Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Privacy specialist e Data Protection Officer

LinkedIn & Privacy: in arrivo nuove funzioni e regole

Chat, Profili per 13enni e nuove regole per i Gruppi di Discussione, quali impatti e nuovi scenari possibili?

LinkedIn & Privacy: in arrivo nuove funzioni e regole - Chat, Profili per 13enni e nuove regole per i Gruppi di Discussione, quali impatti e nuovi scenari possibili?

LinkedIn ha iniziato a distribuire un aggiornamento del proprio sistema di Messaggistica, un nuovo “rispolverato” Profilo per i 13enni e a breve nuove regole per i Gruppi di Discussione. Queste alcune recenti e meno novità: la prima è già in fase di distribuzione, nei giorni scorsi anche il mio profilo personale è stato aggiornato, la seconda risale addirittura alla fine del 2013 con scarsissimo riscontro fino ad ora (fortunatamente), mentre la terza sarà rilasciata a breve. 

La notizia è dei primissimi di settembre e proprio in questi giorni LinkedIn ha iniziato a distribuire il suo aggiornamento del proprio sistema di Messaggistica sia sul web sia sui dispositivi mobili. WhatsApp, Messanger e Snapchat sempre più popolari, forse questa la ragione principale che ha spinto il più famoso social per il b2b, LinkedIn, a intraprendere questa strada. 

La Chat quale nuovo strumento di contatto e messaggistica, di cosa si tratta? Prima molto simile ad un gestore di mail, ora una vera e propria chat come quelle più famose per mobile e in uso nei principali social network. Più comoda, fluida e immediata sicuramente soprattutto per coloro che usano tale strumento in mobilità. E’ possibile aggiungere ai messaggi le Gif, immagini anche animate, e le emoji, le c.d. faccine, come del resto in tutte le altre chat dei più famosi social. 

Questa novità però non permette più di inviare messaggi, ad esempio, ad un gruppo di dieci destinatari evitando che tutti quanti vedano tutti gli altri. Ma la funzione CCN, Copia Conoscenza Nascosta, dov’è finita? E ora come sarà possibile tutelare la privacy di tali soggetti destinatari? 

Forse sarebbe stato più utile mantenere il sistema di messaggistica in uso fino a poco tempo prima e introdurre una chat come funzione aggiuntiva, arricchendo di parecchio tale servizio. In questo modo avrebbero probabilmente potuto fare davvero la differenza: Mail più Chat! 

Non dimentichiamo che LinkedIn nasce e si è proposto fino ad ora quale piattaforma per il b2b, e ora quale rischio corre il Social? 

Un suo utilizzo più ridotto e forse anche un abbandono, concreta possibilità, da parte di chi utilizzava tale strumento di comunicazione per il mantenimento delle relazioni professionali, commerciali o più semplicemente all’interno della propria organizzazione. Abbandono e migrazione verso un’altra piattaforma sociale che potrà offrire tale servizio purchè le regole più elementari in materia di privacy siano garantite, ma non solo questo necessariamente. 

Anche un cambio di strategia di digital marketing potrebbe essere alquanto probabile. Utilizzare il Social per ampliare la propria rete di collegamenti e tramite i propri post portare l’utente verso il proprio sito web o blog, quindi al suo esterno, offrendo la possibilità di accedere a contenuti interessanti, condividerli e magari, perché no, invitandolo ad iscriversi alla propria newsletter, facendo proprio quel Lead o Prospect ed effettuando in un secondo momento azioni che potrebbero completamente estraniare il Social. Un DEM (Direct Email Marketing), ad esempio, sotto il proprio controllo e nel rispetto e tutela dei dati personali dei propri destinatari avvalendosi anche di strumenti di inoltro automatizzati (MailUp, MagNews, etc.). 

E tutto questo mentre ad inizio ottobre il più famoso social network per il b2b viene multato per 13 milioni di dollari per spam negli Stati Uniti. LinkedIn inviava, fino a 3 mail in caso di mancata risposta, inviti a collegarsi alla sua piattaforma ai contatti acquisiti dai propri utenti registrati al fine di rimanere in contatto. Proprio le due mail in caso di mancato riscontro sono state considerate spam dai giudici USA, comunicazioni di sollecito non autorizzate e pertanto sanzionato. La class action californiana nei suoi confronti ha avuto la meglio: 1500 dollari circa per ogni querelante. 

L’intenzione molto probabilmente è quella di un cambiamento radicale del proprio sistema di comunicazione. La chat è sicuramente più facile e istantanea, e con l’introduzione di immagini e video potrà sicuramente rendere più emozionante tale esperienza comunicativa. Ma stiamo parlando di LinkedIn o Facebook? Possibile immaginare una conversazione tra fornitore e cliente con l’utilizzo di emoji? Anche, ma non è sempre possibile! Due Social completamente differenti tra loro e con utenti, magari anche in comune, ma con approcci e fruizione dei servizi anche diversi tra loro. 

