Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto societario

Inammissibilità del concordato preventivo di gruppo

Cass., Sez. I Civ., sent. n. 20559/15. La Suprema Corte fa chiarezza circa la proponibilità del concordato preventivo dei cosiddetti gruppi societari.

Inammissibilità del concordato preventivo di gruppo - Cass., Sez. I Civ., sent. n. 20559/15. 
La Suprema Corte fa chiarezza circa la proponibilità del concordato preventivo dei cosiddetti gruppi societari.

Con la sentenza in commento la Suprema Corte ha rilevato che il giudizio de quo non avrebbe potuto essere proposto, poiché nel nostro ordinamento non esiste espressa disciplina del fenomeno del c.d. concordato di gruppo, sebbene nella pratica frequentemente le imprese si organizzino in forma di gruppi e la giurisprudenza di merito si sia pronunciata più volte sul concordato di gruppo.
 

La Cassazione infatti ritiene che “l’attuale sistema del diritto fallimentare” non disciplina il fenomeno del concordato di gruppo e l’assenza di una disciplina positiva sulla competenza, le forme del ricorso, la nomina degli organi, le formazioni delle classi e delle masse, non può essere superata, in via interpretativa, mediante presentazione di un unico piano concordatario per le società del gruppo.  

 

Pertanto non risulta ammissibile un’unica procedura di concordato per il gruppo, ma le proposte di concordato devono essere presentate separatamente dalle singole società, come pure debbono sempre essere tenute distinte le rispettive masse attive e passive.  

 

Inoltre le maggioranze necessarie per l’approvazione del concordato vanno conseguentemente calcolate con riguardo alle singole imprese del gruppo, con adunanze distinte. 

 

Stesso discorso valga per la competenza territoriale che appartiene al tribunale del luogo in cui la singola impresa ha la propria sede principale, senza la possibilità di riunioni per ragioni di connessione con alte procedure relative alle società del gruppo.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto societario

Avv. Roberto Palermo - Roma (RM)

Avv. Roberto Palermo

Avvocati / Civile

Via Pirro Ligorio, 9

00153 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Computo degli utili nella liquidazione della quota

Il diritto agli utili del socio recedente o deceduto è sempre collegato al diritto alla liquidazione della quota

Continua

Fallimento ed eccezione d`inadempimento

Corte di Cassazione: lĺimpresa appaltatrice fallita ha comunque diritto al corrispettivo

Continua

FALLIMENTO - Inefficacia del fondo patrimoniale

Corte di Cassazione, sez. VI Civile, ordinanza 2 dicembre 2014 ľ 23 febbraio 2015, n. 3568

Continua