Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Proteggete la sicurezza online dei vostri figli

Quasi tutti i bambini tra gli 8 e i 13 anni usano strumenti tecnologici collegati in rete, ma non sono adeguatamente protetti.

Proteggete la sicurezza online dei vostri figli - Quasi tutti i bambini tra gli 8 e i 13 anni usano strumenti tecnologici collegati in rete, ma non sono adeguatamente protetti.

Il futuro è digitale. Nolenti o dolenti il digitale ha orami impregnato i rapporti e le relazioni in tutti gli ambiti della società. Guardando, infatti, alle trasformazioni indotte dalle tecnologie, appare sempre più chiaro che neppure la sfera più intima è al riparo dalle invasioni. Il cellulare è diventato quasi una protesi della persona, uno strumento che permette perfino di seguire ogni nostro movimento.
Davanti a questi cambiamenti, l'effettiva tutela della sfera privata si rivela quindi una parte essenziale della libertà e della dignità della persona.
Certo, le reti telematiche sono fondamentali per la circolazione dell'informazione. Tuttavia, è necessario impedire che diventino strumento di controllo e di sorveglianza.
Molte volte, infatti, non si riflette abbastanza o si sottovaluta l’importanza dei dati raccolti. In verità chi li possiede ha in mano una chiave preziosa, poiché essi sono il fulcro dell’economia. Al tempo stesso, non si dimentichi che, di fatto, i dati raccolti hanno aumentato le potenzialità di erosione della nostra privacy e quindi della nostra libertà di autodeterminazione.
Ebbene, un grande impegno atto a sensibilizzare culturalmente e socialmente tutti gli utilizzatori è indispensabile, poiché in gioco vi sono: la tutela dei diritti e dei principi cardini della nostra società (dignità della persona, reputazione, identità, etc).
Dobbiamo essere consapevoli che se è innegabile che la tecnologia offra nuove e illimitate potenzialità di sviluppo, per converso una raccolta massificata di dati aumenta in modo esponenziale la loro vulnerabilità con conseguenze sempre più rilevanti per le nostre stesse vite. Fra l’altro, oggi, l’acquisizione, la conservazione e l’utilizzazione dei dati e delle informazioni, ha costi sempre più contenuti.
Detto ciò, per entrare più nello specifico, si consideri, per esempio, come quotidianamente i teenagers trasferiscono le loro vite sul social network. Ma poi pensiamo ai nostri figli più piccoli. Ricerche autorevoli registrano una significativa proliferazione delle violazioni informatiche (+62% nel corso dell'ultimo anno), con attacchi sempre più sofisticati, mirati e dannosi per chi li subisce.
Una recente indagine svolta dal Garante della Privacy ha svelato che «le App e i siti internet più utilizzati dai bambini italiani non tutelano adeguatamente la privacy dei piccoli utenti». Tra i 35 casi analizzati «ben 21 hanno evidenziato gravi profili di rischio» e «8 di questi richiederanno specifiche attività ispettive».
Senz’altro, siamo ancora molto lontani da una corretta tutela dei dati dei minori. Quasi tutti i bambini tra gli 8 e i 13 anni usano strumenti tecnologici collegati in rete, ma non sono adeguatamente protetti.
 

Ecco perché i genitori devono seguire i propri figli in questo percorso di crescita tecnologica.
Ma come possono aiutarli ad avere un utilizzo più sicuro?
Alcuni consigli pratici:
- E’ importante mantenere le linee di comunicazione aperte con i propri figli: dialogare sui temi che stanno loro a cuore.
- Responsabilizzarli: concordare tempi e modalità con cui potranno restare connessi o posizionare il computer in un angolo visibile della casa, in modo da facilitare il monitoraggio della navigazione
- Dare un buon esempio.
- Essere aggiornati – conoscere le nozioni tecniche di base e gli strumenti usati dai propri figli, magari navigare insieme per farsi insegnare e condividere affinché si abituino a usare Internet in compagnia e apprendano comportamenti adeguati.
- Illustrare ai propri figli quali possono essere i pericoli della rete nel modo più completo possibile, insegnar loro a non rispondere a email minatorie e a rispettare tutti i membri della community.
- Usare filtri per il controllo di accesso alla rete per impedire l'accesso a siti dal contenuto inappropriato.
- Essere informati su cosa fanno, come nella vita “reale” anche in quella “virtuale” è importante sapere quali sono i loro amici e i loro interessi, nel rispetto della loro autonomia.
- Spiegare il significato di privacy e perché non devono condividere le informazioni sensibili; cioè come sia importante la propria vita privata, la propria intimità e la propria identità; insegnare aimpostare i filtri per la privacysui social network.
- Stimolare i loro interessi e insegnare loro a tratte il meglio – evidenziare il valore pratico e l’utilità che si possono tratte da un uso consapevole delle tecnologie.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Mantenimento dei figli

Le spese straordinarie non vanno incluse nell'importo dell'assegno determinato in misura onnicomprensiva.

Continua

Identità di generi

La Suprema Corte ha stabilito che il mutamento di sesso può essere autorizzato anche senza intervento chirurgico

Continua

Garantito l'accesso ai dati fiscali del coniuge

L'accesso va garantito a chi dimostra che è necessario per curare i propri interessi nel giudizio di separazione

Continua

Il principio di uguaglianza in seno alla famiglia

La famiglia, nel corso dei decenni, è cambiata e continerà a cambiare. La disciplina che regola i rapporti tra i coniugi stabilisce la parità

Continua

Esenzioni in sede di separazione e divorzio

I trasferimenti immobiliari dipendenti da procedure di separazione coniugale e divorzio continuano a beneficiare delle agevolazioni fiscali.

Continua