Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

La Plastica: un'invenzione italiana a diffusione globale

La Plastica è forse l'invenzione italiana più conosciuta e utilizzata al mondo. La dobbiamo a Giulio Natta e rappresenta il simbolo della nuova era...

La Plastica: un'invenzione italiana a diffusione globale - La Plastica è forse l'invenzione italiana  più conosciuta e utilizzata al mondo. La dobbiamo a Giulio Natta e rappresenta il simbolo della nuova era...

La plastica con estrema certezza è l'invenzione che più ha rivoluzionato nonché condizionato l'essere umano. L'archetipo del consumo sfrenato (a volte), il vero simbolo della generazione post industriale. Tralasciando in questo momento gli effetti collaterali che nel nostro ambiente ha prodotto e la possibilità di convertire, oggi giorno, la sua composizione con materiali più ecologici attraverso l'uso di materia organica, sarebbe bene ricordare, per chi lo avesse dimenticato, che la plastica è un'invenzione italiana

 

La sua paternità è infatti attribuita a Giulio Natta

Nasce a Porto Maurizio ora Imperia, il 26 febbraio 1903, a soli 21 consegue la laurea in ingegneria chimica tra Milano e Friburgo e l'anno dopo ottiene la cattedra presso il Politecnico di Milano, in chimica analitica prima e chimica generale e inorganica subito dopo (1938). Quando era ancora studente era stato attratto dagli studi del professore Hermann Staudinger (1881-1965) fondatore della chimica macromolecolare e iniziò a strutturare la sua azione di ricerca in modo da legare l'evoluzione scientifica e le scoperte ad uno studio coerente con il futuro e le esigenze industriali (il cd "modello tedesco"). 

Da quest'intuizione, negli anni della sua specializzazione e in quelli da docente, prosegue lo studio sui polimeri e sulla loro "struttura cristallina mediante tecniche reontgenografiche" grazie anche al supporto del professore Giorgio Renato Levi (1895-1965). 

 

L'industria italiana e la storia della chimica sono stati fortemente segnati dalla presenza e dagli sviluppi di Natta sul POLIPROPILENE (1954), l'innovativa materia plastica che da li a poco sarebbe stata utilizzata soprattutto nell'industria automobilistica e nella produzione di fibre sintetiche e resistenti. Dall'intuizione di Staudinger sulla proprietà cristallina degli alti polimeri Giorgio Natta fece molta strada e i suoi successi accademici furono ben ripagati dall'attenzione dimostrata nei suoi confronti dall'industria italiana, specificamente da parte della Montecatini di Pier Candiano Giustiniani 

[nel 1954] tutto il laboratorio di Natta fu mobilitato con un impegno incessante, e finalmente si spedirono le prime richieste di brevetti. Nel dicembre 1954 Natta presentò i principali risultati all’Accademia dei Lincei, e mandò una breve lettera al «Journal of the American chemical society». La lettera fu pubblicata sul fascicolo del 20 marzo 1955. Il risultato eccezionale della stereoregolarità era opportunamente sottolineato, ed era coniato un nuovo termine, destinato a entrare a pieno titolo nel linguaggio scientifico: Proponiamo di designare come ‘catene isotattiche’ le catene polimeriche che hanno una struttura così eccezionalmente regolare, contenente serie di atomi di carbonio asimmetrici con la medesima configurazione sterica (G. Natta, P. Pino, P. Corradini et al., Crystalline high polymers of α-olefins, 1955, p. 1709). 

