoluzione dell`Agenzia sul nuovo regime dei minimi

Il testo della risoluzione 67/E del 23 luglio 2015

Continua

770 – Arriva la proroga a settembre

Il Ministero sta predisponendo il comunicato che darà l’ufficialità alla proroga della scadenza del 770 al prossimo 21 (il 20 è domenica) settembre

Continua

Renzi e la rivoluzione copernicana

“Nel 2016 elimineremo la tassa sulla prima casa”

Continua

Monitoraggio fiscale – Provvedimento dell’Agenzia

Provvedimento del Direttore dell’Agenzia 16 luglio 2015, prot. N. 96634/2015.

Continua

La colpa è del commercialista!

Ogniqualvolta un contribuente sia oggetto di attenzione da parte del Fisco, la colpa ricade sempre sul commercialista.

Continua

Le segnalazioni dell’Agenzia su spesometro e 770

La pubblicazione del provvedimento 13 luglio 2015

Continua

Corte Costituzionale: obbligo di rispettare 60 gg.

Avvisi di accertamento: la Consulta ribadisce l’obbligo di rispettare il termine dei 60 giorni

Continua

Fatte salve le successive modifiche e integrazioni

Abbiamo provato a rispondere a un quesito, postoci da un collega americano, relativo a detta formula di stile da noi usata nei documenti ufficiali.

Continua

Trust – Atto simulato o azione revocatoria?

Il Tribunale accoglie la revocatoria ma nega che il trust, in cui il disponente figuri tra i beneficiari e possa revocare il trustee, sia interposto

Continua

Occupazione: il grande inganno

Quanto sono affidabili i dati sull’occupazione? Quanto sono utili i provvedimenti adottati dal Governo per favorire la crescita?

Continua

Arriva la proroga per studi di settore e "Minimi"

Il MEF annuncia la proroga, dal 16 giugno al 6 luglio, per studi di settore e regimi fiscali di vantaggio

Continua

Il periodo entro cui correggere gli errori fiscali

Correggere gli errori fiscali si può, sia nell’ipotesi di maggiore che di minore imposta: risoluzione dell’Agenzia delle Entrate N. 57/E - 08.06.2015

Continua

16 giugno: tutti pronti… per la proroga

In prossimità della scadenza del 16 giugno, si annuncia la proroga per coloro che sono obbligati alla presentazione degli studi di settore

Continua

TTIP - Partenariato UE / USA

L’UE è impegnata a negoziare un accordo commerciale con gli Stati Uniti, noto come TTIP, per aiutare cittadini e imprese ad approdare negli USA

Continua

Decreto MEF-MISE per l'imprenditorialità giovanile

Cambiate le regole per la concessione delle agevolazioni di cui al D. Lgs. 185/00, Titolo I, “Autoimprenditorialità"

Continua

TFR in busta paga? No, grazie

Il numero dei lavoratori che hanno fatto richiesta del TFR in busta paga è disarmante

Continua

IMU – TASI: Circolare del MEF

Le problematiche concernenti gli obblighi dichiarativi IMU e TASI sono l’oggetto della circolare N. 2/DF del 3 giugno 2015, diramata dal Mef

Continua

Delega Fiscale – forse ci siamo

Il Governo sembrerebbe intenzionato ad approvare entro il corrente mese di giugno gli otto decreti inseriti nella Delega Fiscale

Continua

Dirigenti illegittimi: diluvio sull'Agenzia

Il nord (CTP Milano e CTR Lombardia) chiama; il sud (CPT Campobasso e CTP Lecce) risponde: un fiume in piena si sta per abbattere sull'Agenzia

Continua

Niente reverse charge nella GDO

L’esecutivo UE non ha concesso il via libera alla disposizione della Legge di Stabilità relativa all’inversione contabile sulle forniture alla GDO

Continua

Ecco gli studi di settore 2014

Finalmente arrivano gli studi di settore

Continua

CTR Lombardia: atti nulli

Gli avvisi di accertamento firmati da un dirigente dichiarato illegittimamente nominato sono nulli

Continua

Trust e azione revocatoria

Tribunale di Velletri in materia di azione revocatoria e inefficacia dell’atto di dotazione del fondo in trust

Continua

Codici tributo per l`accertamento catastale

Istituiti i codici tributo per pagare con F24

Continua

Presunzione residenza fiscale

Non prioritarie le relazioni familiari

Continua

Equitalia: mai stato così facile rateizzare

Con la recente riforma del DPR 602/1973 è possibile scegliere quali cartelle rateizzare

Continua

AE: Risoluzione 46/E dell’8 maggio

Macchine per protesi dentarie – IVA al 22%

Continua

Cambio di trustee

Niente ipocatastali per la CTP di Milano

Continua

Attivo il POS in dogana

L`attivazione degli strumenti elettronici

Continua

L’etica dell’Agenzia delle Entrate

Ecco un esempio pratico di quello che intende col termine “etica”

Continua

INPS – Gestione Artigiani e Commercianti 2015

L’INPS attiva il nuovo servizio “alert” e ricorda che i modelli di pagamento non vengono più inviati

Continua

Col trust niente arricchimento

Con il conferimento dei beni in trust, non c’è effettivo arricchimento; pertanto, le imposte ipotecarie e catastali sono dovute in misura fissa

Continua

Comunicato congiunto Equitalia – Commercialisti

Il vademecum sulle opportunità e sulle tutele per i contribuenti

Continua

Dirigenti Entrate - CTP di Milano: atti nulli

Dirigenti Entrate delegittimati – la CTP di Milano sposa la tesi della nullità degli atti

Continua

Delega Fiscale in Consiglio dei Ministri

Si tratta di: abuso del diritto, termini di accertamento, fattura elettronica tra privati e costi black list.

