Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto societario

5 buoni motivi per costituire un LTD in UK

Alcuni buoni motivi per costituire una società estera, ed in particolare nel Regno Unito

5 buoni motivi per costituire un LTD in UK - Alcuni buoni motivi per costituire una società estera, ed in particolare nel Regno Unito

Private Limited Company: di che si tratta? 

La Private Limited Company si presenta come un modello legislativo studiato per le società a ristretta base azionaria che non intendono rivolgersi al mercato regolamentato. 

In quest’ottica emerge la prima differenza rispetto alle Public Companies, tradizionalmente più adatte all’esercizio di attività di impresa di maggiori dimensioni, che offrono la possibilità di ricorrere al mercato azionario per la collocazione dei titoli fra il pubblico. 

Non per questo, tuttavia, si deve ritenere che tutte le Public Companies siano quotate in borsa (infatti, la maggioranza non lo è). 

La definizione di Private Limited Company ci perviene dal “Companies Act” del 1980: in esso si può leggere che “private company, unless the context otherwise requires, means a company that is non a public company”, ossia che tutte le Società che non sono identificabili come Public Companies sono inquadrabili nella predetta categoria. 

Occorre, di contro, precisare che, ferma restando la definizione in negativo che ne offre, tale atto prevede in realtà tre tipi di Private Company

- la Private Company Limited by shares, con responsabilità limitata al capitale azionario sottoscritto; 

- la Private Company Limited by guaranteewith share capital i cui soci rispondono nei limiti del capitale sottoscritto e della garanzia prestata; 

- la Private Company Limited by guarantee, senza capital azionario, ove la responsabilità dei soci è limitata alla prestazione di una garanzia. 

Il primo modello è quello di gran lunga più diffuso, in special modo per quanto riguarda l’esercizio di attività d’impresa. 

Il “Companies Act” ha prescritto per la prima volta che il suffisso “Limited” o “ltd” sia applicabile alle sole Private Companies, mentre che alla ragione sociale delle Public Companies, si debbano aggiungere le parole “Public Limited Company”, o più semplicemente “plc”. 

La maggiore differenza tra le due forme societarie sta nel fatto che la Private Company, al contrario della Public Company, soggiace all’espresso divieto di offrire al pubblico azioni od obbligazioni. 

Una società Limited si può paragonare alla fattispecie italiana della “S.R.L.” (Società a responsabilità limitata). 

Il suo capitale minimo è di 100 Sterline inglesi e il valore di quest’ultimo può essere stabilito a libera scelta tra i soci: il capitale stabilito non deve essere, comunque, versato. 

La responsabilità limitata può essere ridotta ad un 2% del capitale stabilito. 

Perché conviene? 

L’Inghilterra non è una “Zona Franca” dell’Europa, in quanto anche qui ci sono leggi e regole che vengono tranquillamente applicate in caso di necessità. 

Il Paese gode di grande reputazione economica a livello mondiale ed è la porta preferita per il commercio europeo verso Asia e Stati Uniti, in quanto queste Nazioni conoscono la garanzia dell’applicabilità delle Leggi Inglesi. 

L’Inghilterra offre ai suoi imprenditori immensi vantaggi che sono stati stabiliti attraverso leggi giuste e molto semplici da capire: l’imprenditore può, così, avviare e gestire un’azienda in modo facile, evitando lunghe attese, barriere burocratiche e costi iniziali troppo elevati che non fanno altro che far spendere energia inutile durante la fase di costituzione ed avviamento. 

In tale Paese, inoltre, l’imprenditore può godere di molte agevolazioni fiscali, ossia tasse ridotte rispetto ad altri Paesi Europei, oppure l’esenzione totale da imposizione fiscale. 

Una Limited costituita in Inghilterra ha gli stessi diritti di una qualsiasi altra Società di capitali costituita in un diverso Stato membro dell’UE, ma rimane coperta dalla legge sotto la quale la società stessa è stata costituita e dove ha la sua sede legale principale. 

Può, inoltre, scegliere di aprire una sede di rappresentanza o una sede secondaria per l’esercizio della sua attività: in particolare, se apre una sola sede di rappresentanza in Italia, non occorrono comunicazioni né iscrizioni alla Camera di Commercio o Ufficio IVA Italiano (qualsiasi attività verrà svolta tramite la società con sede legale in Inghilterra e quindi con tassazione in Inghilterra); se, invece, vi instaura una sede secondaria, sarà necessaria solamente la comunicazione al REC con richiesta di Partita IVA, indicando che l’attività si svolge in Italia. 

Il Diritto Societario britannico ha subito una riforma, chiamata “Company law Reform Act 2006”, entrata definitivamente in vigore nel 2009. Essa ha come obiettivi la sollecitazione dell’intervento e l’interessamento degli azionisti, far prevalere l’approccio “prima di tutto si pensa in piccolo”, la facilitazione della gestione delle società commerciali e l’implementazione della flessibilità del sistema. 

In particolare, per le Società Limited, si è previsto l’obbligo di costituirsi online (che va ad affiancarsi al già esistente vantaggio di non doversi necessariamente avvalere di un notaio per il compimento degli atti necessari). 