Probabilmente le nuove logiche di business di LinkedIn lo porteranno a diventare un social come altri tra i più famosi e con lo stesso numero di utenti, forse, ma questa scelta così come attuata che non consente più ad esempio di comunicare con i propri collegamenti in modalità privacy potrà sicuramente avere delle conseguenze in termini di minore fruizione dei servizi proposti e in numero di utenti. 

In realtà potrebbero esserci delle ragioni che apparentemente non comprendiamo, come i Profili per 13enni (età minima) e le nuove regole sui Gruppi di Discussione, che affronteremo nei prossimi contenuti che saranno postati nei prossimi giorni, e che molto probabilmente ci aiuteranno forse a meglio comprendere questa “nuova” strategia di LinkedIn. 

Quello che ad oggi pare evidente è forse la poca attenzione sia verso la tipologia dei propri utenti business e soprattutto nei confronti delle più elementari regole di tutela e protezione della riservatezza delle informazioni personali. 

Si parla sempre più di mancanza di fiducia degli utenti del web da una parte, e di fidelizzazione come un must in qualunque strategia di digital marketing dall’altra parte, e non puntare alla privacy quale leva di competitività per conquistare sempre di più la fiducia dei consumatori on line potrebbe essere una strategia non convincente. 

Solo il mercato con le sua scelte ci dirà se tale strategia sarà vincente o meno, non ci resta che aspettare alla finestra!

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Privacy specialist e Data Protection Officer

Microell S.r.l. - Busto Arsizio (VA)

Microell S.r.l.

Consulenti aziendali / Privacy specialist e Data Protection Officer

Via Mazzini 19/b

21052 - Busto Arsizio (VA)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Privacy&Lavoro: Controlli a distanza del lavoratore

A settembre approvate le nuove regole, quali le novità normative? Facciamo il punto della situazione

Continua

Privacy & Cookie: la pubblicità online ci insegue

Ma come fanno a conoscerci? E soprattutto qual è l’opinione degli utenti?

Continua

Privacy Shield: porto non sicuro come Safe Harbor?

La Commissione Europea presenta lo scudo UE-USA per la privacy

Continua

CryptoWar: negli USA guerra a colpi di crittografia

Internet of Things tecnologia vulnerabile e quindi facilmente intercettabile

Continua

Sanno e vedono tutto di noi, ma questo non basta

Ci monitorano e incrociano i nostri dati per essere poi venduti all’asta ai migliori offerenti.

Continua

Notificazione Cookie: quando è davvero necessaria?

Molti ancora i dubbi sui trattamenti di dati personali e soggetti tenuti ad informare l’Autorità Garante Privacy

Continua

Regolamento UE Privacy: nuove regole

Storica intesa raggiunta nella notte, garanzia di innovazione e sviluppo?

Continua

eCommerce: vietata la profilazione senza consenso

Stop alla newsletter personalizzata e all’utilizzo dei dati di oltre 300mila clienti

Continua

LinkedIn: gruppi a rischio spam, minori, privacy

Recenti novità e altre in arrivo. Il Social le chiama “semplificazioni”, ma ne siamo sicuri?

Continua

Facebook e il suo lato oscuro

Luci e ombre sul più famoso dei social network dalle molteplici facce

Continua

13enni & LinkedIn: in arrivo nuovi utenti!

Da social network b2b più famoso del mondo a sala giochi sul web?

Continua

Facebook & Cookie: rischio multa da 250.000€

Tribunale Belga ordina di non monitorare utenti non iscritti al Social

Continua

Il Garante per la Privacy invalida Safe Harbor

E ora quali strumenti e soluzioni si rendono necessari per la tutela dei dati?

Continua

Reati On Line: apre il primo sportello per le vittime

Il primo sportello nel nostro paese quale punto di riferimento per tutti coloro che hanno subito truffe nel web

Continua

Internet: dati sicuri valore aggiunto per imprese

La Privacy e la protezione dei dati personali quali leve di competitività

Continua

Dati in USA non sicuri: caso Facebook, conseguenze?

Problematiche e nuovi scenari possibili per i servizi ICT e Cloud made in USA

Continua

Cookie: cosa sono? Come funzionano? Perchè si usano?

I siti web rilasciano cookie nel tuo PC che raccolgono informazioni relative alle tue preferenze di navigazione: ci sono rischi per la tua Privacy?

Continua

Cookie Law: nuove indicazioni del Garante Privacy

Come gestirli correttamente. Google Analytics: evitare la notificazione è possibile

Continua

Cookie e Profilazione: i chiarimenti del Garante

L’Autorità Garante tramite un comunicato stampa cerca di far chiarezza sulle recenti novità normative in materia di Cookie Law

Continua