Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto penale criminale

Droghe leggere: patteggiamento

La pena applicata per le droghe leggere con sentenza irrevocabile emessa prima del 25.02.2014 può essere annullata e rideterminata in sede di esecuzione

Droghe leggere: patteggiamento - La pena applicata per le droghe leggere con sentenza irrevocabile emessa prima del 25.02.2014 può essere annullata e rideterminata in sede di esecuzione

A seguito della Sentenza della Corte Costituzionale n. 32 del 25.02.2015 che ha dichiarato incostituzionale la Legge Fini Giovanardi,  per le droghe leggere (tabelle II e IV)  si è determinato il ritorno alla più favorevole previgente normativa di cui all’art 73 co. 4 del Dpr 309/1990,  con la conseguenza che per le droghe leggere attualmente devono applicarsi le sanzioni della reclusione da due a sei anni e della multa da euro 5.164 a euro 77.468 anziché le più gravi sanzioni della reclusione da sei a venti anni e della multa da euro 26000 a euro 260000. 

 

Resta salvo che qualora il fatto contestato,  per i mezzi, la modalità o le circostanze dell’azione ovvero per la qualità e quantità delle sostanze, è di lieve entità si applica la pena della reclusione prevista dal comma 5 dell’art 73  che prevede la pena della reclusione da sei a quattro anni e della multa da euro 1.032 a euro 10.329. 

 

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione  hanno recentemente affrontato la questione della pena applicata a seguito di sentenza di patteggiamento irrevocabile;  intervenuta prima della  predetta sentenza della Corte Costituzionale n. 32 del 2014 (  Cass Sent. 15.09.2015 n. 37107). 

 

Tale pena è  da considerarsi illegale e, pertanto, il condannato (ma anche il P.M quale garante dell’applicazione della legge) può  proporre incidente di esecuzione,    per consentire al giudice di intervenire sul giudicato e irrogare la pena legale più lieve

 

La Cassazione   ha ritenuto estensibile al caso in esame  l’applicazione dell’art 188 delle disposizioni di attuazione al c.p.p che consente,  in fase esecutiva,  di  superare il giudicato sulla pena patteggiata, riconoscendo la continuazione tra più reati oggetto  di distinte sentenze. 

 

Consegue che anche laddove la sentenza sia  passata in giudicato,  il condannato che abbia patteggiato la pena sui più elevati limiti edittali previsti all’epoca della legge dichiarata incostituzionale, può  attivarsi con lo strumento dell’incidente di esecuzione per sottoporre al giudice  un nuovo accordo di pena quantificata in base agli attuali criteri di legge. 

 

E’ opportuno, pertanto, che il condannato avanzi incidente di esecuzione per ottenere l’applicazione della  pena giusta cioè meno afflittiva,   pur quando la pena concretamente irrogata dal Giudice di cognizione  sia compresa entro i limiti  di pena  ora vigenti,  in quanto la sentenza è basata su  un accordo nullo  perché legato a parametri di pena ritenuti illegali. 

 

In caso di mancato accordo o qualora il P.M. resta inerte,  il giudice dell’esecuzione  può ugualmente accogliere la richiesta del condannato o provvedere autonomamente alla rideterminazione della pena, finanche concedendogli la sospensione condizionale della pena esclusa dal precedente accordo  in ragione dei più elevati limiti  di pena. 

 

Resta inteso che  il giudice dell’esecuzione potrà esercitare il proprio giudizio esclusivamente sulla pena, non potendo rimettere in discussione l’esistenza del fatto, la sua  configurabilità come reato e   la responsabilità del condannato.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto penale criminale

Avv.   Michele Marchese - Napoli (NA)

Avv. Michele Marchese

Avvocati / Penale

Via Torquato Tasso 480

80127 - Napoli (NA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Prescrizione. Reati edilizi

Ordine di demolizione di opere abusive impartibile solo in caso di condanna passata in giudicato, non soggetto alla prescrizione

Continua

Bancarotta fraudolenta: presupposti

La "falsa" denunzia di furto delle scritture contabili non costituisce prova del reato di bancarotta fraudolenta

Continua

Tenuità del fatto deducibile in Cassazione

La richiesta di non punibilità ex art.131 bis del c.p. è proponibile in Appello e in Cassazione anche se non avanzata nei motivi di impugnazione

Continua