Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto dell`informatica

Il non disclosure agreement: scambio di informazioni

Per sviluppare il business è necessario condividere informazioni in tutta sicurezza. Diventa fondamentale redigere accordi di non diffusione

Il non disclosure agreement: scambio di informazioni - Per sviluppare il business è necessario condividere informazioni in tutta sicurezza. Diventa fondamentale redigere accordi di non diffusione

I rapporti tra le imprese si sviluppano sotto profili molteplici e dinamici che passano comunque attraverso lo scambio di informazioni (cataloghi, progetti, modalità di erogazione dei servizi, ecc.). 

 

È allora di fondamentale importanza redigere gli opportuni accordi di non diffusione (spesso indicato con l’acronimo inglese NDA: non disclosure agreement) in modo che qualunque siano gli esiti dell’incontro, in ogni caso la riservatezza e la segretezza di tutto ciò che concerne il proprio business sia adeguatamente tutelato. 

 

Fatte queste dovute premesse, è possibile indicare alcuni principi fondamentali che valgono in ogni situazione. 

È fondamentale delineare in maniera chiara e senza possibilità di interpretazione cosa si intende per informazione confidenziale. Allo stesso modo particolare attenzione dovrà essere prestata ai mezzi ed agli strumenti attraverso cui vengono trasferite le informazioni. 

Poiché, i tempi con cui si sviluppano gli accordi tra imprese spesso presentano ritmi sostenuti che impongono incontri (on site, ma anche in web conference) dove le informazioni vengono scambiate oralmente, sarà buona regola disciplinare anche questo aspetto. 

Alla parte ricevente deve essere imposto di applicare ai dati che si ricevono le medesime misure di sicurezza utilizzate per le proprie informazioni e comunque non al di sotto dei normali standard diffusi nel mercato di riferimento. 

Dovrà essere prevista sia una clausola che disciplini la possibilità o il divieto di riprodurre in qualsiasi forma le informazioni confidenziali ricevute, ed occorrerà individuare esattamente i soggetti che tratteranno le informazioni. 

È poi anche opportuno disciplinare il diritto di proprietà delle informazioni confidenziali scambiate (si pensi alla condivisione di un progetto o di un codice sorgente), nonché gli obblighi di non concorrenza. 

Potrebbe essere necessario obbligare la parte ricevente a distruggere ciò che è in suo possesso e di darne opportuna conferma (e prova dell’avvenuta eliminazione) alla controparte. 

È opportuno specificare che non essendo coercibile un obbligo di fare, l’NDA dovrà poi prevedere tutti i casi di violazione sia che questi avvengano durante la vigenza dell’accordo sia che si verifichino successivamente (nell’arco temporale previsto dall’accordo). 

 

In conclusione va detto che la sottoscrizione di un NDA permetterà all’impresa di poter lavorare serenamente per il raggiungimento dei propri obiettivi di business ed al contempo predisporre le possibili tutele in caso di violazioni, evitando così perdite economiche a volte anche ingenti.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto dell`informatica

Studio Legale Avv. Emiliano Vitelli - Latina (LT)

Studio Legale Avv. Emiliano Vitelli

Avvocati / Penale

Viale Pablo Picasso 30

04100 - Latina (LT)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Luci ed ombre del Privacy Shield

Dichiarato invalido Safe Harbor per il trattamento dei dati personali UE ed USA concordano sui principi di un nuovo Accordo: il Privacy Shield

Continua

Corte Strasburgo, Jobs Act, controlli a distanza

L'azienda può licenziare il proprio dipendente sulla base dei controlli effettuati sugli strumenti utilizzati per lavorare (mail, messenger).

Continua

Industria 4.0 e cyber security aziendale

Il patrimonio informativo aziendale si comincia a difenderlo dall’interno: educazione, formazione, difesa

Continua

Il nuovo Regolamento Europeo sulla Privacy

Il 15 dicembre 201 c'è stato l'accordo in UE sul nuovo Regolamento della Privacy che avrà grande impatto sia per le persone che per le aziende

Continua

Man in the mail. Come tutelare l'impresa

Adottare le corrette policy, significa responsabilità e responsabilizzazione dei propri dipendenti, ma soprattutto difendere e far crescere l'impresa

Continua

Il subappalto responsabile esterno trattatamento

Quali gli obblighi per il titolare del trattamento e quali quelli del responsabile nell'ambito del subappalto? I provvedimenti del Garante Privacy

Continua

La Corte Europea sul concetto di stabilimento

La normativa di uno Stato membro sui dati personali può essere applicata a una Società straniera che svolge,in tale Stato, un’attività stabile

Continua

Sicurezza e smaltimento dei RAEE

Lo smaltimento dei rifiuti elettrici ed elettronici non è più soltanto una questione ambientale ma anche e un problema di gestione di dati

Continua

OCSE: sicurezza digitale e sviluppo economico

L'OCSE ha appena emanato una nuova raccomandazione:“La gestione del rischio nella sicurezza digitale per una prosperità economica e sociale”

Continua

Le imprese dopo l'illegittimità del Safe Harbor

La Corte di Giustizia Europea ha invalidato l'accordo Safe Harbor tra UE e USA ritenendo gli Stati Uniti non sicuri per la tutela della privacy

Continua

Le imprese eccellenti sono ancora poco digitali

Rapporto del MISE su PMI innovative eccellenti: l'innovazione salva dalla difficile congiuntura economica, ma sul digitale c'è ancora da fare.

Continua