Inoltre, per la costituzione di una Limited, non si ha il dovere di dotarsi di una Partita Iva (almeno sino a circa i 100.000 euro di fatturato), i soci possono essere al 100% italiani (con tutti i diritti uguali a quelli di un cittadino inglese), la contabilità può essere tenuta interamente online, l’ispettorato del lavoro non esiste, eventuali fallimenti dichiarati in Italia (ovvero protesti, interdizioni, ecc.) non si applicano in Inghilterra e chiunque può essere amministratore di una Limited (pur svolgendo attività interamente in Italia). 

Ecco dunque 5 buoni motivi per costituire una società LTD in Inghilterra

1) il Paese gode di grande prestigio ed esperienza nell’attività di impresa (nonché nel commercio internazionale); 

2) è stato elaborato e sviluppato un impianto giuridico di leggi e regole, per svolgere qualsiasi attività imprenditoriale, molto semplice ed efficace; 

3) prevede una burocrazia ridotta quasi a zero; 

4) consente ad una Società Limited di svolgere la sua attività in tutto il mondo, senza dover avere una presenza fisica in Inghilterra; 

5) presenta costi di costituzione, di esercizio e fiscali molto convenienti ed i tempi per la costituzione di una società privata si attestano fra le 24 e le 48 ore. 

Ciò non toglie che, affinché tutti gli adempimenti (seppur limitati rispetto a quelli previsti nel nostro Paese per la costituzione di una S.r.l.) siano correttamente soddisfatti e rispettati, è necessaria la consulenza di un professionista che affianchi coloro i quali intendano avviare un’attività imprenditoriale in Inghilterra. 

Avv. Giuseppe Bellini          Dott. Giacomo Larcinese 

  

  

Fonti 

Bruno, “Profili del diritto societario inglese alla luce della riforma”, in Riv. Soc., 2004Del Giudice, “La riforma del diritto societario nel Regno Unito: semplificazione o complicazione?”, su www.filodiritto.com;Del Giudice, “Costituire una società “Limited” in Inghilterra: perché conviene”, su www.delgiudice.clara.net.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto societario

Studio Dell` Avv. Giuseppe Bellini- Associazione Professionale - Gallarate (VA)

Studio Dell` Avv. Giuseppe Bellini- Associazione Professionale

Avvocati / Civile

Via Verdi, 3

21013 - Gallarate (VA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

I vantaggi di costituire una KFT in Ungheria

Si è recentemente registrato un crescente interesse da parte degli imprenditori per l'Ungheria: vediamo quali sono i vantaggi di tale scelta

Continua

Come pagare meno tasse grazie al Trust immobiliare

Conferendo oggi un immobile in un trust, si può beneficiare dell’attuale regime fiscale competitivo, mettendo i beneficiari nelle migliori condizioni

Continua

Perchè conferire i tuoi immobili in un Trust?

Alcuni spunti di riflessione utili per valutare l'istituto del Trust come strumento di protezione patrimoniale

Continua

7 buoni motivi per investire in Bulgaria!

Ci sono diversi buoni motivi per investire in Bulgaria: cerchiamo di riassumerli in questa breve trattazione

Continua

Perché cercare sempre investitori?

Approfondiamo i motivi per i quali un imprenditore dovrebbe cercare degli investitori, via alternativa al canale bancario.

Continua

Vendere o comprare una azienda: come?

Raggiungere l'accordo commerciale tra le Parti non è sufficiente: spesso sono i dettagli a determinare il buon esito di una operazione straordinaria

Continua

Vuoi trovare un investitore? Non perdere tempo!

Spesso l'idea di vendere l'Azienda non è poi accompagnata da una chiara identificazione di quello che serve per poterlo fare...capiamo cosa serve!

Continua

3 vantaggi (e 3 svantaggi) del Trust

Introduciamo un’ulteriore figura preposta allo scopo di tutelare il patrimonio personale e aziendale dell’imprenditore, il trust

Continua

Società controllata vs Holding: chi paga?

Per difendersi dagli abusi della controllante, vediamo quali sono le tutele consentite dalla Legge in favore della società controllata

Continua

Fiduciaria: quello che devi assolutamente sapere...

Una recente sentenza della Cassazione Civile offre lo spunto per un’analisi in merito alle società fiduciarie

Continua

5 buoni motivi per investire in ROMANIA!

In altri stati d'Europa vengono proposte delle concrete politiche per attrarre capitali esteri, e uno di questi è sicuramente la Romania

Continua

Difendersi in caso di errore del commercialista

In caso di omessa dichiarazione fiscale da parte del commercialista, e conseguente contestazione di reato tributario, è possibile difendersi?

Continua

Infortunio sul lavoro: colpa dell’imprenditore?

Finalmente una sentenza della Cassazione Penale aiuta a capire che la responsabilità dell'infortunio sul lavoro non è sempre dell'Imprenditore.

Continua

Chi è responsabile sulla pista da sci?

Approfondiamo il tema della responsabilità del gestore degli impianti sportivi nell'ambito dello sci alpino.

Continua

Il danno da vacanza rovinata

Una breve disamina sulla tutela del consumatore in caso di vacanza rovinata

Continua

Tre soluzioni per tutelare il patrimonio

Vorremmo introdurre, a tutti gli imprenditori, una tangibile ed attuale problematica, ovvero quella relativa alla tutela del patrimonio.

Continua

M&A: il ruolo dell'Avvocato d'Affari

Facciamo il punto sulle attività di fusione e acquisizione societaria, inquadrando il ruolo dell'Avvocato d'Affari

Continua