Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto dei consumatori

Stalking condominiale

I vicini molesti possono essere denunciati alle autorità. Ma bisogna sapere quando e come procedere

Stalking condominiale - I vicini molesti possono essere denunciati alle autorità. Ma bisogna sapere quando e come procedere

Rumori molesti, volume della tv alto, getti d’acqua dal balcone, minacce, vandalizzazioni all’autovettura o all’abitazione, violazioni di domicilio, animali domestici uccisi, azioni legali pretestuose compiute giusto per infastidire. 

Non di rado le molestie condominiali possono arrecare problemi alla tranquillità psicologica e alla privacy dell’individuo. 

Quelli che superficialmente sembrano semplici “bisticci condominiali” potrebbero in realtà celare una minaccia tale da causare nella vittima un fondato timore per la propria incolumità o quella della propria famiglia, in conseguenza all’aggressività delle condotte persecutorie che degenerano spesso in atti eclatanti. 

 

Gli atti persecutori compiuti da un soggetto ossessivamente e continuativamente nei confronti di un’altra persona al fine di ottenere le attenzioni desiderate, vengono definiti “stalking”: sono più frequente in ambito familiare o coniugale ma possono essere anche applicati in ambito condominiale. 

La norma di riferimento è l’art. 612 bis del Codice penale richiedendosi, per la sua applicazione, la presenza una minaccia o molestia continuate nel tempo tali da ingenerare tre diversi eventi: un perdurante stato d’ansia, il fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di persona legata da relazione affettiva, la costrizione della vittima ad alterare le proprie abitudini di vita. 

 

Bisogna però stare attenti al caso concreto perché, la condotta che in prima analisi potrebbe sembrare rientrare nel caso dello “stalking condominiale“, in realtà potrebbe configurare un altro tipo di reato. 

Ad esempio, la giurisprudenza ha rinvenuto applicabile ad una condomina che aveva gettato nel piano sottostante ove si trovava l’appartamento di quest’ultima, rifiuti, quali cenere e cicche di sigarette, nonché detersivi e candeggina, il delitto ex art 674 c.p. che punisce il getto pericoloso di cose  ovvero “chiunque getta o versa, in un luogo di pubblico transito o in un luogo privato ma di comune o di altrui uso, cose atte a offendere o imbrattare o molestare persone”. (Cass. pen., sez. III, sent. n. 16459/2013). 

Allo stesso modo, la Cassazione ha punito il getto di foglie, rami e altri materiali di scarto dal piano superiore così da diminuire l’immagine, il decoro e l’igiene dell’entrata di un panificio sottostante (Cass. pen., sez. I, n. 11998/2013). 

 

Come si può procedere in presenza di molestie condominiali? 

Dal momento che non tutti gli atti persecutori sono uguali, per fornire le modalità di difesa comuni da adattare alle circostanze e alle diverse tipologie di persecutori, bisogna valutare caso per caso. 

Un primo passo, prima di presentare querela, è quello di esporre i fatti all’autorità di pubblica sicurezza avanzando richiesta al Questore nei confronti dell’ autore della condotta di ”stalking”, affinché venga adottato un provvedimento di “ammonimento” (art. 8 del Decreto Legge 23 febbraio 2009 e successive modifiche) . 

Sebbene possa sembrare una soluzione “blanda” (si tratta pur sempre di un provvedimento amministrativo nei confronti del soggetto che ha compiuto atti persecutori) in realtà è uno strumento potenzialmente utile ad evitare che certi comportamenti sfocino verso forme più violente di manifestazione riportando il molestatore verso il “buon senso”. 

Se tale provvedimento non dovesse bastare, la persona offesa può presentare querela per “stalking” entro sei mesi dal fatto persecutorio, mentre si procede d’ufficio (indipendentemente dalla presentazione della querela) se il fatto è commesso da soggetto già ammonito. 

In caso di condanna del disturbatore si può giungere all’applicazione dell’articolo 282-ter del Codice di Procedura Penale con il quale il Giudice può disporre un provvedimento di “divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa” ordinando all’autore di non avvicinarsi a luoghi determinati ed abitualmente frequentati dalla vittima e, quindi, l’allontanamento dal plesso condominiale dei vicini molesti.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto dei consumatori

Studio Legale Avv. Giuseppe Freni - Messina (ME)

Studio Legale Avv. Giuseppe Freni

Avvocati / Civile

Via Ettore Lombardo Pellegrino 111

98123 - Messina (ME)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Errore medico: cosa fare?

I casi di responsabilità medica sono in aumento a seguito dell’incremento delle prestazioni sanitarie. Cosa fasre se subiamo un danno in ambito sanitario?

Continua

Come chiedere risarcimento danni ad eBay

E' possibile chiedere un risarcimento danni in caso di sospensione illegittima del proprio account eBay

Continua

Patteggiamento penale e giudizio civile

Quali conseguenze civili ha una sentenza di condanna patteggiata?

Continua

Phishing: cosa fare se rubano i nostri soldi

Quando incappiamo a nostra insaputa in una frode online, può essere particolarmente rischioso per i nostri risparmi. Vediamo perché e cosa fare

Continua

L'ordine del giorno dell'assemblea di condominio

L’ordine del giorno nelle assemblee di condominio: che contenuti deve avere e come si può contestare?

Continua