Continua

Gli inganni del Legislatore

Leggi: errori involontari o inganni creati ad arte?

Continua

Credito d’imposta autotrasportatori

Codice tributo 6740 per il credito d’imposta relativo all’utilizzo in compensazione, tramite modello F24

Continua

Google e il diritto all'oblio

Richiesta per la prima volta la modifica dello "snippet", l'abstract generato dal motore di ricerca

Continua

Il tesoro dei Templari

Esiste il tesoretto annunciato dal Governo o è una leggenda come quella sul tesoro dei Templari?

Continua

Bollo assolto in modo virtuale – Circolare AE

Per le violazioni relative ai versamenti bimestrali e d’acconto, irrogazione immediata delle sanzioni.

Continua

Split payment – Circolare 15/E

La circolare n. 15/E del 13 aprile 2015 fornisce nuovi chiarimenti sul meccanismo della scissione dei pagamenti (o split payment)

Continua

La “salvaguardia” del ministro Poletti

Il ministro Poletti si assume la responsabilità dell’assurda clausola di salvaguardia sulla copertura finanziaria per l’esonero contributivo

Continua

730 precompilato – una débâcle, ma parlano di boom

Grande boom di consensi per il 730 precompilato? Noi non siamo faziosi, ci limitiamo ai dati: il risultato è una clamorosa débâcle

Continua

La Cassazione sulla residenza fiscale

Per l’individuazione della residenza fiscale si deve dare rilievo agli interessi economici dell’individuo e non agli interessi familiari

Continua

Il “mondo Equitalia”

Verifica situazione personale, richiesta di rateizzazione, filiera del Fisco, progetto per la legalità: le news dal “mondo Equitalia”

Continua

Dirigenti decaduti – ora spunta la lite temeraria

Tonino Morina sul sole 24 Ore paventa, in un suo articolo, il pericolo della lite temeraria in caso di ricorso contro gli atti dei dirigenti decaduti

Continua

Trust di scopo e attribuzione di denaro

Imposta indiretta all'8%

Continua

Agevolazioni fiscali e contributive ZFU

Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate in merito alle compensazioni per fruire delle agevolazioni fiscali e contributive nelle ZFU

Continua

Società estinte: niente retroattività

La Corte di Cassazione si esprime per l'irretroattività della norma sull'estinzione delle società cancellate

Continua

PIN d’accesso ai servizi online AE - INPS

Agenzia delle Entrate e INPS informano sul modo di abilitarsi, rispettivamente, a “Fisconline” e ai “Servizi Online”, e ottenere pin e password

Continua

Spesometro in partenza – Check list

I prossimi 10 e 20 aprile, scadono i termini per l’invio dello Spesometro, il modello di comunicazione polivalente

Continua

Legittimi, gli atti compiuti da dirigenti illegittimi

Per il ministro Padoan, gli atti sono validi anche se i funzionari erano privi di titolo legittimo

Continua

Cassazione sulla tassazione del Trust

La Cassazione afferma che il trust è tassato con l’imposta sulle successioni e donazioni e le imposte ipotecarie e catastali proporzionali

Continua

Novità 2015 – split payment e reverse charge

Esaminiamo quanto disciplinato in materia di split payment e ampliamento del reverse charge

Continua

Contribuenti allo sbaraglio

Reverse charge, split payment, voluntary disclosure, abuso del diritto, cancellazione delle società, IRAP incompleta, partite IVA semplificate...

Continua

Cancellazione delle società estinte: retroattività

Per l'Agenzia delle Entrate, la disposizione concernente la cancellazione delle società estinte è retroattiva

Continua

A Dubai con Marhaban Italia

Nasce a Roma un progetto finalmente serio e professionale, per assistere le piccole e medie imprese italiane nel processo di internazionalizzazione

Continua

Paradiso o inferno fiscale?

Uno dopo l’altro, i c. d. “paradisi fiscali”, ossia quei Paesi che garantivano bassa tassazione e completo anonimato, stanno scomparendo

Continua

I conguagli regolatori

Sono in consegna, questi giorni, le famigerate fatture della società ABBANOA Spa, concernenti i conguagli regolatori. Ecco di che si tratta

Continua

Start up innovative e incubatori certificati

Il MISE pubblica un modello per i piani di incentivazione a favore delle start up innovative e gli incubatori certificati

Continua

Tax Credit Cinema

Le disposizioni sul tax credit – credito d’imposta – per compensare tutti gli ordinari debiti fiscali e previdenziali esposti in F24

Continua

La Consulta boccia l'Agenzia delle Entrate

La Consulta ha dichiarato fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 8, comma 24, del DL 2 marzo 2012, n. 16

Continua

Rinvio del 730 precompilato?

Sulle maggiori riviste specializzate incomincia a serpeggiare la notizia di un probabile rinvio per 730 precompilato e modello unico

Continua

Reverse charge 2015 – Circolare in arrivo

Question Time in Commissione Finanze: il Ministero dell’Economia e delle Finanze non scioglie i dubbi relativi alla Legge di Stabilità

Continua