 

In quegli anni il fervore scientifico anche sotto l'impulso della scoperte tra le due guerre e dei processi di conversione e riconversione industriale hanno registrato passi da gigante in un arco temporale davvero ristretto. C'è da aggiungere di fatti, che ciò che portò Natta al successo non fu solo la dedizione per la chimica e l'incontro con professori illustri ma anche le ricerche della "concorrenza", se così vogliamo chiamarla. Nel 1954 infatti, il tedesco Karl Ziegler aveva sintetizzato un'analoga struttura, il polietilene (PE) e, fu per ragioni anche di disponibilità di adeguate strumentazioni (più d'avanguardia rispetto a quelle in dotazione agli istituti di ricerca italiani) che Natta direzionòil suo interesse verso la realizzazione del polipropilene (PP). Nel 1962 per i loro successi e per l'importante contributo allo sviluppo dell'industria tedesca, italiana ed europea, conseguirono congiuntamente il Premio Nobel per la Chimica per la realizzazione del polipropilene isotattico e del polietilene ad altra densità.  

La Montecatini (accorpata nel 1966 alla Edison) produsse e commercializzò la sua invenzione con il nome di Moplen e Meraklon. Chi non ricorda quegli spot in TV con Gino Bramieri? 

Negli anni in cui ricoprì il ruolo di professore ordinario al Politecnico di Milano infatti ebbe la fortuna di venire in contatto e stringere relazioni con Giustiniani della Montecatini ed è grazie a questi che riesce ad ottenere i fondi e la strumentazione adeguata per sintetizzare la polimerizzazione del polipropilene. Muore a Bergamo il 2 maggio del 1979, da tempo gravemente malato di Parkinson dal 1959.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Creative Commons: ecco cosa sono

Tutela della proprietà intellettuale: ecco cosa sono le licenze Creative Commons, come funzionano e perché iniziare ad usarle

Continua

Brevetti: il phon reinventato nella versione migliore

Breve storia del Phon per capelli tra innovazione e brevetti: il phon reinventato nella versione migliore di Sé

Continua

Le idee sono il motore di tutto ciò che ci circonda

Le idee sono il motore potente di tutto ciò che ci circonda. La creatività va premiata e riconosciuta perciò brevettata

Continua

Startup: 3 consigli da portare in vacanza

Startup sempre più competitive e tool da non dimenticare nella valigia, prima di andare in vacanza

Continua

L'amico fidato dell'estate: il ventilatore

Chi ha inventato il primo ventilatore? Una delle domande che almeno una volta nella vita vi siete posti e non avete mai avuto l'occasione (o quasi) di avere risposta

Continua

Finale StartCup 2016: premio speciale Studio Rubino

Studio Rubino offrirà un premio speciale durante la fase finale della competizione, prevista per il 14 luglio a Cosenza

Continua

Proprietà intellettuale e POR: la Calabria finanzia le PMI

POR Calabria: finanziamenti per le PMI anche per valorizzare la proprietà intellettuale

Continua

Brexit e proprietà intellettuale: cosa accade ora?

La parola d'ordine del mese è stata Brexit. Cosa succede ai diritti di proprietà intellettuale secondo Herrero & Asociados

Continua

Cinque consigli per startup: i siti web e i tool

Cinque consigli per startup: i siti web e i tool da usare per migliorare il proprio business

Continua

Cento anni di Relatività e di miti su Einstein

La teoria della relatività generale compie 100 anni. Concetti e pensieri che non smettono di affascinare

Continua

Brevetti, marchi e IP in Calabria: la lunga strada

Brevetti, marchi, IP e Calabria: quale approccio scegliere? Quali sono i trend e le differenze con il più evoluto e dinamico Nord del Paese?

Continua

Brevetto Driveless Car: l'unione tra Google e FCA

Google e FCA Chrysler stanno lavorando al brevetto driveless car e porterà negli States il primo modello commerciale di auto a guida autonoma

Continua

STARTUP E PMI: Easitaly e il tour innovativo

Il roadshow realizzato con il sostegno del MiSE, Invitalia e Confindustria sarà in 10 città italiane per sensibilizzare sul tema innovazione

Continua

Startup, 6 consigli per reperire fondi

Startup e risorse finanziarie: l’annosa questione del reperimento dei fondi. Sei utili consigli per la tua impresa nascente

Continua

Imprese innovative: Pisa istituisce il Fondo Rotativo

Oltre 500 mila euro stanziati dalla Camera di Commercio di Pisa per il sostegno alle imprese innovative del territorio

Continua

Startup e PMI, 5 consigli: tool digitali

Tra i più grandi problemi da risolvere in startup e imprese nascenti sono i processi interni, l'organizzazione e la comunicazione interna (ed esterna)

Continua

Pmi, startup e contraffazione: la soluzione il QR

Un QR code per aiutare le imprese italiane a non soccombere e opporsi efficacemente alla contraffazione, la proposta di legge in discussione al Senato

Continua

Il sostegno di Lazio Innovatore a PMI e startup

La Regione Lazio attraverso l'incubatore Lazio Innovatore ha indetto un concorso volto a sostenere, con premi e riconoscimenti, le migliori startup

Continua

Marchio Moretti: il Baffo più famoso in Italia

Birra Moretti la storia di un marchio senza tempo. Fascino, orgoglio e tradizione italiana a forma di Baffo. L’azienda nasce nel 1859 a Udine

Continua

Emilio Segrè: un italiano nel Mondo e il suo Nobel

Per parlare di innovazione e dei talenti italiani abbiamo pensato a raccontarvi la storia dello scopritore dell'antoprotone.

Continua

Marchio Lamborghini: la storia di un visionario

Chi non ha mai sognato si farsi un giro su una Lamborghini e sfrecciare nel comfort silenzioso di un'auto di lusso come quelle del toro di Sant'Agata

Continua

Patent box: meno tasse per le PMI

Patent Box: con i nuovi provvedimenti il regime delle tasse per redditi derivati da opere di ingegno sarà molto più snello. Un respiro di sollievo per le PMI

Continua

Nutrire il pianeta con l'innovazione

Nutrire il pianeta, tema centrale di Expo2015. Innovazione al servizio dell'uomo e dei suoi bisogni. Tra sostenibilità, rispetto e recupero

Continua

Registrazione di un marchio: 6 buoni motivi per farlo

I motivi per la registrazione di un marchio: 6 buoni motivi, dalle ambizioni dell'azienda alla tutela legale

Continua

Quanto costa registrare un Marchio Comunitario

Quanto costa comunicare all'esterno la propria identità aziendale? Che peso assume il proprio prodotto e il brand stesso?

Continua

Depositare un marchio o registrare un marchio

Per la confusione che si genera delle volte è bene chiarire la differenze tra i due concetti

Continua

Patent Box Italia

Con il nuovo anno nasce l’Italian Patent Box, lo strumento per semplificare le tasse inerenti dall'utilizzo di marchi, brevetti, design e copyright.

Continua

Brevetto Unitario il Dibattito Europeo

Il brevetto unitario potrebbe ridare slancio alle PMI italiane? Sarà privilegio della leale concorrenza o delle grandi imprese? Queste le preoccupazioni italiane

Continua

Design d'autore: la parola a Le Corbusier

Casa e ufficio, il design di Le Corbusier reso intramontabile dal genio creativo. Quotidiano, innovazione e tradizione

Continua

Marchio di impresa: quanto costa l'identità?

Dall'elaborazione grafica alla registrazione presso gli uffici competenti: quanto costa all'azienda puntare sulla propria immagine

Continua

Nike, la storia di un Logo: lo Swoosh

Swoosh è il nome del suo logo; assieme ad altri pochi brand eletti ha fatto la storia

Continua

Copyright 2.0 rischi e difese

Tra i diritti della proprietà intellettuale, il più controverso. Il bene prodotto è opera d'ingegno ed estro. Come ampliarne la tutela?

Continua

Il Copyleft non nuoce, anzi

Sul Copyleft è stato detto ancora troppo poco. Una cosa è certa meglio lo conosciamo più facile sarà capire che non rappresenta un pericolo

Continua